Stazione Termini: degrado e sporcizia.

di Arianna Rm. Ho accompagnato mia figlia e la mia nipotina a prendere il treno a Termini, la stazione della capitale d'Italia, e lo spettacolo che ho visto mi ha letteralmente schifata. 
Vicino alla fermata della metropolitana buttati per terra diversi materassi e cartoni sudici con sopra distese delle persone tra cui un uomo che stava “defecando” così, tranquillamente, serenamente, indisturbato, davanti a passanti e turisti. 
Altre persone erano sdraiate per terra vicino ai grossi vasi con le piante di ulivo che dovrebbero abbellire Piazzale dei Cinquecento assieme ai bidoncini che straboccano di spazzatura facendo pandan con le immondizie sparse ovunque. 
Sciami di zingari armati di grossi cartoni per borseggiare i più sprovveduti, coloro che ancora “non sanno”. Venditori ambulanti, vu’ cumprà, mendicanti e accattoni di ogni razza. 
E per finire il parcheggio “custodito” tenuto dalle Ferrovie dello Stato. E' presidiato da loschi individui che cercano di sbarcare il lunario chiedendo soldi per non so quale servizio dal momento che il parcheggio è a pagamento! Ho interpellato il personale addetto alla custodia su questo problema, e ha fatto spallucce! 
Ma chi è preposto a fare qualcosa per ovviare a questa situazione veramente indecorosa per una capitale europea? Il presidente della repubblica, il presidente del consiglio, i parlamentari, il sindaco, il prefetto, il questore, la polizia municipale, la polizia di stato, i carabinieri, la finanza, i vigili del fuoco, la protezione civile, chi? 
Ma l’autunno è alle porte. Cadranno le foglie e pioveranno, copiosi e fetidi come sempre, gli escrementi di centinaia di storni migratori ad infestare la Piazza più grande d’Italia e a nascondere ogni cosa sotto un nauseabondo tappeto di guano!

Nessun commento:

Posta un commento

freeskipeer è uno spazio libero. L'immediatezza della pubblicazione dei commenti non permette filtri preventivi. Per questa ragione chi commenta è il solo responsabile del contenuto delle proprie affermazioni. freeskipeer si dissocia da eventuali messaggi lesivi di diritti di terzi.

freeskipeer si dissocia categoricamente da:
- messaggi con linguaggio offensivo
- messaggi che contengono turpiloquio
- messaggi con contenuto razzista o sessista
- messaggi il cui contenuto costituisce una violazione delle leggi italiane (istigazione a delinquere o alla violenza, diffamazione, ecc.)