Il "punto G" non esiste!

"Ricalcola percorso"!!! Proprio quando pensavi di averlo finalmente trovato, adesso ti arriva tra capo e collo la doccia fredda: il punto G non esiste! Così nel giro di qualche ricerca scientifica viene sfatato il mito del terzo millennio: il punto G non esiste! E così uomini e donne alla disperata ricerca del fantomatico "punto G" finalmente possono mettersi con l’animo in pace: quel punto anatomico sede del piacere femminile in realtà non esiste! Già paventato in diversi studi scientifici la conferma arriva dagli studiosi italiani dell'università dell'Aquila e di Tor Vergata che, in una corposa rassegna svolta con colleghi francesi e messicani pubblicata su "Nature Urology", non solo smentiscono definitivamente l'esistenza
di un particolare punto del corpo femminile fulcro del piacere sessuale, ma individuano l'esistenza di una area molto più estesa e complessa che permette il verificarsi dell'orgasmo. I ricercatori disegnano quindi una sorta di mappa intima battezzata Cuv (complesso clitoro-uretro-vaginale), che include tessuti, muscoli, ghiandole e utero. E sostengono quindi che le aree intime femminili non sono affatto tessuti passivi, ma strutture altamente dinamiche e sensibili tanto che gli autori dello studio stigmatizzano ginecologi e chirurghi che tagliano e cuciono senza rispetto, maltrattando questa area anatomica così sensibile. "La vagina è un tessuto attivo e sessualmente importante che va rispettato" puntualizzano gli studiosi di endocrinologia e sessuologia all'università de L'Aquila a capo dello studio.

1 commento:

  1. il punto G esiste io l'ho visto e l'ho anke toccato! si trova vicino al punto F, F come femmina, F come fiii......ecc...

    RispondiElimina

Freeskipeer è uno spazio libero. L'immediatezza della pubblicazione dei commenti non permette filtri preventivi. Per questa ragione chi commenta è il solo responsabile del contenuto delle proprie affermazioni. freeskipeer si dissocia da eventuali messaggi lesivi di diritti di terzi.

Freeskipeer Italia si dissocia categoricamente da:
- messaggi con linguaggio offensivo
- messaggi che contengono turpiloquio
- messaggi con contenuto razzista o sessista
- messaggi il cui contenuto costituisce una violazione delle leggi italiane (istigazione a delinquere o alla violenza, diffamazione, ecc.)