Ribelliamoci oggi. Domani è troppo tardi.

di Maria Pia Caporuscio. E’ necessario che le popolazioni di questa vecchia Europa reagiscano oggi alla dittatura dei banchieri, perché domani sarà troppo tardi! Purtroppo le masse popolari non hanno ancora capito quali sono le intenzioni di questa “globalizzata e degenerata forma di capitalismo”. Sarebbe necessario per accendere la luce nelle loro menti addormentate, adoperarci tutti per arginare quella disinformazione di massa, che i media stanno usando con i loro potenti mezzi televisivi, ingannando vergognosamente gli utenti!
Continuando a tenere nell’ignoranza le masse, non ci sarà mai una consapevolezza dei propri sacrosanti diritti, per quella categoria costretta a vendere la propria forza lavoro, per sostenersi. Non ci sarà differenza fra quelli che acclamavano quel ridicolo imbonitore sul balcone di piazza Venezia e gli attuali sostenitori di Berlusconi prima e del suo erede naturale oggi. L’esperienza non servirà a niente se oscurata come stanno facendo, infatti ci si è già dimenticati del milione di posti di lavoro per ottenere consensi, visto che si continua a fare la medesima cosa, con chi ne compra il consenso in cambio di ottanta euro. Ci siamo dimenticati della lettera di Jean Claude Trichet e Mario Draghi dell’agosto 2011, dove si ordinava a questi servi di potere (non più capi di Stato) la liberalizzazione dei servizi pubblici locali e professionali, dove si imponeva la riforma della contrattazione salariale collettiva, necessaria per sottomettere la classe lavoratrice ai “padroni”, per tagliare i salari, i diritti acquisiti e ridurre i pochi benefici, peggiorando di molto le condizioni e la sicurezza sul lavoro, oltre che precarizzare tutti. E’ per realizzare l’eterno sogno dei capitalisti (dominare il mondo) che questi governicchi, questi esseri amorali e traditori della patria non votati da nessuno, che si stanno sbracciando. Chissà se si rendono conto che per saziare la feroce sete di potere di questi cannibali, stanno distruggendo la vita ai connazionali e uccidendo la propria nazione. Non è bastato aver privato della sovranità politica ed economica nazioni sovrane, ora si chiede a questi “servi” di attuare una ulteriore macelleria sociale: le privatizzazioni e la svendita selvaggia dei patrimoni statali rimasti, con ulteriore cessione di sovranità. E’ per realizzare tutto questo che sono state messe a governare queste marionette, gente mediocre e priva di dignità, per essere ben manipolata da questi nuovi “dei”. Sono stati scelti con cura, per l’immoralità necessaria a spremere fino alla morte, la classe lavoratrice e per ottenere la perdita totale della sovranità della nazione. Se non è alto tradimento questo, vorrei sapere cos’altro è! Abbattere al più presto quel muro della vergogna, con cui questa forma di nazi-fascismo ci sta imprigionando, è la prima cosa da fare per tornare a vivere in pace e scegliere noi da chi farci governare. Cosa abbiamo ottenuto aderendo all’Unione Europea e dall’introduzione della moneta unica se non povertà di intere generazioni, disoccupazione di massa, svendita dei beni pubblici? Oltretutto ancora non basta a saziare l’avidità di questi cannibali, non basta perché pretendono la totale distruzione degli Stati nazionali, che ritengono di ostacolo al mercato globale! Cos’è meglio fare, riappropriarci della nostra sovranità o continuare l’opera di dissoluzione delle nostre nazioni?

2 commenti:

  1. Non c’è nessuna differenza fra ( Democrazia fascismo e Comunismo)
    Sino a che nel Mondo prevarrà la cupidigia
    il Popolo sarà Sempre sfruttato dalla classe dominante.
    La differenza ? Ci sarà quando il credo delle forze Politiche
    Si completerà per dare vita ad’ un solo credo ( EGUAGLIANZA SOCIALE)
    Ps Le stagioni della vita passano in fretta
    i sogni di gioventù come le foglie cadono nello scrigno dei ricordi
    il tempo passa Ti ritrovi vecchio con i tuoi ricordi
    apri lo scrigno e ti accorgi che è vuoto
    Come le foglie d’autunno il vento li ha portati con se
    I SOGNI sono solo Fantasie di gioventù che la realtà della vita ha ucciso
    L’unico SOGNO reale che ci appartiene è il risveglio della natura in primavera. VITTORIO

    RispondiElimina
  2. Vittorio una differenza esiste, altroché se esiste! Quello che non esiste più è il Comunismo che i fascisti sono riusciti a sconfiggere per poter sottomettere la classe lavoratrice che purtroppo, essendo tragicamente ignorante (non per colpa sua ma così la vuole il regime) non ha capito che avrebbe dovuto difendere con i denti e con le unghie l'unico partito che si occupava del benessere dei lavoratori, invece si è lasciato castrare il cervello ed ha assecondato gli interessi dei suoi carnefici. Invece la Democrazia è tata congelata dagli attuali cannibali (capitalismo finanziario) cui davano molto fastidio le regole in essa contenute e la stanno svuotando facendone una scatola vuota. Se il popolo fosse consapevole di quel che gli si sta preparando si incatenerebbe dinanzi al palazzo del potere per giorni e notti senza armi o bastoni ma semplicemente per riprendersi la propria nazione liberandola da questi luridi fascisti

    RispondiElimina

Freeskipeer è uno spazio libero. L'immediatezza della pubblicazione dei commenti non permette filtri preventivi. Per questa ragione chi commenta è il solo responsabile del contenuto delle proprie affermazioni. freeskipeer si dissocia da eventuali messaggi lesivi di diritti di terzi.

Freeskipeer Italia si dissocia categoricamente da:
- messaggi con linguaggio offensivo
- messaggi che contengono turpiloquio
- messaggi con contenuto razzista o sessista
- messaggi il cui contenuto costituisce una violazione delle leggi italiane (istigazione a delinquere o alla violenza, diffamazione, ecc.)