Mali di stagione: scoperta l'origine della febbre.

Finita l'estate arriva il cambio di stagione. Con l'autunno le giornate sono più corte e meno calde, e l'organismo umano accusa il cambiamento climatico. Non è una rarità, infatti, beccarsi  proprio in questo periodo una bella influenza con le prime correnti d'aria, la maglietta troppo leggera ancora indosso e finire a letto sotto le coperte con il termometro che segna qualche linea di troppo! E' la febbre. Un male non certo incurabile, ma senz'altro fastidioso che porta dolori all'apparato osteomuscolare, brividi, raffreddori, mal di pancia e spossatezza. Un male antico come l'uomo, ma di cui solo oggi  ne è stata scoperta l'origine. Il meccanismo che scatena una delle reazioni più comuni dell'organismo è la sequenza di segnali che viene attivato in caso di emergenza dalla famiglia di sostanze-spia delle infiammazioni, le prostaglandine, prodotte dai vasi sanguigni del cervello. A scoprirlo alcuni ricercatori dell'università svedese di Linkoping che hanno pubblicato lo studio sulla rivista 'The Journal of Neuroscience', e secondo cui questa scoperta che apre la strada a farmaci più efficaci. La febbre è una risposta ad un'infiammazione, ma "nel caso di gravi infezioni - spiegano i ricercatori - può essere una cosa buona". Già undici anni fa era stato scoperto il meccanismo dietro la formazione delle prostaglandina E2 durante la febbre. Queste molecole segnalatrici non possono passare attraverso la barriera sangue-cervello, il cui scopo è proteggere il cervello da sostanze pericolose. I ricercatori hanno dimostrato invece che possono essere sintetizzate da due enzimi presenti nei vasi sanguigni del cervello, prima che si spostino all'ipotalamo, dove si trova il 'termostato' del nostro corpo. In questo studio i test sono stati condotti su dei topi privi degli enzimi COX-2 e mPGES-1 nei vasi sanguigni cerebrali. Una volta infettati gli animali con delle tossine batteriche, hanno visto che la febbre non compariva, mentre gli altri sintomi dell'infiammazione sì. Ciò dimostra che le prostaglandine responsabili della febbre si formano nella barriera sangue-cervello e da nessun'altra parte. Per i medici conoscere il meccanismo della febbre è utile da vari punti di vista: "sapere che c'è una produzione locale di prostaglandine da questi piccoli vasi del cervello è utile anche ai fini dei farmaci - spiegano i medici - Esistono già degli inibitori selettivi della E2, ma che rispetto all'aspirina, pur dando meno problemi gastrici, aumentavano il rischio di infarti. Ora si potranno creare dei farmaci più selettivi e controllare le febbri più pericolose". Eliminare la febbre in se infatti non è sempre un bene, perchè la febbre è un meccanismo di difesa. Andrebbero eliminati gli effetti negativi associati alla febbre come dolori, spossatezza e inappetenza, e le febbri pericolose, che possono diventare convulsive e danneggiare i neonati. In futuro forse si riuscirà a farlo progettando dei farmaci in grado di agire sui recettori responsabili degli altri sintomi. 

Nessun commento:

Posta un commento

freeskipeer è uno spazio libero. L'immediatezza della pubblicazione dei commenti non permette filtri preventivi. Per questa ragione chi commenta è il solo responsabile del contenuto delle proprie affermazioni. freeskipeer si dissocia da eventuali messaggi lesivi di diritti di terzi.

freeskipeer si dissocia categoricamente da:
- messaggi con linguaggio offensivo
- messaggi che contengono turpiloquio
- messaggi con contenuto razzista o sessista
- messaggi il cui contenuto costituisce una violazione delle leggi italiane (istigazione a delinquere o alla violenza, diffamazione, ecc.)