Balzelli d’Italia!

Imu, Tasi, Tari, Iva, Irpef, Irap e poi ancora giù tasse su benzina, luce, gas, acqua, telefono, assicurazioni, depositi bancari, trasporti, parcometri, scuole, ospedali, tribunali, ecc, ecc, ecc, tanto che c’è già chi ipotizza degli appositi "contatori" da installare negli orifizi degli italiani per tassare l’aria in entrata e pure quella in uscita! 
Sono tasse italiane e dalla nascita alla morte, ce n’è una per ogni occasione e davvero per tutti i gusti: una tassa per esporre il tricolore, una per il matrimonio e più di una per il funerale. Si paga per finanziare la guerra d’Abissinia del 1935 (ma non era finita?) e si apre il portafoglio anche per fare ombra sul marciapiede. Assurdo? Forse, ma è tutto vero. Questo è quanto emerge dal rapporto di Confesercenti il cui nome non poteva essere più appropriato: "Balzelli d’Italia". La relazione raccoglie le 100 tasse più strane, assurde e curiose che imprese e famiglie sono costrette a pagare. Anche senza il rapporto, sicuramente noi italiani non avevano alcun dubbio in proposito. Ma per soddisfare la curiosità di tutti, scopriamo insieme qualcuna fra le 100 tasse più assurde d’Italia. 
Tassa sull’ombra. Se con la sporgenza della tenda di un locale, il proprietario “invade” il suolo pubblico deve pagare l’imposta per occupazione di suolo pubblico. 
Tassa sulle paludi. Nasce nel 1904 da un regio decreto che prevedeva il pagamento di un contributo per la bonifica delle paludi che diventavano terre coltivabili. Intanto si continua a pagare. 
Tassa sulla raccolta dei funghi. Anche sui permessi di raccolta di funghi scatta la famigerata imposta di bollo. 
L’imposta sui forestieri. E’ stata reintrodotta di recente una tassa di soggiorno, differenziata per classificazione alberghiera. Ed ora anche il federalismo fiscale sembra non poterne fare a meno.
Gabella sugli sposi (ius primae gabellae). Introdotta da alcuni enti locali consiste nel pagamento di un corrispettivo a prezzo unico per poter celebrare il matrimonio in Comune. 
Imposta sull’uscita di casa. E’ la tassa sui passi carrai che ricorda le imposte medievali ma nasce nel 1997. In legge finanziaria il Governo diminuì i fondi all’Anas consentendogli però al contempo di “rifarsi” sui cittadini. 
Misteriosa efficienza. Nella bolletta elettrica c’è una voce denominata EF-EN, finalizzata all’uso efficiente dell’energia. A che serve? Solo a procurare altri quattrini all’Erario. 
Tassa sul tricolore. Chi espone la bandiera dello Stato italiano rischia di dover pagare la tassa sulla pubblicità. A Desio il titolare di un albergo ha esposto davanti all’ingresso il vessillo nazionale e la bandiera blu dell’Unione Europea. Ha dovuto pagare una tassa di 140 euro a bandiera. 
Tassa sulla memoria. Riedizione potenziata del cosiddetto ‘equo compenso’, dovuto alla SIAE, che grava su vari dispositivi che forniscono tecnologie per copiare ad uso privato CD e DVD musicali e cinematografici, coperti dai diritti d’autore. Si paga anche per cellulari, smartphone, pc, hard disk esterni, pen drive, ecc. 
Ma il fatto più raccapricciante, dopo questa valanga di balzelli, è che qui da noi, nel Belpaese - come taluni ancora si ostinano a chiamarlo - non solo si tassa tutto quello che c’è da tassare, ma che le tasse aumentano d’importo, finanziaria dopo finanziaria e nessuno dei “tartassati” muove mai un dito per dire “adesso basta, non se ne può più!”. 
In altri paesi, sicuramente più civile e coesi del nostro, a fronte di una tassazione del genere, di cui l’Italia detiene il triste primato a livello mondiale, i cittadini avrebbero riempito le piazze in segno di protesta senza arrivare a pagare migliaia di balzelli. 
Qui da noi, invece, più ci tassano e più non accade nulla, secondo la più ferrea legge fiscale del “Paga e Tasi”! Ma come mai? Semplicemente perché siamo un popolo eternamente diviso, diviso in due: da una parte il popolo bue, fatto dai “soliti noti”, che subisce in silenzio; dall’altra il popolo dei furbetti del quartierino” che se ne frega del fisco perché non sa neppure dove sta di casa. Va da se che la cosa è reciproca anche per il fisco!

