I Cavalieri della morte.

di Maria Pia Caporuscio. La cosa più oscena che “i potenti” di questo secolo vogliono farci credere, usando l’efficacissimo bombardamento mediatico con cui ci anestetizzano, è che sarebbe finita l’epoca in cui anche la classe lavoratrice, potesse avere diritto ad una qualità di vita decente, con un lavoro certo, la sicurezza di poter mantenere la famiglia e vivere in santa pace, cose normalissime ma che lor signori ritengono privilegi inammissibili. Ci fanno credere che è necessario ingranare una marcia indietro della società, dovuta ad una crisi provocata dall’aver vissuto al di sopra delle possibilità, quasi che a provocarla fossero stati i diritti “concessi” ai lavoratori e non gli sprechi e i loro mostruosi accaparramenti delle risorse.
Questo ritorno al passato vale esclusivamente per la classe lavoratrice mentre la classe dirigente viene seppellita da montagne di denari. Mai come adesso i ricchi hanno visto lievitare all’infinito la loro ricchezza dovuta, senza alcun dubbio, al furto perpetrato sui lavoratori, che privati dei diritti e dimezzati i salari, continuano a lavorare in schiavitù, facendo debordare le casse di questi signori. Per realizzare questa moderna apocalisse si è fatto di tutto, dalla moneta unica alla globalizzazione dei mercati, dal privare gli Stati della sovranità politica ed economica per affidarla al potere finanziario, dalla svendita dei patrimoni statali per favorire i privati, dalla creazione di manager strapagati per far fallire le imprese e generare una disoccupazione di massa. 
Questi cavalieri della morte possono contare su una manica di inquisitori chiamati “economisti” che senza alcun legame con la logica, esercitano il terrorismo alla pari dei talebani. Possono contare sui media, novelli evangelisti di questo nuovo dio chiamato “mercato” e su governanti privi di cervello, di onore e di onestà. Contro questa corazzata atomica la popolazione appare sempre più indifesa e debole e mentre le si chiedono sacrifici al di sopra dell’umana decenza, la classe dominante continua a farsi beffa della popolazione, delle generazioni future se non dello stesso pianeta che ci regge e che violentano senza alcuna pietà, allo stesso modo con cui depredano i suoi abitanti. 
Il compito di questa nuova religione è seminare disperazione, creare miliardi di sacrifici umani da immolare a questo sozzo dio, detto capitalismo finanziario. La popolazione non deve arrendersi, deve incazzarsi, deve raccogliere tutte le forze di cui ancora dispone. Dobbiamo prendere atto che "loro" sono dei parassiti sociali, che godono della sofferenza provocata dalle ruberie di cui si finanziano lussi e privilegi, una classe dirigente priva di ogni elemento morale, civile e sociale che tutti noi abbiamo il dovere di contestare e cacciare. Lo dobbiamo oltre che a noi stessi, alle future generazioni ma anche a tutti coloro che sono morti per difendere i diritti, la libertà e la pace che spetta ad ogni essere umano!

2 commenti:

  1. IL PIFFERAIO
    Suona il suo piffero e come per incanto i ratti della politica rispondono.
    Le ultime cartucce che sono rimaste ai ratti ? Votare al più presto
    Una legge sul Presidenzialismo che permetterà a tutta la casta politica e
    al Pifferaio di risorgere a nuova vita.
    E con l’aiuto della sinistra il Pifferaio diventerà il nuovo Duce.
    Assicurando cosi il proseguo dei loro intrallazzi
    Come diceva Bartali glie tutto sbagliato
    Glie tutto da rifare.
    Mi viene da dire che Ginettaccio a modo suo è stato profeta. Dopo la Guerra
    la maggioranza del Popolo presa coscienza si è ribellata allo sfruttamento
    Dopo lotte sindacali e sacrifici il Popolo di allora Per lo più composto dà semi analfabeti e riuscito a risollevare L’ITALIA dalle rovine di una Guerra voluta dal regime fascista.
    Col sacrificio abbiamo conquistato il diritto allo studio per le nuove Generazioni
    Annullando in parte l’analfabetismo il risultato?
    é evidente il troppo studio ha mandato il cervello delle generazioni nate nel primo dopo guerra in tilt
    Favorendo gli sfruttatori che vi stanno riportando al Medio Evo
    Sperando che gli sconci di questi ultimi giorni aprano il cervello.
    Ricordo che la classe dominante di allora usava dire a noi semi analfabeti di allora (Beata ignoranza)
    Oggi io mi sentirei di dire a voi giovani istruiti Beata Ottusità VITTORIO

    RispondiElimina
  2. Vittorio carissimo, come sempre non posso darti torto. Siamo anestetizzati, viviamo in coma vigile che ci fa capire il male che ci stanno facendo ma siamo privi di forza di volontà per combatterli. La paura di morire in una rivolta ci costringerà a morire da schiavi.
    Maria Pia

    RispondiElimina

freeskipeer è uno spazio libero. L'immediatezza della pubblicazione dei commenti non permette filtri preventivi. Per questa ragione chi commenta è il solo responsabile del contenuto delle proprie affermazioni. freeskipeer si dissocia da eventuali messaggi lesivi di diritti di terzi.

freeskipeer si dissocia categoricamente da:
- messaggi con linguaggio offensivo
- messaggi che contengono turpiloquio
- messaggi con contenuto razzista o sessista
- messaggi il cui contenuto costituisce una violazione delle leggi italiane (istigazione a delinquere o alla violenza, diffamazione, ecc.)