A noi i sacrifici e a loro i mega stipendi e le pensioni d’oro!

di Grazia Nonis. E’ scandaloso e vergognoso che Raffaele Bonanni, fresco ex segretario della Cisl e combattente di piazza per i diritti di noi lavoratori, si sia fatto pompare lo stipendio e oggi goda di una pensione da fantascienza. Cifre che noi non vedremmo nemmeno lavorando quattro vite. Il Raffaele ha iniziato la gavetta come manovale in un cantiere e dopo pochi mesi poi s’è iscritto alla Cisl. E lì, nel paese dei Balocchi, ha iniziato il percorso dell’Eden sindacalista, limbo che fa dupli-tripli-quadruplicare i salari.
Nel 2003 guadagnava più di 75 mila Euro che nel 2005 sono diventati 79 mila. Nel 2006 viene eletto segretario della Cisl e da regolamento avrebbe dovuto ricevere un aumento del 30%, quindi circa 100 mila. E invece no, il Raffa ne becca ben 118 mila (?). E non si ferma, il suo stipendio sembra seguire la regola del lievito di Mastro Fornaio… cresce e cresce fino ad assestarsi nel 2011 a quota 336 mila. Magia o bacchetta magica avvolta nella bandiera rossa, non è dato di sapere. Il difensore di noi lavoratori, tomo tomo cacchio cacchio, si è creato una nuova mega Bonanni-contingenza, autonoma e indipendente. Può raccontarci che ha ricevuto bonus, vitalizi, premi di produzione (?) oppure è stato miracolato dal santo patrono dei sindacalisti. Ma noi non siamo dei pirla e non gli crediamo. E per non farsi mancare proprio nulla, il povero Bonanni ha colto anche l’occasione (che a noi non potrà mai accadere) di acquistare la casa dove viveva in affitto e di proprietà dell’Inps, al modico prezzo di 200 mila euro e cioè scontata dell’80 per cento sul valore di mercato. Mica una casetta del lella: otto locali sul lungotevere a Roma. Questo signore può giustificarsi in tutte le maniere: lo stipendio boh, mah, non c’ero e se c’ero dormivo, oppure seguire la moda e dire che l’han fatto a sua insaputa e che la casa è bella fuori e cesso di dentro e per questo gli han fatto lo sconto… A noi non interessa. Non lo giustifichiamo, non possiamo. Ma ci rendiamo conto da chi siamo rappresentati? I vari “Bonanni” si “battono” per farci ottenere qualche euro d’aumento e ne intascano migliaia senza esse controllati. E nel corso degli ultimi anni sono stati capaci solo di fare cause dementi per reintegrare i nostri colleghi ladri e lazzaroni senza battersi, invece, per il salario minimo e contro le scandalose paghe orarie a due euro l’ora, grazie anche alle “loro” finte e scandalose cooperative di lavoratori. Poi è arrivato Monti, e con lui la piagnona Fornero che ci ha trombato le pensioni. I sindacati zitti, muti. Ci hanno fatto credere che non si poteva fare altrimenti e dovevamo sacrificarci per non cadere nel baratro come la Grecia. A noi i sacrifici e a loro i mega stipendi e le pensioni d’oro. E’ il sistema. Lo stessa sistema dei politici che i sindacati fan finta di combattere ma imitano in tutto e per tutto. Il sindacalista duro e puro non esiste più. Persino quelli interni alle aziende o alle P.A. fanno marchette per godere dei privilegi più banali. Uno s’autorizza da solo il permesso sindacale in giornate festive mentre i colleghi sono costretti a lavorare, l’altro li usa per farsi gli affari suoi e l’altro ancora pranza col padrone e torna dai colleghi a testa bassa, fingendosi sconsolato per l’insuccesso. Ci ha venduti ma ha la pancia piena.

FIRMA LA PETIZIONE PER ABOLIRE LE DISPARITA' DI TRATTAMENTO ECONOMICO NELLA P.A.


BASTA DISUGUAGLIANZE! BASTA INGIUSTIZIE E PRIVILEGI! 
BASTA LAVORATORI DI SERIE "A" E LAVORATORI DI SERIE "B"! 
BASTA STIPENDI D'ORO! 
A PARITA' DI REQUISITI, PARITA' DI RETRIBUZIONE IN TUTTA LA P.A.!

NON E' PIU' ACCETTABILE CHE UN DIPENDENTE DEL QUIRINALE, DELLA CAMERA O DEL SENATO GUADAGNI SEI VOLTE DI PIU' DI UN IMPIEGATO DEL CATASTO CON PARI REQUISITI.

E' INACCETTABILE PER GLI STESSI DIPENDENTI PUBBLICI. E' INACCETTABILE PER I CITTADINI CHE LI PAGANO A FRONTE DI TASSE SEMPRE IN AUMENTO.
RIDUCIAMO GLI SPRECHI.

MIGLIORIAMO L'EFFICIENZA E L'EFFICACIA DELLA PUBBLICA AMM.NE.


FIRMA ANCHE TU LA PETIZIONE PER UN'ITALIA PIU' GIUSTA, EQUA E SOLIDALE. PER UNO STATO AL SERVIZIO DEI CITTADINI.

Nessun commento:

Posta un commento

freeskipeer è uno spazio libero. L'immediatezza della pubblicazione dei commenti non permette filtri preventivi. Per questa ragione chi commenta è il solo responsabile del contenuto delle proprie affermazioni. freeskipeer si dissocia da eventuali messaggi lesivi di diritti di terzi.

freeskipeer si dissocia categoricamente da:
- messaggi con linguaggio offensivo
- messaggi che contengono turpiloquio
- messaggi con contenuto razzista o sessista
- messaggi il cui contenuto costituisce una violazione delle leggi italiane (istigazione a delinquere o alla violenza, diffamazione, ecc.)