Globalizziamoci per un nuovo Risorgimento!

di Maria Pia Caporuscio. Mi chiedo com’è stato possibile che i governanti europei si siano potuti fidare di loro… Hanno agito di nascosto, alle spalle dei popoli che governavano e questo la dice lunga, sulla loro buona fede. Si sono fatti trasformare in zombie quali governanti fantasma, visto che hanno assorbito gli Stati e formato un proprio super-governo. Questo rende impossibile ogni forma di autonomia o di lotta per uscire da quella gabbia, in cui ci hanno rinchiusi. Se in buona fede o convinti di essere nel giusto perché agire di nascosto? Perché non farsi autorizzare dai diretti interessati (con un referendum popolare) per un cambiamento così radicale che ribaltava totalmente l’esistenza stessa dei cittadini?
 
Ci siamo svegliati una mattina non più cittadini di uno Stato sovrano. Ci siamo ritrovati con una moneta che ci ha dimezzato stipendi e pensioni, dove lo Stato non era più padrone dei suoi soldi ma li doveva chiedere in prestito ai banchieri pagandoci sopra interessi da usura, rinunciando alla possibilità di stamparne in proprio quanto ne occorreva per il buon funzionamento del paese. Hanno stravolto le nostre vite, le nostre leggi e le regole che ci eravamo dati. Improvvisamente ci siamo ritrovati stranieri in casa nostra, dove ci veniva imposto un tenore di vita da terzo mondo e di cambiare abitudini come non eravamo abituati. Ci hanno costretti ad adeguarci noi ai livelli di vita miserabile delle migliaia di immigrati che si trasferivano nelle nostre città, piuttosto che dare ad essi la possibilità di raggiungere il nostro tenore di vita. Ci hanno imposto i centri commerciali al posto del negozietto sotto casa, per orientarci verso la quantità al posto della qualità trasformandoci in ingordi e pigri, facendo ingrassare le multinazionali e fallire le nostre piccole e medie imprese, globalizzandoci pure il cervello. Insieme Stato e antistato sono riusciti ad offuscare l’orizzonte al continente più antico del pianeta, a infangarne la storia, ad azzerare la civiltà di una popolazione che aveva incantato il mondo con la sua arte. Sono stati capaci di rovinare l’esistenza e stroncare la voglia di lottare a milioni di esseri umani, seminando sofferenze tali da metterlo in ginocchio e non avere più la forza di reagire neppure alle violenze e agli abusi quali la perdita dei diritti, del lavoro, del futuro, della dignità, fino a costringerlo ad accettare come una fatalità, questo scempio. Un popolo che era stato capace di insorgere contro i potenti con quella celeberrima rivoluzione, che aveva messo in atto quel favoloso motto dell’Illuminismo: “Abbi il coraggio di servirti della tua propria intelligenza” dando inizio a governi democratici, decapitando l’arroganza di quel sistema feudale che questi miserabili demoni vogliono riproporre! Globalizziamoci anche noi, dando il via ad un nuovo Risorgimento! Siamo milioni di teste in questa Europa, siamo più attrezzati di quanto potevano essere nel 1789 i nostri antenati. Non possiamo farci trasformare in vili e permettere a questi cadaveri nascosti dietro sigle, di scrivere la parola fine sulla nostra civiltà!

2 commenti:

  1. Lo sfacelo de L’Italia e iniziato negli anni 50 Con lo scandalo di Fiumicino Che è stato costruito su un terreno paludoso di appartenenza del Demanio che era stato venduto a privati diciamo per Lire 1000 al metro quadro. Lo stato lo ricompro poco dopo diciamo a Lire 10.000 al metro quadro in più si accollo le spese di bonifica del terreno.
    Negli anni 60 le sale cinematografiche erano stracolme Ricordo che se arrivavamo in ritardo il film lo vedevamo nelle file laterali in piedi Molti film erano come se soleva dire polpettoni
    Ma le persone attente potevano intuire e vedere nel film polpettone le prime denuncie dei misfatti
    Come Il libero mercato Esca gettata dal capitalismo che da 50 anni sta dando vita hai mostri che guidano L’ECONOMIA ITALIANA .
    Ci hanno costretto ad’ accettare interscambi importando merce che produciamo
    Creando crisi NELL’ INDUSTRIA e L’AGRICOLTURA ITALIANA .
    L’AMERICA Padre del libero mercato ci impone regole che loro non rispettano .
    Provate a invadere il mercato AMERICANO e mettere in crisi le loro INDUSTRIE e la loro AGRICOLTURA automaticamente scatterebbe sulle merci importate ( dazio ed embargo)
    Questa prepotenza è imposta dai Manager spocchiosi di oggi.
    I Manager da prendere ad esempio sono i vecchi imprenditori Della piccola e media Industria (Padri del Boom Economico) i più nati dalla gavetta Iniziando dal basso sono arrivati al vertice ricchi di esperienza (e umanità) vera LAUREA indispensabile ad un MANAGER.
    Nel dopo guerra (ricordo che) in vari settori compreso il settore ARTIGIANO
    Lavoravamo 10 mesi l’anno allora la cassa integrazione non esisteva nei due mesi di fermo lavoravamo al rinnovo del campionario per conquistare nuove fette di mercato il tutto a spese del titolare.
    La cassa integrazione Figlia dei Bocconiani è nata dopo il boom economico per difendere ( solo ) le grandi Industrie e i loro capitali Dando vita ad un nuovo mercato (da sfruttare ) L’ITALIA
    Premiando l’egoismo e là cupidigia ci hanno riportato al punto di partenza.
    Purtroppo se non avviene un MIRACOLO con l’egoismo dei potenti e la stupidità dei sudditi
    Il BOOM della catastrofe sarà definitivo. VITTORIO

    RispondiElimina
  2. Grande Vittorio grazie per aver completato il quadro! Se la classe lavoratrice riuscisse a recuperare la ragione si potrebbe decapitare questo sistema e tornare ad una vita a dimensione umana. Ti abbraccio con tanto affetto.

    RispondiElimina

freeskipeer è uno spazio libero. L'immediatezza della pubblicazione dei commenti non permette filtri preventivi. Per questa ragione chi commenta è il solo responsabile del contenuto delle proprie affermazioni. freeskipeer si dissocia da eventuali messaggi lesivi di diritti di terzi.

freeskipeer si dissocia categoricamente da:
- messaggi con linguaggio offensivo
- messaggi che contengono turpiloquio
- messaggi con contenuto razzista o sessista
- messaggi il cui contenuto costituisce una violazione delle leggi italiane (istigazione a delinquere o alla violenza, diffamazione, ecc.)