Governi che mettono croci sulla nostra primavera.

di Maria Pia Caporuscio. Oggi sarebbe necessario cambiare senso anche alla parola “governare” in quanto governare significa “prendersi cura” e da molti anni ormai a nessun governo interessa prendersi cura della propria nazione. Da più di un ventennio i capi di Stato non si adoperano più per migliorare la qualità di vita dei connazionali, ma per curare gli interessi privati delle potenti caste del potere finanziario, senza porsi il minimo scrupolo, consapevoli di danneggiare e stravolgere la vita della classe lavoratrice spudoratamente tradita, quando era ed è, un sacrosanto dovere dello Stato difenderla (essendo la parte più debole) dagli artigli di quelli che si sentono i “padroni”.
E’ al governo (profumatamente pagato dai cittadini) che spetta il “dovere e l’obbligo” di promuovere la giustizia sociale, ma finora nessuno se ne è fatto carico, ed è questo scellerato disinteresse a fare di questa categoria, una vergogna nazionale! Non bastavano gli inverni a riempire di croci i cimiteri, ora si sono messi i governanti a mettere croci sulla primavera: sono tanti i disoccupati, i giovani imprenditori, i padri di famiglia a togliersi la vita per la disperazione di non avere più i mezzi per tirare avanti e la forza per combattere contro chi li spinge al suicidio! La nostra bella primavera è costretta a scappare lontano, sia per sfuggire alla morte civile, ma soprattutto a quella fisica, per mancanza del necessario vitale che spetta “per diritto di nascita” ad ogni essere umano. I giovani abbandonano tutto ciò che amano: gli affetti più cari (senza i quali la vita diviene un deserto) il sogno di costruire un mondo giusto, per un miglioramento della società, e la speranza di una vita a dimensione umana, dove la classe dirigente fosse composta da intelligenze che si adoperano per il bene comune, non per congelare secoli di storia e di sviluppo. Purtroppo abbiamo smesso tutti di sognare avendo perso la speranza di tornare ad avere una classe politica che agisca nella legalità, che si prenda cura degli interessi che riguardano la propria nazione e i concittadini, di stimolare la ricerca, la creatività, l’arte, la poesia, la musica. Di tutto questo non v’è traccia nei comportamenti di coloro che si assumono la responsabilità di governare, per cui sono da ritenere tutti responsabili del fallimento morale, civile ed economico della nostra società. Tutto è stato sacrificato al dio denaro, persino l’onore e la dignità (o forse sono stati scelti proprio perché privi di onore e dignità) visto che vengono selezionati i peggiori: politicanti ridicoli, con una intelligenza al disotto della media. Come si può non pensare che questo avviene per poterli meglio manipolare e gestire la politica con leggi contro i cittadini, creando così le condizioni giuste per sottomettere e schiavizzare la classe lavoratrice e il trasferimento delle ricchezze dal basso verso l’alto, come in sostanza sta avvenendo? A questa categoria di usurai non bastava navigare nell’oro, mentre tutti gli altri dovevano lavorare otto ore al giorno, per procurarsi il necessario per vivere, ora intendono privarli anche del necessario, creando una massa di disoccupati e affamati da poter schiavizzare per venti ore al giorno, in cambio di pochi spiccioli. Questa degenerazione (che sta dilagando a livello mondiale) è urgente stroncarla, perché questi aborti umani, sono decisi a fermare la civiltà e riportare indietro di secoli l’intera umanità. Il loro osceno disegno è quello di imporre un ritorno al feudalesimo, dividendo ancora e per sempre questa volta, l’umanità fra schiavi (tutti gli altri) e padroni (lor signori). A provocare ancora più orrore sono gli organi dell’informazione, scesi così in basso da rendersi più schifosi dei ratti di fogna: assecondare la criminalità del potere finanziario contro cittadini inermi è per davvero osceno, quando dovrebbero essere in prima linea per denunciare questi crimini contro l’umanità e combattere a fianco dei giusti. Purtroppo giornalisti e politici corrotti e senza scrupoli, assetati di soldi, di lusso e di potere, consegnano la vita di miliardi di esseri umani a questi cavalieri della morte, per la realizzazione dell’apocalisse degli abitanti del pianeta della vita!

2 commenti:

  1. Nel Mondo dei ciarlatani
    le parole vengono usate da opinionisti di parte per confondere le idee.
    Quando si faranno trasmissioni con rappresentanti del popolo
    Ribattendo menzogna su menzogna le menti atrofizzate si risveglieranno.
    Il popolo chiede lo svecchiamento della classe politica
    Per il ripristino della DEMOCRAZIA che non c’è più
    Composto da persone responsabili che lavorino per il bene di tutto il Popolo
    non per i soliti parassiti.

    Dato che
    Più di duemila anni sono passati
    da quando il più grande anarchico comunista è stato ucciso.
    Il suo concetto di fratellanza è stato tradito da chi doveva divulgare il suo credo.
    Favorendo a chi Governa su un piatto d’argento L’eliminazione del concetto anarchico Come? Sfruttandolo per governare mascherato dà Democrazia

    Pertanto il pensiero anarchico nato dopo è violenza gratuita che aggiunge caos al caos.

    Purtroppo l'egoismo domina il mondo annebbiando le menti dei pigri
    per questo tutto cambia a parole ma nella sostanza tutto resta come prima
    ( quando va bene)

    il pensiero anarchico comunista è come l'utopia non sarà mai unitario.

    Se cosi fosse quell'uno per cento che domina il mondo senza violenza
    Lo potremmo spodestare dando vita al sogno utopico del MESSIA
    Quello di un mondo migliore. VITTORIO.A
    (BUONA GIORNATA CARA AMICA)

    RispondiElimina
  2. Vittorio purtroppo proprio dai tempi di quel grande Uomo chiamato Gesù si è scoperto che a chi fa del bene viene data in cambio una croce, sulla quale verrà crocifisso. Quando ero bambina feci un sogno che non ho più dimenticato: Mi trovavo in una Chiesa da dove al centro della Navata pendeva un enorme crocifisso che io guardavo stupita, forse spaventata dal sangue che vedevo colare dalle mani, dai piedi, dal costato ma anche dalla fronte e gli chiesi: “Perché hai le braccia spalancate? Sciogliele e scendi così laviamo il sangue”
    “Non posso abbassare le braccia”
    “Perché?”
    “Come farei a rispondere alla tua domanda altrimenti? Mia povera piccina se anche tu ti comporterai come me, ti ritroverai proprio così, a braccia spalancate!”
    Solo molto più tardi scoprii che a soffrire sono sempre le persone più oneste.
    Un abbraccio mio carissimo Vittorio.

    RispondiElimina

Freeskipeer è uno spazio libero. L'immediatezza della pubblicazione dei commenti non permette filtri preventivi. Per questa ragione chi commenta è il solo responsabile del contenuto delle proprie affermazioni. freeskipeer si dissocia da eventuali messaggi lesivi di diritti di terzi.

Freeskipeer Italia si dissocia categoricamente da:
- messaggi con linguaggio offensivo
- messaggi che contengono turpiloquio
- messaggi con contenuto razzista o sessista
- messaggi il cui contenuto costituisce una violazione delle leggi italiane (istigazione a delinquere o alla violenza, diffamazione, ecc.)