C’era una volta… la festa del lavoro!

di Maria Pia Caporuscio. Tutte le favole iniziano con questa frase: “C’era una volta…” e tutti i bambini del mondo ne seguono il racconto con interesse e stupore perché li fa sognare e addormentare dolcemente.
Ma esistono favole per adulti, che nessuno ha voglia di raccontare e che iniziano così:
C’è adesso…
Un milione e centomila famiglie senza redditi da lavoro. Milioni di persone che annaspano mese dopo mese per restare a galla. Quattro milioni che si mettono in fila per un pasto caritativo.
C’è adesso…
Chi, lavora in nero, sottopagato, schiavizzato per dieci-dodici ore e non riesce neppure a procurarsi l’indispensabile alla sopravvivenza.
C’è adesso…
Chi, dopo aver lottato una vita intera per acquisire quei diritti fondamentali, che appartengono per legge naturale ad ogni nato in questo pianeta, vede toglierseli ad uno ad uno e si ritrova più solo e indifeso di prima.
C’è adesso…
Chi, dopo aver speso un intera esistenza a lavorare per avere da vecchio una pensione, si ritrova a dover rovistare nei cassonetti in cerca di qualcosa per nutrirsi.
C’è adesso…
Chi, pur possedendo montagne di miliardi non si accontenta e ruba i centesimi a chi non possiede più neppure un tozzo di pane.
C’è adesso…
Un gruppo di streghe e maghi (capitalisti) intenzionati ad impadronirsi del pianeta con una forma di moderna dittatura, smantellando lo stato sociale nel nome della “modernità” e delle leggi dell’economia. Dissacrano la Costituzione col solo scopo di cancellare tutte le conquiste, tutele e garanzie che in un secolo e mezzo di lotte, erano riusciti a conquistare le classi non privilegiate della società.
Questi devastatori che privatizzano ogni bene pubblico sostituendolo al privato, tramite l’insopportabile retorica della ”governabilità” quando la vera natura di questa mostruosità politica e sociale, è lo smantellamento della Costituzione per avere le mani libere di depredare la massa lavoratrice, potendo contare sull’immoralità della classe politica, la collaborazione dei media asserviti al potere e alla sottomissione dei “competenti”. Questi moderni stregoni dettano la corrente di pensiero alla quale tutti debbono collocarsi pena l’isolamento.
“Resistere-Resistere-Resistere” come diceva Francesco Saverio Borrelli non basta più, occorre contrattaccare, difendere l’indipendenza della Magistratura che si intende sottomettere al potere politico, riappropriarci del diritto di contestare e tornare a fare vera informazione.
Dinanzi all’arroganza e prepotenza di questo tipo di capitalismo sfrenato, che trasforma l’ingiustizia in legge, dinanzi ad un sistema fiscale intollerabile, alla mostruosa sperequazione sociale, alla guerra chiamata pace. Dinanzi ai potenti sovranazionali che si impadroniscono delle risorse materiali e privatizzano i beni comuni e al tentativo di mettere in discussione persino la nostra intelligenza. Dinanzi alla progressiva, inarrestabile devastazione dell’ambiente, del paesaggio, dinanzi alla mercificazione degli esseri umani e ad una democrazia che rinuncia a sé stessa, non si può più stare a guardare, ma necessita riappropriarci di quel coraggio che spinse persino dei ragazzini a scegliere la Resistenza, per riportare la legalità nelle istituzioni e restituire la libertà a coloro che ne erano stati privati.
Concludiamo insieme questa brutta favola cominciando a dire anche noi: c’era una volta…

6 commenti:

  1. Abbiamo concesso troppo al male!
    Da una parte e dall'altra.
    Come cosa "necessaria" da una parte.
    Come cosa "necessaria poiché trasgrassiva" dall'altra.
    Abbiamo concesso troppo al male!
    Dalla seconda metà degli anni '70 è stata una valanga che ha travolto qualsiasi altra voce dissenziente.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Purtroppo hai ragione carissimo Ermanno: abbiamo concesso troppo!

      Elimina
    2. Ma ancora non gli abbiamo dato del tutto il fondoschiena!!! Si salvi chi puòòò

      Elimina
  2. IL NOSTRO 1° MAGGIO ?
    SI POTREBBE FESTEGGIARE ABBATTENDO GLI IPOCRITI CHE SONO
    (Governanti e Oppositori ) Perchè si sono sempre trovati d’accordo quando si è trattato di annullare il volere del Popolo vedi Referendum aggirati Rimborso ai Partiti responsabilità Giudici riforma delle pensioni
    per loro diventata VITALIZIO I risultati della Politica ? come gli azionisti si spartiscono quote ad ogni legislatura In percentuale dei voti ricevuti .
    Urge trovare al più presto un vaccino che ci liberi da questi virus
    perché il sistema sta andando in cancrena.
    PS Non c’è nessuna differenza fra ( Democrazia fascismo e Comunismo)
    Sino a che nel Mondo prevarrà la cupidigia
    il Popolo sarà Sempre sfruttato dalla classe dominante.
    La differenza ci sarà quando il credo delle forze Politiche
    Si completerà fondendosi ha formare un solo credo ( EGUAGLIANZA SOCIALE) VITTORIO
    (BUON 1° MAGGIO)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Buon primo maggio anche a te caro Vittorio, il giorno in cui raggiungeremo l'eguaglianza sociale diventeremo per davvero uomini, per ora siamo ancora scimmie.
      Ciao

      Elimina

Freeskipeer è uno spazio libero. L'immediatezza della pubblicazione dei commenti non permette filtri preventivi. Per questa ragione chi commenta è il solo responsabile del contenuto delle proprie affermazioni. freeskipeer si dissocia da eventuali messaggi lesivi di diritti di terzi.

Freeskipeer Italia si dissocia categoricamente da:
- messaggi con linguaggio offensivo
- messaggi che contengono turpiloquio
- messaggi con contenuto razzista o sessista
- messaggi il cui contenuto costituisce una violazione delle leggi italiane (istigazione a delinquere o alla violenza, diffamazione, ecc.)