La Costituzione, prima di tutto!

di Maria Pia Caporuscio. Festeggiare il 25 aprile per i signori della politica, è una proforma se non se ne condividono le ragioni. Il solo modo per rendere onore ai milioni di morti di quella carneficina, dai campi di sterminio a Marzabotto fino alla resistenza, è quello di rispettarne la memoria adottando i contenuti forniteci dai sopravvissuti (di quella che è stata una guerra di liberazione, civile e di classe) che ci lasciarono in eredità: La Costituzione! Se non si capisce l’importanza di questa eredità (maturata dalla riflessione, dalla sofferenza e dal sangue di chi lo ha versato per regalare a noi un mondo più giusto) diventa pura ipocrisia la partecipazione a quella che assumerebbe la connotazione di una sceneggiata, se non addirittura di una volgare sponsorizzazione di sé stessi!
Nella Costituzione esistono le contromisure per evitare il ripetersi di questi crimini, precludendo la strada a chi intendesse tornare a sottomettere la nazione. I nostri padri costituenti adottarono (giustamente) un principio fondamentale fondato sull’eguaglianza (secondo comma dell’art.3) che recita. “E’ compito della Repubblica rimuovere gli ostacoli di ordine economico e sociale, che, limitando di fatto la libertà e l’eguaglianza dei cittadini, impediscono il pieno sviluppo della persona umana e l’effettiva partecipazione di tutti i lavoratori all’organizzazione politica, economica e sociale del paese”. Questo articolo, purtroppo, non è mai stato preso sul serio da coloro che si sono avvicendati alla guida del nostro paese! Ed ora questo “vangelo della civiltà” viene preso di mira proprio da chi si doveva impegnare nel farlo rispettare. Soprattutto in questi ultimi venti anni la Costituzione viene attaccata dai capi di governo che si sono avvicendati e dallo stuolo di nani e ballerine che li compongono, ma soprattutto dalla JPMorgan e dal potere finanziario. E’ proprio alla Costituzione che dovrebbe ispirarsi la politica piuttosto che a mediocri economisti e faccendieri. Se la politica avesse seguito le indicazioni dei padri costituenti, la corruzione e la partitocrazia sarebbero state soffocate sul nascere e le caste sarebbero state messe nella condizione di non nuocere. Né tantomeno ci sarebbe stata la subalternità agli alleati con spese militari inutili, per una difesa altrettanto inutile e che ci hanno fatto dissacrare quella Carta che rappresentava il nostro vanto! Chi pensa che la Costituzione debba essere smantellata, sicuramente non si sarebbe dato alla macchia se si fosse trovato a vivere i giorni della Resistenza e avrebbero scelto la viltà non l’eroismo: nascondersi, piuttosto che combattere contro gli oppressori! Se i “tecnologi” ritengono superate le norme di civiltà, di legalità, di eguaglianza che la nostra Costituzione professa, allora è giusto riportare le parole di Einstein, mai così attuali come adesso: “Temo il giorno in cui la tecnologia andrà oltre la nostra umanità: il mondo sarà popolato allora da una generazione di idioti”!

2 commenti:

  1. STUPIDITA HO CALCOLO?
    Voltiamo pagina spazzando via Tutta La classe politica

    Che ha permesso la nascita de l’era BERLUSCONIANA Riportandoci al (medio evo) dove il padrone dettava LEGGE.

    la crisi MONDIALE fa da spia i paesi emergenti invadono i mercati con produzioni a basso costo
    chi governa impegnato a risolvere gli interessi delle lobby tralascia i veri problemi che aggravano la situazione ITALIANA.


    Dopo due GUERRE e lotte sindacali in questi ultimi 100 anni cosa abbiamo ottenuto dai padroni solo sacrifici e tante chiacchiere.


    Rispetto ha 65 anni fa le risorse energetiche sono agli sgoccioli I mercati sono saturi
    Per risolvere la crisi? ( semplice ) Scateneranno la terza GUERRA MONDIALE
    Cosi con una fava prenderanno due piccioni livelleranno la popolazione MONDIALE
    e/ i sopravvissuti ? saranno i nuovi schiavi .


    Il Declino de Le Generazioni del dopo guerra cresciute ne l'opulenza si dividono in due
    Categorie classe politica serva delle lobby e i succubi (Beoti ) Troppo presi da droga divertimenti diete e stronzate varie
    Non si sono resi conto che il declino è iniziato negli anni 80 con l’evento al Governo di B. Craxi
    Il debito pubblico a incominciato ha crescere a dismisura naufragando
    Con L’ultimo Governo di SB suo delfino.
    Che per fare i suoi interessi ha dato il colpo digrazia.

    Hanno scoperto che rende di più quotarsi in borsa e spostare gli stabilimenti nei paesi comunitari dove il lavoro costa meno.

    Quando il lavoro a basso costo nei paesi sottosviluppati finirà scongeleranno i nostri precari
    ne l’attesa fra crisi e sacrifici ci riabitueremo al peggio tanto da osannare i futuri sfruttatori W. L'ITALIA.
    PS Cara Amica ti Auguro una buona giornata VITTORIO

    RispondiElimina
  2. Caro Vittorio quello che questi nuovi padroni stanno mettendo in atto (con la collaborazione di governanti privi di scrupoli) è un mondo mostruoso, peggiore del più terrificante film di fantascienza. Se non ci renderemo conto che dobbiamo unire le nostre forze e combatterli prima che sia troppo tardi, sarà un mondo dove si piangerà per ogni nuovo nato e ci si rallegrerà per chi muore!
    Un abbraccio carissimo Vittorio

    RispondiElimina

Freeskipeer è uno spazio libero. L'immediatezza della pubblicazione dei commenti non permette filtri preventivi. Per questa ragione chi commenta è il solo responsabile del contenuto delle proprie affermazioni. freeskipeer si dissocia da eventuali messaggi lesivi di diritti di terzi.

Freeskipeer Italia si dissocia categoricamente da:
- messaggi con linguaggio offensivo
- messaggi che contengono turpiloquio
- messaggi con contenuto razzista o sessista
- messaggi il cui contenuto costituisce una violazione delle leggi italiane (istigazione a delinquere o alla violenza, diffamazione, ecc.)