Italia crescita zero. L'unica cosa che cresce sono le tasse!

Da mani pulite ad oggi non è cambiato proprio niente. A tal punto che in molti rimpiangono la vecchia DC all'insegna dello "stavamo meglio quando stavamo peggio"!
Ci hanno provato in tanti a far riemergere l'Italia dalle paludi del debito pubblico, della corruzione e del malaffare: Amato, Ciampi, Berlusconi, Dini, Prodi, D'Alema, e poi di nuovo Amato, Berlusconi, Prodi, e poi ancora Berlusconi, Monti, Letta e adesso Renzi. 
Ma non si è mai fatto e non si sta facendo niente di buono per salvare l'Italia, un Paese che sembra segnato da un destino avverso, una Nazione in caduta libera che continua la sua inarrestabile discesa verso il fondo del baratro!
Le solite, quanto inutili, promesse elettorali dei vecchi e nuovi politici sono rimaste sempre e soltanto delle mere intenzioni - più o meno buone, a seconda dei punti di vista - ma niente di più che promesse mai realizzate. E oggi, nonostante la nuova e giovane classe dirigente, i numeri tutti negativi dell'attuale esecutivo, sono la testimonianza vivente e molto più eloquente di ogni altro annuncio - formato spot - lanciato dall'attuale presidente del consiglio:
  • Crescita: "zero".
  • Pil: "zero".
  • Lavoro: "zero".
  • Salari e Pensioni: "zero".
  • Scuola, Giustizia, Sanità, Pubblica Amministrazione: "zero".
  • Tutela del territorio: "zero".
  • Beni culturali: "zero".
  • Lotta ad evasione e corruzione: "zero".
  • Riforme: "zero".
Dunque, alla resa dei conti, questo governo - impantanato in una riforma elettorale che serve soltanto a "loro" per stabilire come e quando spartirsi quello che è rimasto della "Torta-Italia" - segna il passo e non riesce a combinare nulla di buono per i cittadini e per il Paese. Ma a fronte di uno sfascio economico, sociale, etico e istituzionale, dalle dimensioni eccezionali, che dovrebbe far scattare contromisure della massima urgenza, l'unica cosa che funziona nel Belpaese è lo "spremi-italiani", ovvero il fisco che sta salassando fino all'ultimo centesimo sempre i "soliti noti"! E l'unica cosa a crescere è il debito pubblico!

Nel 2013 l'Italia ha toccato, in quanto a pressione fiscale effettiva, il record mondiale: al netto del sommerso (17,3%) a quota 53,2%. Lo afferma l'Ufficio studi della Confcommercio secondo il quale sempre nel 2013, la pressione fiscale apparente è invece a quota 44,1%. La Confcommercio rivede al ribasso le proprie stime del Pil nel 2014: 0,3% invece dello 0,5%. Nel 2015, sempre secondo la Confcommercio, il Pil crescerà dello 0,9% mentre i consumi si attesteranno intorno allo 0,7%.

Senza mettere benzina nel motore, la macchina Italia non riparte! Senza un controllo dei prezzi al consumo e senza nuove risorse da mettere nelle buste paga di lavoratori e pensionati i problemi del Paese non si risolvono, ma si acuiscono. E non si esclude che in autunno, proprio per quei famigerati 80 euro di ticket elettorale, unico atto concreto del governo a guida Renzi, sarà necessaria una manovra correttiva di 16 miliardi, ovvero altre tasse per i "soliti noti"!

Insomma, da un Paese che spettacolarizza la demolizione di una nave a tal punto da far divenire chi l'ha affondata una star mediatica contesa dai party del jet set nazionale, cosa c'è da aspettarsi? Semmai c'è da stupirsi come mai noi italiani non abbiamo ancora eretto statue d'oro per celebrare in pompa magna coloro che al timone dell'Italia ci hanno affondato nel baratro!

Nessun commento:

Posta un commento

Freeskipeer è uno spazio libero. L'immediatezza della pubblicazione dei commenti non permette filtri preventivi. Per questa ragione chi commenta è il solo responsabile del contenuto delle proprie affermazioni. freeskipeer si dissocia da eventuali messaggi lesivi di diritti di terzi.

Freeskipeer Italia si dissocia categoricamente da:
- messaggi con linguaggio offensivo
- messaggi che contengono turpiloquio
- messaggi con contenuto razzista o sessista
- messaggi il cui contenuto costituisce una violazione delle leggi italiane (istigazione a delinquere o alla violenza, diffamazione, ecc.)