Farmaci che fino a ieri erano gratuiti, oggi si pagano!

Il Fondo monetario internazionale ci condanna dietro la Grecia in quanto a crescita e sviluppo. La disoccupazione è ai massimi storici. Il debito pubblico non si conta più e le tasse si mangiano il 50% del reddito degli italiani. Per contro salari e pensioni sono fermi da un decennio, le pmi chiudono bottega, mentre i prezzi volano alle stelle, farmaci compresi! Tant'è vero che una serie di prodotti farmacologici passano dalla fascia A alla fascia C.
Il che vuol dire che quei farmaci che prima erano gratuiti adesso diventeranno a pagamento. Nel primo gruppo, in fascia A, si trovano tutti i medicinali vitali e quelli per le malattie croniche, completamente a carico dello Stato. In fascia C, invece, il cui costo dei medicinali è interamente a carico del cittadino e per i quali, ad eccezione di antinfiammatori, ansiolitici, antipsicotici, antidepressivi, anoressanti, non è necessaria prescrizione medica. La riclassificazione dei farmaci è stata pubblicata sulla Gazzetta Ufficiale e include anche medicinali essenziali nella cura di malattie croniche spesso dai prezzi decisamente elevati. Tra questi il Dostinex da 8 compresse è di 30,84 euro, laddove in alcuni casi una scatola non basta per una settimana di terapia. Tra gli altri farmaci ci sono Bamifillina cloridrato, Cabergolina, Cimetidina, Diidroergotamica mesilato, Dinoprostone, Prostin E2, Metergolina Liserdol, Pergolide e Temporfin. Insomma, una bella supposta all'economia del Belpaese. Un'iniezione di fiducia per tutti gli italiani, che devono comunque restare "sereni", perchè... menomale che Renzi c'è!

1 commento:

Freeskipeer è uno spazio libero. L'immediatezza della pubblicazione dei commenti non permette filtri preventivi. Per questa ragione chi commenta è il solo responsabile del contenuto delle proprie affermazioni. freeskipeer si dissocia da eventuali messaggi lesivi di diritti di terzi.

Freeskipeer Italia si dissocia categoricamente da:
- messaggi con linguaggio offensivo
- messaggi che contengono turpiloquio
- messaggi con contenuto razzista o sessista
- messaggi il cui contenuto costituisce una violazione delle leggi italiane (istigazione a delinquere o alla violenza, diffamazione, ecc.)