mercoledì 24 gennaio 2018

Prima di modificare il 'carcere duro' incominciamo col 'carcere normale'.

di Pier Giorgio Tomatis. L'articolo 41-bis dell'Ordinamento penitenziario italiano è comunemente conosciuto con la formula lessicale "carcere duro". Essa ha numerosi ambiti di applicazione che vanno dal terrorismo, all'eversione, dai reati per mafia alla riduzione in schiavitù o in servitù, dall'induzione alla prostituzione minorile alla tratta di persone o acquisto e alienazione di schiavi, dalla violenza sessuale di gruppo al sequestro di persona a scopo di rapina o di estorsione, dall'associazione per delinquere finalizzata al contrabbando di tabacchi al traffico di sostanze stupefacenti o psicotrope. Le strutture italiane attrezzate che possono sostenere il carcere duro sono 23. Se si può pensare dall'uso improprio dei vocaboli del nostro dizionario che tale strumento preveda "lavori forzati" o altre coercizioni fisiche sui detenuti si rischia di rimanere delusi. La durezza della detenzione è concentrata sui contatti umani dei carcerati all'interno e all'esterno. L'isolamento è la misura che è prevista dal famigerato articolo.

Meteo Rai3 ore 19.00, previsioni di ‘oggi’ ovvero di un tempo che è già passato!

Non so a quanti di voi sia capitato di provare 'un certo fastidio' per il Meteo di Rai3 in onda poco prima del Tg delle 19.00. Ebbene, a me succede tutte le sere che lo guardo. Più che previsioni, si direbbe un resoconto della giornata che sta volgendo al termine, dacchè si dilungano in maniera eccessiva - cartine e icone di nuvole, sole, venti e temperature di mattino, pomeriggio e sera - sulle condizioni del tempo di 'oggi', ovvero di un tempo che è già passato! Insomma, previsioni anacronistiche, utili soltanto a chi deve giocare una partita di calcetto in notturna e vuole sapere se mettere o meno il kiwai nel borsone. Previsioni, invece, stringate che liquidano in due parole il tempo di 'domani'! Insomma, un servizio pubblico che andrebbe aggiornato all'orario in cui viene trasmesso perché ognuno di noi sa benissimo se nel corso della giornata c'è stato sole o pioggia e, poi, per la serata, c'è sempre il fai da te, aprire la finestra e guardare il cielo piuttosto che Meteo3!

martedì 23 gennaio 2018

Salvini-Berlusconi due facce della stessa medaglia?

Uno 'frena'. L'altro 'spinge'! Se da una parte Silvio Berlusconi rassicura l’Europa per quanto riguarda i vincoli di bilancio, dichiarando che con lui al governo l’Italia rispetterà la regola del 3% del deficit, dall’altra parte, che poi sarebbe sempre la stessa, ovvero quella del centrodestra, Matteo Salvini attacca: 'Il numerino 3 - ha detto il leader del Carroccio - se danneggia le imprese e le famiglie italiane, per noi non esiste. Se ci sono regolamenti Ue che danneggiano le famiglie italiane quei regolamenti per il governo Salvini non esistono: come la Bolkestein, la direttiva Banche", puntualizza, citando il 'punto tre' del programma del centrodestra. E ancora: “L'euro era e resta un esperimento sbagliato che ha danneggiato il lavoro e l'economia italiana. Noi non cambiamo idea. Ci prepariamo a difendere l'interesse nazionale come abbiamo sottoscritto nel programma del centrodestra con la prevalenza della Costituzione sull'ordinamento Ue". Su una cosa i due, invece, sono d’accordo, mai la ‘Grande Coalizione’ in caso di assenza di maggioranza dopo il voto del 4 marzo. "Escludo la possibilità di una grande coalizione - ha detto Berlusconi - non c'è nessuna possibilità che accada, avremo la maggioranza alla Camera e al Senato". Un punto, sul quale, è in sintonia con la Lega: "Chi vota Lega - dice Salvini - fa una scelta chiara. Noi non siamo disponibili a sostenere governi con il centrosinistra imposti dalla Ue".

Dopo la ‘questua’ degli 85 euro lordi, sarà difficile che uno Statale voti PD!

I soldi li trovano per mantenere i clandestini, i privilegi della casta, gli stipendi e le pensioni d’oro, e li troveranno, a sentire le ultime promesse elettorali, anche per disoccupati e pensionati sociali, ma per quanto riguarda gli Statali non si riesce a trovare il becco di un quattrino, ma solo qualche spicciolo. E così, dopo circa dieci lunghissimi anni di blocco contrattuale - durante i quali l’euro ha dimezzato le buste paga e il potere d’acquisto, degli Statali giocando di sponda con il caro vita - il governo ha partorito un contrattino!

Due blog di uno stesso leader, o due blog liberi e indipendenti, uno per un comico e un altro per un partito politico?

