Toglietemi tutto, ma non la mia auto!

Non c'era certo bisogno di leggere i dati Istat per scoprire che gli italiani preferiscono spostarsi con la propria auto piuttosto che a piedi o servendosi del servizio di trasporto pubblico. Basta guardare gli ingorghi di traffico ai semafori e ai caselli autostradali, oppure mettersi ad aspettare alla fermata di un autobus per capire che l'auto privata è il mezzo di trasporto più amato dagli italiani. Potrebbero portare il costo della benzina pure a dieci euro al litro, ma mai e poi mai gli italiani rinuncerebbero alla propria quattro ruote. Più probabile che saltino un pasto, che al volante! 
L'automobile, si conferma così - anche con l'ufficialità dei dati del 15° censimento Istat - il mezzo di trasporto preferito dagli italiani. Sei su dieci, infatti, la usano per gli spostamenti quotidiani per motivi di studio o lavoro. In particolare, il 44,9% dei nostri connazionali la utilizza come conducente e il 15,9% come passeggero. Soltanto il 13,4% della popolazione, invece, opta per i trasporti pubblici (o privati) collettivi come treni, tram, metropolitana, corriera. Un dato comunque in lieve crescita rispetto all'ultima rilevazione del 2001, quando i mezzi pubblici erano la scelta del 12,9% dei censiti. 
Discreta performance per le biciclette che in dieci anni hanno guadagnato un più 0,4% passando dal 2,9% al 3,3%. In calo, inoltre, l'abitudine di raggiungere scuola o lavoro a piedi: dal 2001 al 2011 è calata dal 16,9% al 15,8%. Complessivamente, dal 2001 al 2011, le persone che ogni giorno effettuano spostamenti per andare al lavoro o nel luogo di studio sono cresciute di 2,1 milioni. Secondo l'ultimo censimento erano 28.871.447, cioè il 48,6% della popolazione residente. 
Il 66,4% delle persone che quotidianamente si sposta lo fa per motivi di lavoro (63,8% nel 2001), il restante 33,6% per recarsi al luogo di studio. La mobilità maggiore si registra nelle province autonome di Bolzano (57%) e Trento (56,2%), in Lombardia (54,1%), Veneto (53,6%), Emilia Romagna (53,1%) e Valle d'Aosta (52,7%). Al di sotto del valore medio nazionale si collocano tutte le Regioni del Sud, con le incidenze più basse registrate in Sicilia (41,3%) e Calabria (41,5%), nonché la Liguria. 
Guardando alle sole persone che si spostano per motivi di lavoro (66,4% del totale, mentre il restante 33,6% si reca a scuola o all'università), emerge come ci si sposti di più in quelle del Nord, dove generalmente i tassi di occupazione sono più elevati. Le percentuali più elevate di spostamenti per lavoro si riscontrano in Valle d'Aosta (72,2%), Emilia Romagna (71,3%), Friuli Venezia Giulia (71,1%), mentre nelle regioni del Sud e nelle isole le quote sono più basse. Nelle regioni del Sud sono invece più rilevanti gli spostamenti quotidiani dei giovani per raggiungere il luogo di studio, con le incidenze più alte in Campania (45,1%), Sicilia (41,6%) e Puglia (40,3%).

Nessun commento:

Posta un commento

freeskipeer è uno spazio libero. L'immediatezza della pubblicazione dei commenti non permette filtri preventivi. Per questa ragione chi commenta è il solo responsabile del contenuto delle proprie affermazioni. freeskipeer si dissocia da eventuali messaggi lesivi di diritti di terzi.

freeskipeer si dissocia categoricamente da:
- messaggi con linguaggio offensivo
- messaggi che contengono turpiloquio
- messaggi con contenuto razzista o sessista
- messaggi il cui contenuto costituisce una violazione delle leggi italiane (istigazione a delinquere o alla violenza, diffamazione, ecc.)