Stipendi d’oro: 'loro' non li taglieranno mai, ma almeno se ne parla!

Almeno una cosa l’abbiamo ottenuta noi di freeskipper che da anni ci battiamo contro gli “stipendi d’oro” della Pubblica Amministrazione: FINALMENTE SE NE PARLA! 
Ma la cosa che la gente, male informata, ancora ignora, è che non sono soltanto i “Capoccioni” a godere di certi stipendi, non sono solo i "Politici" a riscuotere certi assegni, ma anche tutto il loro entourage!  
Per cui se lavori allo sportello delle Poste sei uno “sfigato” a 1.200 euro al mese, ma se hai la scrivania nello stesso corridoio del Direttore Generale, due stanze dopo quella di un Sottosegretario o magari lavori addirittura al Quirinale allora sei un Super-Stipendiato! 
Il caso Moretti - 850 mila euro all’anno, per ritrovarci con un sistema ferroviario che tutti conosciamo fin troppo bene, chiedere ai pendolari per credere - è solo la punta mediatica dell’iceberg che deve far riflettere e deve imporre un cambio di marcia netto e rapido, se non altro in rispetto delle tante, ormai troppe persone che un lavoro nemmeno ce l’hanno. 
Sono di pochi mesi fa i dati Ocse che mostrano come i compensi dei dirigenti della Pubblica Amministrazione nel nostro Paese, risultano essere il triplo rispetto alla media dei paesi dell’Eurozona. 
Per contro, ogni giorno siamo costretti ad assistere al dramma di famiglie che non sanno come sbracare il lunario, di imprese che abbassano le saracinesche per mancanza di risorse, di imprenditori che si tolgono la vita perchè non sanno come pagare le tasse. 
In un tale contesto di crisi economica, sociale ed istituzionale è davvero inaccettabile sapere di dirigenti sia pubblici che privati che percepiscono compensi anche mille volte superiori a quelli di un loro sottoposto!
Dirigenti che oltretutto - nella stragrande maggioranza dei casi - sono gli unici e veri responsabili del licenziamento di migliaia di lavoratori, del fallimento di aziende ed uffici da loro stessi diretti e del disastro italiano.
In un momento storico come quello attuale dove ogni cittadino italiano è chiamato a tirare la cinghia per uscire dalla spaventosa crisi economica ed occupazionale che stiamo attraversando, non è più accettabile continuare ad elargire compensi spropositati che gravano sulle spalle dei contribuenti. 
Non è accettabile per nessuna nazione al mondo, nè tantomeno per un Paese al completo dissesto economico, sociale ed istituzionale come il nostro, che continua sempre a chiedere sacrifici ai soliti noti!!! 
E' inaccettabile che qualsiasi dirigente, di qualsiasi azienda, percepisca una retribuzione mille volte superiore a quella di un suo dipendente!

E ALLORA DICIAMO BASTA AGLI STIPENDI D'ORO! 
BASTA CASTA!
BASTA DISUGUAGLIANZE!
BASTA INGIUSTIZIE E PRIVILEGI! 
BASTA LAVORATORI DI SERIE "A" E LAVORATORI DI SERIE "B"!
BASTA STIPENDI D'ORO: A PARITA' DI REQUISITI, PARITA' DI RETRIBUZIONE IN TUTTA LA PUBBLICA AMMINISTRAZIONE!
NON E' PIU' ACCETTABILE CHE UN DIPENDENTE DEL QUIRINALE, DELLA CAMERA O DEL SENATO GUADAGNI CINQUE, SEI VOLTE DI PIU' DI UN IMPIEGATO DEL CATASTO CON PARI REQUISITI.
E' INACCETTABILE PER GLI STESSI DIPENDENTI PUBBLICI.
E' INACCETTABILE PER I CITTADINI CHE LI PAGANO A FRONTE DI TASSE SEMPRE IN AUMENTO E SERVIZI SEMPRE PIU' CARENTI.
E' ARRIVATO IL MOMENTO DI RIDURRE SPRECHI E PRIVILEGI.
MIGLIORIAMO L'EFFICIENZA E L'EFFICACIA DELLA PUBBLICA AMMINISTRAZIONE.

2 commenti:

  1. Il Parlamento di Oggi?
    Da Cittadino neutrale lo paragono al Mercato delle Vacche.
    Da ragazzino andavo a scuola a la Dante Alighieri di Firenze
    Ricordo che in piazza della Signoria tutti i venerdi Sensali e Contadini si incontravano per discutere eventuali compra vendite.
    I Contratti?
    li sigillavano sputandosi sulla mano prima di stringersela.
    Ciò che ci differenza dal Passato? La Mancanza di serietà e il non rispetto della parola data per Disonestà.
    PS L’Utopia che vorrei
    Semplice licenzierei tutti i Parlamentari onorevoli e senatori compresi i partiti che li rappresentano
    Io paragonerei L’Italia ad una grossa azienda che non ha bisogno di partiti per essere amministrata
    Ma di un Amministratore Delegato (Eletto dal Popolo)con l’obbligo di stipulare una assicurazione di tasca sua( Con durata quinquennale ) se i conti annuali risulteranno in regola. gli verrà rimborsata.
    Se i conti non tornano ? chi ha sbagliato pagherà i danni creati e il costo delle elezioni di tasca sua
    Il tutto vale anche per i presidenti Regionali e i Sindaci anche loro Eletti dal Popolo
    ( le provincie le abolirei)
    Comuni e Regioni sceglierebbero un rappresentante ciascuno che andrebbero a far parte del consiglio di Amministrazione alle dipendenze de l’Amministratore Delegato
    Che gestirà solo le spese per le Opere pubbliche d’interesse Nazionale facenti parte il programma quinquennale Votato da gli Elettori .
    Scartando le spese non facenti parte i programmi non votati dal Popolo delle singole Regioni
    Avranno priorità assoluta solo le spese dovute a calamità Naturali.
    Con l’obbligo ogni fine anno di presentare la nota delle spese sostenute dalle Regioni
    I Sindaci le spese Annuali le presenteranno alla loro Regione ha sua volta ogni singola Regione dovrà presentare la nota delle spese annuali A l’Amministratore delegato
    Con questa doppia documentazione si terranno d’occhio l’uno con l’altro.
    Provate ha fare i conti sul risparmio che ci sarebbe di tempo e di Danaro col tempo annulleremo il debito Pubblico riattivando L’Economia per dare quel Futuro che oggi non c’è ai Giovani. VITTORIO

    RispondiElimina

freeskipeer è uno spazio libero. L'immediatezza della pubblicazione dei commenti non permette filtri preventivi. Per questa ragione chi commenta è il solo responsabile del contenuto delle proprie affermazioni. freeskipeer si dissocia da eventuali messaggi lesivi di diritti di terzi.

freeskipeer si dissocia categoricamente da:
- messaggi con linguaggio offensivo
- messaggi che contengono turpiloquio
- messaggi con contenuto razzista o sessista
- messaggi il cui contenuto costituisce una violazione delle leggi italiane (istigazione a delinquere o alla violenza, diffamazione, ecc.)