Stamattina chi si è affacciato su Internet e ha provato ad aprire il blog di Beppe Grillo si è trovato sullo schermo del computer una insolita videata, completamente diversa dallo storico sito dove campeggiava il logo del MoVimento 5 Stelle. Beppe Grillo, infatti, ha da oggi il suo 'personalissimo' spazio web che corrisponde sempre all'indirizzo www.beppegrillo.it,

Fascismo e razzismo sono solo una costruzione mediatica?

di Gerardo Lisco. Da qualche tempo a questa parte siamo sottoposti a una martellante campagna da parte degli organi di stampa circa i rigurgiti razzisti e fascisti che attraversano la Società italiana. Ricordo in primo luogo a me stesso che da quando ho cominciato ad interessarmi di politica fascismo e razzismo sono sempre stati presenti nel panorama politico italiano. Da studente delle superiori ricordo i primi volantini distribuiti davanti scuola contro il fascismo e il razzismo. Ricordo gli scontri tra giovani di sinistra e giovani di destra, i tentativi di farseschi colpi di stato ispirati da generali, servizi segreti collusi e deviati, ricordo anche che sulle schede elettorali era presente il simbolo della fiamma tricolore

Emma Bonino sui migranti: 'Senza di loro nessuno raccoglierebbe i pomodori'!

di Salvatore Santoru. Emma Bonino, candidata alle elezioni del 2018 con la lista '+Europa', ha affermato che gli attuali flussi migratori che interessano l'Italia sono assolutamente indispensabili per l'economia e la società italiana, specialmente nel campo della scuola e dell'agricoltura. Tali affermazioni hanno fatto e faranno discutere soprattutto per determinate parole utilizzate dalla politica dei Radicali.

lunedì 22 gennaio 2018

Mille euro per tutti!?

C'è un 'minimo comune denominatore' nelle intenzioni di tutte le forze politiche che si contendono i voti a colpi di promesse elettorali: reddito e pensione di… chiamateli come volete, cittadinanza (M5S), inclusione (PD) o dignità (FI), ma la sostanza non cambia. Evidentemente i leader politici hanno fatto i conti della serva e considerano il bacino di voti dei 'senza reddito e pensione' assai più redditizio di coloro che uno straccio di pensione o di stipendio riescono in qualche modo a portarlo a casa. 

Oxfam: ricchi sempre più ricchi, poveri sempre più poveri. La ricchezza paga, il lavoro no.

di OXFAM Italia. In occasione del Forum Economico Mondiale che si terrà dal 23 al 26 gennaio presso la cittadina di Davos, in Svizzera, denunciamo sempre più fortemente le mancanze del sistema economico attuale, che consente solo a una ristretta élite di accumulare enormi fortune, mentre centinaia di milioni di persone lottano per la sopravvivenza con salari da fame, e chiediamo ai governi e ai candidati alle prossime elezioni nazionali [in Italia] di prendere impegni concreti contro la disuguaglianza.

Renzi: 'La destra italiana è populista e non popolare'!

di Salvatore Santoru. Recentemente, nell'ambito di un meeting con gli europarlamentari del Pd, Matteo Renzi ha fortemente criticato la destra italiana. Come riportato in un articolo pubblicato sul sito web di 'Rai News', il segretario del Partito Democratico ha sostenuto che la sempre più forte ascesa della destra rappresenta un vero e proprio pericolo per l'esistenza dell'Unione Europea. Secondo il segretario PD solamente una vittoria del centrosinistra può

La tragedia umanitaria in Yemen.

di Salvatore Falzone. La "Primavera Araba" nata come ribellione, specie dei più giovani contro il nepotismo delle autorità politiche che perpetuavano se stesse per la gestione e il mantenimento del potere, da rivolta popolare si è trasformata - in alcuni casi - in rivolta armata e guerra civile. Le classiche divisioni, sociali in clanico-tribali-familiari, politiche in forze governative e forze antigovernative o ribelli,

Ecco il programma del M5S: 20 punti per la qualità della vita degli italiani.

Via subito 400 leggi inutili, reddito e pensione di cittadinanza, meno tasse a cittadini e imprese e 50 miliardi di tagli ai costi e gli sprechi della politica, via la Fornero

sabato 20 gennaio 2018

Ceto medio al ‘the end’, la crisi non molla.

Le tasse strozzano il ceto medio, reo di possedere una casa ed un lavoro fisso a mille euro al mese. A fronte di una busta paga assai 'magra', dimezzata dal passaggio Lira-Euro e salassata dall'Irpef e dall'Inps, quel che sta uccidendo il ceto medio è senz'altro il caro vita e una tassazione senza precedenti, soprattutto sulla casa.

“Lo dico, poi lo interpreto”. Le nuove miserie dei politici italiani, e non solo.

di Enzo Sanna. Tutti conosciamo l'italico detto "Qui lo dico, qui lo nego" da sempre una sorta di modus operandi dei politici di ogni ordine e grado. Si rendeva una dichiarazione poi, a seconda delle reazioni, la si smentiva, magari incolpando di malevolenza quando non di perfidia il giornalista di turno, reo di aver interpretato in maniera scorretta il significato di una frase o persino di un singolo vocabolo. Oggi, però, le nuove tecnologie mettono i politici al muro: ciò che è detto è detto.

Stupro e furto in casa, reati vili e ignobili che violano l’intimità della persona e la sacralità della casa.

di Pier Giorgio Tomatis. La violenza è per una società civile un atto vile e da condannare. Di essa ne esistono molte forme ma quella più becera è senz'ombra di dubbio la violazione della sessualità. Lo stupro è uno degli atti più vili e ignobili che un uomo possa compiere nei confronti di un altro.

SCRIVI E INVIA UN ARTICOLO A FREESKIPPER


Nome e Cognome

Email

Titolo dell’articolo

Testo


Modulo di contatto

Nome

Email *

Messaggio *