Famiglie sempre più povere, tasse sempre più alte: piove sul bagnato!

La giostra dei numeri continua, nel frattempo il Paese scivola nelle paludi della crisi e rischia di rimanere affogato, e questa purtroppo non è una metafora, nell’allerta meteo di questi piovosi giorni di inizio anno! E piove sul bagnato, dal momento che comuni e regioni fanno sapere, nonostante gli ultimi salassi perpetrati a danno delle tasche degli italiani, di non avere neanche un centesimo in cassa per arginare l’emergenza idrogeologica di un Paese che rischia di scivolare via…
Ma sprizza ottimismo da tutti i pori il premier Enrico Letta, che da Abu Dhabi ha ribadito che la crisi italiana è passata, e che il Paese "ora deve e può attrarre investimenti". Ben altra musica quella suonata dal presidente di Confindustria Giorgio Squinzi, secondo il quale mezzo punto di crescita nel 2014 non basta a creare occupazione. E lancia un avvertimento: "O si cambia passo con il governo esistente o ad un certo punto andiamo a votare"! Il premier da Abu Dhabi risponde a Confindustria: "Ognuno faccia il suo lavoro". E sostiene che i dati del governo sono quelli giusti. Tra i due litiganti il terzo - ovvero il cittadino italiano che campa con stipendi e pensioni da fame, quando non è disoccupato o cassintegrato - non si può certo dire che goda!
Comunque, secondo i dati Istat nel 2012 il reddito disponibile delle famiglie in valori correnti diminuisce, rispetto all'anno precedente, in tutte le regioni italiane. Nel confronto con la media nazionale (-1,9%), il Mezzogiorno segna la flessione più contenuta (-1,6%), seguito dal Nord-est (-1,8%), Nord-ovest e Centro (-2%). Le regioni con le riduzioni più marcate sono Valle d'Aosta e Liguria (-2,8% in entrambe). La caduta registrata nel 2012 è la seconda dopo quella, ancora più forte, segnata nel 2009. D'altra parte sono stati due anni passati sotto il segno della recessione. Insomma, fa osservare l'Istat, ''l'economia italiana nell'ultimo quadriennio ha attraversato una fase di crisi che ha avuto effetti negativi anche sull'andamento del reddito disponibile delle famiglie''. Ecco che, sottolinea, ''il valore nominale del reddito disponibile nel 2012 è risultato di poco superiore a quello del 2009 (+1%), ma le difficoltà non hanno colpito le regioni con la stessa intensità''. Se, infatti, il 2012 è stato un anno 'nero' soprattutto per il Centro Nord, dove la crisi aveva evidentemente più da portar via, la situazione si capovolge allargando lo sguardo all'intero periodo che va dal 2009 al 2012. Arco temprale in cui, spiega l'Istituto di statistica, ''il reddito disponibile ha segnato un andamento più favorevole nelle regioni settentrionali, con una crescita complessiva dell'1,6% nel Nord-ovest e dell'1,7% nel Nord-est''. Si trovano, invece, nel Mezzogiorno le regioni dove il reddito disponibile è risultato inferiore a quello del 2009. Il discorso cambia se si passa dal reddito disponibile delle famiglie a quello per abitante: il valore pro-capite espresso in valori correnti, ha subito, tra il 2009 e il 2012, una contrazione dello 0,1%, frutto di un calo consistente al Centro (-1,2%), di una variazione nulla nelle regioni settentrionali e di un piccolo incremento nel Mezzogiorno (+0,2%).
Insomma, il reddito degli italiani si va sempre più assottigliando e quel che resta in busta paga rischia di finire tutto in tasse! Con la Legge di stabilità, infatti, il peso de fisco sugli italiani nel triennio 2014-2016 è triplicato. Lo afferma Confcommercio sulla base dei dati Bankitalia, Istat e Cer. Secondo l'analisi, nel periodo 2014-2016 l'aumento di imposizione previsto dalla versione finale della Legge di Stabilità è salito ad oltre 4,6 miliardi, rispetto agli iniziali 1,6 miliardi del disegno di legge originario. Di contro le famiglie sono sempre più povere (persi 18 mila euro a testa di ricchezza) e i consumi fermi (-4,2% nel 2012).
"Ma non è vero niente! La crisi è finita! I dati giusti sono quelli del governo! Ad ognuno il suo lavoro!". Risponde Letta a Confindustria, a Confcommercio, ai lavoratori con 1.000 euro al mese, ai pensionati a 600 euro e a quei sei milioni di disoccupati che - ben volentieri e certamente meglio dell'attuale esecutivo per quel che ad ognuno compete - farebbero il proprio lavoro solo se venissero messi nelle condizioni di averne uno!
>>> FIRMA ANCHE TU LA  P E T I Z I O N E CONTRO GLI STIPENDI D'ORO!

Nessun commento:

Posta un commento

freeskipeer è uno spazio libero. L'immediatezza della pubblicazione dei commenti non permette filtri preventivi. Per questa ragione chi commenta è il solo responsabile del contenuto delle proprie affermazioni. freeskipeer si dissocia da eventuali messaggi lesivi di diritti di terzi.

freeskipeer si dissocia categoricamente da:
- messaggi con linguaggio offensivo
- messaggi che contengono turpiloquio
- messaggi con contenuto razzista o sessista
- messaggi il cui contenuto costituisce una violazione delle leggi italiane (istigazione a delinquere o alla violenza, diffamazione, ecc.)