La mancanza dell’anti Renzi!

di Massimo Gramellini. Che i primi ospiti dei talk show rivali del martedì sera siano stati Scalfari e Prodi è la rappresentazione plastica di un problema politico: la mancanza dell’anti Renzi, cioè di un leader della sua generazione alternativo a lui. È una situazione anomala e in fondo inedita: Craxi dovette vedersela con Berlinguer e con De Mita, Berlusconi col succitato Prodi e con Veltroni (per tacere di D’Alema, che non si è mai capito se fosse un rivale o un sodale).
Renzi non ha un antagonista vero, riconosciuto e riconoscibile al punto da essere invitato in televisione per fargli il controcanto. 
Alla sua sinistra l’unico ad avere il carisma necessario sarebbe Tsipras, che però parla il greco e andrebbe sottotitolato da Fassina.
Ma è alla sua destra che il deserto avanza. Berlusconi è oramai una sorta di Breznev in tuta da ginnastica: dalle sue parti gli unici segnali di vita arrivano da Brunetta e dal barboncino Dudù. Giorgia Meloni è giovane e sveglia, però senza una struttura forte alle spalle.
L’unico ad averne una, e a bucare il video, sarebbe il leghista Salvini: il secondo Matteo. Ma finché continuerà a passare le vacanze in Corea del Nord con Razzi non uscirà dalla maledizione macchiettistica che da un quarto di secolo impedisce al suo partito di essere preso sul serio.
Restano i «Di» pentastellati: il litigioso Di Battista e il diplomatico Di Maio. Ma perché uno dei due possa emergere, devono prima fare fuori Grillo e poi farsi fuori tra loro.
E così, in attesa che dall’esterno emerga un avversario credibile, Renzi si può concedere il lusso di cercarlo nel suo posto preferito: allo specchio.

Nessun commento:

Posta un commento

Freeskipeer è uno spazio libero. L'immediatezza della pubblicazione dei commenti non permette filtri preventivi. Per questa ragione chi commenta è il solo responsabile del contenuto delle proprie affermazioni. freeskipeer si dissocia da eventuali messaggi lesivi di diritti di terzi.

Freeskipeer Italia si dissocia categoricamente da:
- messaggi con linguaggio offensivo
- messaggi che contengono turpiloquio
- messaggi con contenuto razzista o sessista
- messaggi il cui contenuto costituisce una violazione delle leggi italiane (istigazione a delinquere o alla violenza, diffamazione, ecc.)