"Voglio la mamma". Domani in edicola il libro di M. Adinolfi.

di Mario Adinolfi. Chi segue con più insistenza le mie pagine sui social network o il blog sa che ho passato il 2013 a scrivere un libro complicato, che si intitola "Voglio la mamma". Si tratta di un testo scritto "da sinistra, contro i falsi miti di progresso". Io, Mario Adinolfi, tra i fondatori del Partito democratico, candidato alla segreteria nelle primarie 2007, prima membro della direzione nazionale, poi deputato nella sedicesima legislatura repubblicana, provo a spiegare al mio mondo di riferimento che tutta la paccottiglia para-ideologica con cui si è provato a ricostruire una identità è, in realtà, roba che a sinistra non può avere cittadinanza. 
Se essere di sinistra ha ancora un senso, questo essere di sinistra è schierarsi al fianco del più debole: dell'anziano che rischia di essere ucciso anziché essere curato nel dolore pur estremo, del bambino che non viene fatto nascere per una ragione futile, del sedicenne a cui non dai il diritto di votare ma di decidere di non essere salvato sì, della donna indiana o ucraina a cui chiedono di vendere l'intimità della maternità, del figlio a cui negano il diritto ad avere madre e padre perché l'ottusità genera la mostruosità del genitore 1 e genitore 2, del transessuale gettato in un abisso di disperazione per usare la sua sessualità ibrida mercificandola sulle strade, del bambino down o albino che non deve nascere perché l'eugenetica della diagnosi prenatale o pre-impianto impone canoni di idiota "normalità", della bambina thailandese che subisce lo schifo del diventare oggetto di turismo sessuale pedofilo. 
Con "Voglio la mamma" scrivo dei temi decisivi: del vivere e del morire, dell'amare e del relazionarsi, dell'essere famiglia e del saper anche soffrire, della protezione dei minori e dell'opposizione a ogni mercificazione della sessualità. Non è un libro facile. Potete leggere alcuni stralci dei capitoli tra le note del profilo Facebook. Nel volume (in libreria dal 4 marzo, ma copie autografate e dedicate agli amici dei social sono disponibili, basta chiederle a adinolfivogliolamamma@gmail.com e vi arriverà il vostro libro direttamente a casa al costo di 15€ spese incluse) troverete anche molti numeri riguardanti i temi scottanti del matrimonio omosessuale, del mito della omogenitorialità, dell'eutanasia, degli uteri in affitto, del turismo sessuale. "Voglio la mamma" è in questo senso un libro organico e per certi versi definitivo: per la prima volta tutti temi che sono stati affrontati come fossero argomenti diversi e distanti, sono tenuti insieme da un unico filo rosso di denuncia della violenza contro il soggetto più debole, con dati e riferimenti bibliografici di approfondimento che rendono evidente che la china sulla quale ci siamo avviati non lascia immaginare nulla di buono, porta verso un baratro. Leggetelo e discutiamone. Non sarà tempo perso, credo.

Nessun commento:

Posta un commento

Freeskipeer è uno spazio libero. L'immediatezza della pubblicazione dei commenti non permette filtri preventivi. Per questa ragione chi commenta è il solo responsabile del contenuto delle proprie affermazioni. freeskipeer si dissocia da eventuali messaggi lesivi di diritti di terzi.

Freeskipeer Italia si dissocia categoricamente da:
- messaggi con linguaggio offensivo
- messaggi che contengono turpiloquio
- messaggi con contenuto razzista o sessista
- messaggi il cui contenuto costituisce una violazione delle leggi italiane (istigazione a delinquere o alla violenza, diffamazione, ecc.)