Gli italiani non sanno più chi votare e... si astengono!

Elezioni Regionali in Emilia Romagna e Calabria: vince l’astensionismo! Se si fosse trattato di un referendum sarebbe mancato il “quorum”, ovvero, la consultazione popolare non sarebbe stata valida perchè la percentuale dei votanti è stata di gran lunga inferiore al 50%! Ma alla politica, locale e nazionale, del quorum non gliene frega proprio niente, tanto "loro" la poltrona se l'accaparrano comunque, anche con quattro voti: il loro, quello del capo rione e quello di mamma e papà, ammesso e non concesso che al giorno d’oggi i padri si fidino ancora dei propri figli, specie se “politici” di mestiere! Fatto sta, che nella 'regione rossa' per antonomasia, da sempre feudo della sinistra, sono andati alle urne solo il 30,7% degli aventi diritto! E di questo 30,7% appena il 44,5% ha votato per il candidato di Matteo Renzi. Adesso è lecito oppure no chiedersi: il Presidente neo eletto alla Regione Emilia Romagna rappresenta gli interessi di chi? Ma almeno lui si è sottoposto al responso dell'urna e bene o male è stato eletto, mentre l’attuale governo, nelle cui mani sono riposte le sorti di tutti gli italiani, chi l'ha mai votato? Renzi e i suoi hanno occupato “abusivamente” Palazzo Chigi. E i recentissimi risultati elettorali hanno tutto il sapore di un "avviso di sfratto"!
 Comunque, il dato drammatico, e che ormai registra ad ogni tornata elettorale un trend in continua crescita, è che in Italia l’astensionismo è il partito di maggioranza assoluta. Astenersi dal voto è il primo atto di rivolta civile, democratica e pacifica, il segnale chiaro, netto ed incontrovertibile che i cittadini lanciano al sistema, ma se rimane tale non serve a niente, perché “loro” continueranno a spartirsi come e meglio di prima tutto ciò che resta della torta Italia! Il MoVimento5Stelle, che aveva intercettato l’avversione degli italiani nei confronti della mala-politica, non ce l’ha fatta a “cambiare le cose”, ha fallito, e si sta sciogliendo come neve al sole. Il Pd è spaccato al suo interno e l’effetto Renzi presto sarà sotterrato sotto una valanga di tasse. FI si accontenta di raccogliere le briciole. La Lega Nord cavalca il malessere ed il disagio, come faceva M5S, ma resta sempre poca roba. A questo punto ai cittadini onesti e per bene del Paese, che oggi disertano le urne, non resta che rimboccarsi le maniche e - come si conviene ad ogni condominio che rischia di andare alla malora per la pessima amministrazione dello stabile - non firmare più nessuna delega in bianco, ma presentarsi ogni volta in prima persona 'in assemblea' per controllare, proporre e decidere.

1 commento:

  1. In Emilia Romagna ha vinto l'astensionismo, il rigetto del cittadino per la politica. In una regione in cui chi compra con i soldi pubblici un vibratore (o si fa spesare lo scontrino per andare a pisciare in un Autogrill e non se ne vergogna) dove si torna a votare non per scadenza elettorale, ma perchè il presidente di Regione Errani è stato condannato, votare, anche turandosi il naso, è dura. La puzza è troppa, in particolare quella piddina. Ora c'è il solito gioco di chi ha vinto e di chi ha perso. Si può dire tranquillamente che con questo livello di astensionismo ha perso la democrazia. I cittadini non hanno più fiducia nei partiti!!!

    RispondiElimina

freeskipeer è uno spazio libero. L'immediatezza della pubblicazione dei commenti non permette filtri preventivi. Per questa ragione chi commenta è il solo responsabile del contenuto delle proprie affermazioni. freeskipeer si dissocia da eventuali messaggi lesivi di diritti di terzi.

freeskipeer si dissocia categoricamente da:
- messaggi con linguaggio offensivo
- messaggi che contengono turpiloquio
- messaggi con contenuto razzista o sessista
- messaggi il cui contenuto costituisce una violazione delle leggi italiane (istigazione a delinquere o alla violenza, diffamazione, ecc.)