11 commenti:

  1. Quando costui la finirà di raccontare fandonie?
    Quando costui si dedicherà ad altre attività, zappare la terra, coltivare patate,...
    Solo in Italia un simile capitan Fracassa potrebbe governare.
    Come persona mi è anche simpatico.
    Come leader politico lo ritengo INADATTO perfino a gestire un comune sotto i 1.000 abitanti
    RENZI se veramente vuoi bene al Paese: Dimettiti.
    SandoKan

    RispondiElimina
  2. LUI meschino, non ha colpa! La colpa è di chi non va a votare e di chi vota PD
    W La libertà

    RispondiElimina
  3. Il triste è che la sua facciona Ti insegue ovunque.
    Fra poco lo metteranno anche in chiesa, magari sull'altare, così anche durante le funzioni ci potrà raccontare le supe storielle, poco ma poco divertenti.

    RispondiElimina
  4. Renzino, Renzino, renzino: perchè non ti metti a fare il pizzaiolo: Con le tue barzellette divertiresti i clienti.
    Angelino

    RispondiElimina
  5. Vespone - vespone- vespone: Quando te ne vai in pensione? Non hai già fatto abbatsnza in TV?

    RispondiElimina
  6. Io abolirei i commenti anonimi. Si deve avere coraggio di dire la propria idea.
    Caro Renzi, perchè non ti dimetti? Perchè non ci fai tornare a votare?
    Visto che alle ultime hai preso il 41% cosa rischi?
    Buona giornata a tutti, e al nostro premier RENZI.

    RispondiElimina
  7. I commenti anonimi, a mio avviso si prestano a tanti usi che sarebbe meglio PREVENIRE.
    Mi auguro che qualche legge li vieti

    RispondiElimina
  8. io abolirei... sarebbe meglio prevenire... ma voi carissimi "Ivette" e "caligola237" benepensanti dell'ultimo commento e che ce l'avete tanto con i commenti anonimi non è che siete più "noti" di un Anonimo come me!?!?!

    RispondiElimina
  9. In merito alla faccenda dei commenti anonimi tirata in ballo dai due "noti" Ivette e caligola, ci tengo a precisare che non basta mettere un nomignolo come fanno loro per non essere anonimi. E poi qui sulla rete nessuno è anonimo e anche io che commento come Anonimo, solo perchè non mi va di perder tempo a sottoscrivere lunghi e fastidiosi form, non sono affatto anonimo perchè tutti abbiamo un indirizzo IP.

    RispondiElimina
  10. basta tasse: c'è qui qualcuno che se la sente di organizzare una grande manifestazione a roma per gridarglielo in faccia?

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Il problema non è la manifestazione: Ne sono state fatte a migliaia, cosa servono?
      Se quando si vota il 41% vota il PD. In Piemonte il 47% ha votato PD.
      Se le cose vanno così presumo che alla maggioranza vada bene così.
      La mia ideuzza: Molti si lamentano, ma sotto sotto questo sistema conviene a molti.
      Se il 50% non vota, molti se ne impippano della politica cosa c'è da fare? C'è qualcuno che vuole cambiare ma ci sono tanti a cui il cambiamento noin va!!!
      Buon sabato Job

      Elimina

Freeskipeer è uno spazio libero. L'immediatezza della pubblicazione dei commenti non permette filtri preventivi. Per questa ragione chi commenta è il solo responsabile del contenuto delle proprie affermazioni. freeskipeer si dissocia da eventuali messaggi lesivi di diritti di terzi.

Freeskipeer Italia si dissocia categoricamente da:
- messaggi con linguaggio offensivo
- messaggi che contengono turpiloquio
- messaggi con contenuto razzista o sessista
- messaggi il cui contenuto costituisce una violazione delle leggi italiane (istigazione a delinquere o alla violenza, diffamazione, ecc.)