Statali in pensione a 62 anni.

Pochi maledetti e subito, si diceva una volta degli stipendi dei dipendenti pubblici. 
Oggi quei soldi in busta paga sono diventati ancora più pochi, e la pensione, dopo la sbornia dei baby pensionati a 14 anni 6 mesi e 1 giorno, è divenuta un miraggio! 
Infatti, stando alle ultime stesure della riforma della pubblica amministrazione, non si parla assolutamente di rinnovo dei contratti e il cosiddetto “pensionamento d’ufficio” degli Statali è previsto per una esigua élite di travet: lavoratori dello Stato con più di 62 anni e che abbiano raggiunto il massimo dei contributi previdenziali: 42 anni e 6 mesi per gli uomini, un anno in meno per le donne!!! 
Il che significa che se non sei entrato a lavorare per lo Stato italiano a vent'anni, la pensione si allontana ogni giorno di più con il crescere della "speranza di vita"!
L’asticella del pensionamento si alza, invece, per medici e professori universitari, che non potranno essere mandati in "pensione d’ufficio" prima dei 65 anni. Il limite si alza ulteriormente a quota 70 anni per i magistrati.
Inoltre, sembrerebbe risolto anche il problema degli “esodati” della scuola con la legge Fornero, i cosiddetti “prof quota 96”. Si tratta di 4.000 insegnanti che due anni fa dovevano andare in pensione, ma che, invece, sono rimasti inchiodati alla cattedra dalla riforma Fornero che cambiava in corsa i requisiti per la pensione. Non appena il decreto del governo sarà legge, i “prof quota 96” potranno presentare domanda all’Inps che avrà 15 giorni di tempo per esaminare la richiesta e dare il suo assenso. L’Inps dovrà fare un monitoraggio delle domande assegnando un ordine progressivo risultante dall’età anagrafica e dell’anzianità contributiva dei singoli richiedenti. Se le domande supereranno le 4.000, quelle in eccesso non potranno essere prese in considerazione.
Sono questi i punti salienti della riforma della P.A., che ha ottenuto il primo via libera alla Camera. Il decreto dovrebbe diventare legge entro l’8-9 agosto, e le nuove norme si applicherebbero dunque già a settembre. 
Pertanto chi vuole andare in pensione prima dei 65 anni ed è in regola con i contributi può farlo senza penalizzazioni, grazie ad un emendamento di Maria Luisa Gnecchi (Pd) che cancella tutte le decurtazioni economiche previste dalla legge Fornero e soprattutto elimina la dizione di “prestazione effettiva di lavoro”: ovvero, per maturare i 41 anni e 6 mesi di anzianità per le donne e 42 anni e 6 mesi per gli uomini, necessari per la pensione di anzianità, si potrà tenere conto di tutto l’arco di vita lavorativa, compresi i giorni di sciopero, congedo matrimoniale, maternità facoltativa, donazione sangue, e così via. Non appena il decreto sulla Pa sarà diventato legge, potranno richiedere di andare in pensione dal primo settembre. Non avranno subito diritto al Tfr, che arriverà solo tra due anni: la liquidazione sarà infatti rinviata al momento in cui avrebbero dovuto andare in pensione secondo i criteri Fornero. E la somma sarà ricevuta non per intero, ma a rate, scansionate in base al reddito. Ma non perderanno neanche un giorno di lavoro.
RIFORMA DELLE PENSIONI: UNA STORIA INFINITA. Sembra di assistere alla tessitura della tela di Penelope che di giorno tesseva, per l'appunto, e di notte disfaceva quanto fatto. E la ministra della P.A. ricorda in tutto e per tutto la moglie del divino Ulisse! E non solo per l'approssimazione con cui sta "tessendo" le poche ed inconsistenti "riformette" della P.A., ma anche per il suo aspetto fisico, sembra una donna d'altri tempi, i tempi della epica Troia di Omero più che quelli della Troika della Merkel, e soprattutto per l'Odissea che sta facendo vivere a milioni di dipendenti pubblici.
Il governo, infatti ci ripensa, e con alcuni emendamenti presentati dal ministro Marianna Madia in commissione Affari costituzionali al Senato, ha fatto una serie di clamorose marce indietro: niente pensionamento anticipato a settembre per i 4.000 tra docenti e personale della scuola che avevano raggiunto "quota 96" nell’agosto del 2012 intrappolati dalla legge Fornero; niente eliminazione delle penalizzazioni per i lavoratori con oltre 41 anni di contributi che vorrebbero smettere di lavorare prima dei 62 anni; niente pensionamento d’ufficio per i professori universitari e i primari che invece vogliono restare al loro posto fino a 70 anni. Un altro emendamento presentato dal governo e approvato elimina infine alcuni benefici sul calcolo della pensione per gli invalidi vittime del terrorismo. Restano invece le soglie previste per il resto dei dipendenti pubblici (62 anni per gli Statali e 65 per i medici).

Nessun commento:

Posta un commento

Freeskipeer è uno spazio libero. L'immediatezza della pubblicazione dei commenti non permette filtri preventivi. Per questa ragione chi commenta è il solo responsabile del contenuto delle proprie affermazioni. freeskipeer si dissocia da eventuali messaggi lesivi di diritti di terzi.

Freeskipeer Italia si dissocia categoricamente da:
- messaggi con linguaggio offensivo
- messaggi che contengono turpiloquio
- messaggi con contenuto razzista o sessista
- messaggi il cui contenuto costituisce una violazione delle leggi italiane (istigazione a delinquere o alla violenza, diffamazione, ecc.)