Una breccia contro la famiglia?

di militiachristi. La cosiddetta “legge sull’omofobia”, attualmente in discussione al Parlamento italiano, sarà al centro della conferenza “Da Porta Pia all’omofobia, una breccia contro la famiglia?” organizzata dal Movimento Politico Cattolico Militia Christi, venerdì 20 settembre alle h. 18.00 a Roma, al Centro Congressi Cavour (via Cavour, 50)
Posta nella data del centocinquantatreesimo anniversario della Breccia di Porta Pia, la conferenza intende puntare il dito contro le conseguenze di una “legge” che, con la scusa della non discriminazione, vuole legittimare giuridicamente la pratica omosessuale, avvicinandola al matrimonio, tacitando chi fosse di parere contrario e costringendolo ad agire contro coscienza. 
A cominciare dai sacerdoti che sarebbero perseguibili penalmente per le loro omelie e la maggioranza dei cittadini che dovrebbero accettare supinamente la violenza ai danni del diritto naturale. 
Il tutto ad opera dell’arroganza degli attuali partiti: i Radicali, Sel, Cinque Stelle, Scelta Civica/Udc, Pd e buona parte del Pdl… 
Relatori della conferenza saranno Mons. Ignazio Barreiro Carambula, direttore dell’ufficio romano di Human Life International, il Prof. Giulio Alfano, docente di filosofia politica alla Pontificia Università Lateranense e l’Avv. Antonello Pompilio. 
La conferenza concluderà una giornata ricca di iniziative per rendere omaggio ai giovani volontari che il 20 settembre 1870 difesero la libertà e il diritto dell’allora Stato pontificio: 
la mattina alle h. 10.30 sarà celebrata una messa per i caduti pontifici e per gli avversari nella Chiesa del Corpus Domini, via Nomentana 8, 
e alle h. 12.00 si svolgerà la commemorazione di fronte alla Breccia di Porta Pia con la deposizione di una corona di fiori per i giovani che diedero la vita per Pio IX.

Nessun commento:

Posta un commento

freeskipeer è uno spazio libero. L'immediatezza della pubblicazione dei commenti non permette filtri preventivi. Per questa ragione chi commenta è il solo responsabile del contenuto delle proprie affermazioni. freeskipeer si dissocia da eventuali messaggi lesivi di diritti di terzi.

freeskipeer si dissocia categoricamente da:
- messaggi con linguaggio offensivo
- messaggi che contengono turpiloquio
- messaggi con contenuto razzista o sessista
- messaggi il cui contenuto costituisce una violazione delle leggi italiane (istigazione a delinquere o alla violenza, diffamazione, ecc.)