I dirigenti della P.A. guadagnano il triplo della media Ue.

I dirigenti dello Stato Italiano sono strapagati per quello che "fanno o non fanno", arrivando a guadagnare il triplo dei loro colleghi europei. Del resto se i cittadini italiani vogliono "qualità" e "competenza" questo è il prezzo che sono costretti a pagare: prendere, oppure, preso atto dei risultati raggiunti, mandarli tutti nei campi a zappare la terra! Senza offesa, naturalmente, per la terra stessa e per chi ancora la lavora sul serio!
In Italia, a fine anna, un dirigente della Pubblica Amministrazione porta a casa uno stipendio medio di 650 mila dollari. In Francia, un dirigente di pari livello di uno italiano guadagna in media 260 mila dollari all’anno, in Germania 231 mila e in Gran Bretagna 348 mila. Negli Stati Uniti, la retribuzione media è di 275 mila dollari. 
Per contro i dipendenti pubblici “normali” - quelli che non siedono ai vertici della piramide burocratica, che non prestano servizio nei posti d’oro dello Stato Italiano e che quindi non campano di "stipendio riflesso" - percepiscono una busta paga di gran lunga inferiore a quella dei travet d’oltralpe! Hai voglia poi a parlare di tagli alla spesa pubblica e di spending review. La verità è che in Italia ci sono settori intoccabili, dove si "spending de più" e si continuano ad incassare favolosi stipendi d’oro! 
Secondo il rapporto "Government at a glance 2013", pubblicato in dollari dall’Ocse, i dirigenti italiani sono i più pagati. Con uno stipendio medio di 650 mila dollari, oltre 250 mila in più dei secondi classificati (i neozelandesi con 397 mila dollari) e quasi il triplo della media Ocse (232 mila dollari). I dati sono aggiornati al 2011, ma poco è cambiato da allora. In Francia, un dirigente dello stesso livello guadagna in media 260 mila dollari all’anno, in Germania 231 mila e in Gran Bretagna 348 mila. Negli Stati Uniti, la retribuzione media è di 275 mila dollari.
Ma quello sui dirigenti non è l'unico record fotografato dall'Ocse. Infatti l’Italia è in coda ai Paesi cosiddetti avanzati per la fiducia che i cittadini nutrono nei confronti del governo, dei partiti, delle istituzioni e delle banche. Insomma gli italiani, in generale, hanno scarsissima fiducia nel "Sistema Italia" ed in particolare nel sistema giudiziario (38% contro una media Ocse del 51%) e in quello sanitario (55% contro 71%). Come detto, verso la giustizia prevale la diffidenza e il nostro paese si contraddistingue anche per i tempi biblici dei processi, le difficoltà della giustizia civile, i "nodi" del sistema scolastico e la scarsa presenza femminile nelle posizioni di vertice. Tasto dolente anche l’istruzione, dove il Belpaese è penultimo nella spesa rispetto al totale delle uscite statali (8,5%).
Un altro settore in cui l'Italia resta indietro tra i Paesi Ocse è l’utilizzo di Internet nei rapporti con la pubblica amministrazione. Secondo un rapporto comparativo dell’organizzazione parigina, solo il 19% dei cittadini italiani usano la rete per interagire con enti locali e governo centrale, contro una media Ocse del 50%. Solo il Cile, con il 7%, ha un risultato peggiore, mentre tutti i grandi Paesi europei sono al di sopra del 40%: la Gran Bretagna al 43%, la Spagna al 45%, la Germania al 51% e la Francia al 61%.
Tutto ciò nonostante la spesa pubblica nel 2011 si attestasse quasi al 50% del Pil, contro il 45,4% della media Ocse e il debito pubblico al 120%, oltre 40 punti percentuali in più della media (79%).
E mentre l'Italia sprofonda nella disoccupazione, nella precarietà, nel debito pubblico, nell'indigenza di una crisi sempre più nera e senza via d'uscita, gli italiani affogano nelle tasse a fronte di servizi prossimi allo zero e la casta... ingrassa! E' ora di dare un segnale, di mettere la parola fine allo sfascio del Paese! Iniziamo a muovere qualcosa firmando la petizione promossa da 'freeskipper' per dire basta agli stipendi d'oro nella Pubblica Amministrazione.


DICIAMO BASTA AGLI STIPENDI D'ORO NELLA PUBBLICA AMMINISTRAZIONE! 

BASTA CASTA!  -  BASTA DISUGUAGLIANZE!  -  BASTA INGIUSTIZIE E PRIVILEGI! 
BASTA LAVORATORI DI SERIE "A" E LAVORATORI DI SERIE "B"! 
BASTA STIPENDI D'ORO: A PARITA' DI REQUISITI, PARITA' DI RETRIBUZIONE IN TUTTA LA PUBBLICA AMMINISTRAZIONE!

NON E' PIU' ACCETTABILE CHE UN DIPENDENTE DEL QUIRINALE, DELLA CAMERA O DEL SENATO GUADAGNI CINQUE, SEI VOLTE DI PIU' DI UN IMPIEGATO DEL CATASTO CON PARI REQUISITI.
E' INACCETTABILE PER GLI STESSI DIPENDENTI PUBBLICI. 
E' INACCETTABILE PER I CITTADINI CHE LI PAGANO A FRONTE DI TASSE SEMPRE IN AUMENTO E SERVIZI SEMPRE PIU' CARENTI.

E' ARRIVATO IL MOMENTO DI RIDURRE SPRECHI E PRIVILEGI.
MIGLIORIAMO L'EFFICIENZA E L'EFFICACIA DELLA PUBBLICA AMM.NE.
FIRMA ANCHE TU LA >>> P E T I Z I O N E <<< PER UN'ITALIA PIU' GIUSTA, EQUA E SOLIDALE. PER UNO STATO AL REALE SERVIZIO DEI CITTADINI.

FIRMA LA PETIZIONE LANCIATA DA "freeskipper" PER ELIMINARE LE DISPARITA' DI TRATTAMENTO ECONOMICO NELL'AMBITO DELLA PUBBLICA AMMINISTRAZIONE.

Commenti

GLI ARTICOLI PIÙ LETTI DEL MESE

Cronaca di un ‘ceto medio’ che non c’è più.

Mille euro per tutti!?

Roma Capitale, #alberiperilfuturo. E per Via Savona!?

Il carabiniere cade, gli antifascisti lo pestano.

Lo zoo nell’urna, dal giaguaro smacchiato di Bersani al panda carnivoro di Grillo passando per altre 'bestiali' amenità.

La globalizzazione del lavoro al minimo sindacale.

San Remo. L'Italia, ingabbiata dalla crisi, non canta per amor, canta per rabbia!