Presidente Renzi, ci spiega lo spread?

Stando agli attuali indicatori economici, lo spread appare inversamente proporzionale al cattivo andamento dell’economia italiana. Più nel Belpaese le cose vanno male, più quel differenziale migliora! Oggi la disoccupazione ha raggiunto livelli record, il debito pubblico è ai massimi storici, il pil non cresce e non crepa, i salari e le pensioni degli italiani sono i più bassi d’Europa, il commercio è fermo, non si compra e non si vende più neppure un bottone, la corruzione si sta mangiando anche le ultime briciole rimaste nel piatto della "torta-italia", ma lo “spread” è incredibilmente calato a 118 punti! Nel 2011 la disoccupazione era sotto la media Ue, il debito pubblico era di molti miliardi di euro inferiore all’attuale, il pil, anche se di poco, cresceva, mentre lo spread superava addirittura i 500 punti. Insomma, i conti non tornano! E non ci vuole certo un premio Nobel per sentire che c'è puzza di Troika. Presidente Renzi, ci vuole spiegare lo spread?

Nessun commento:

Posta un commento

Freeskipeer è uno spazio libero. L'immediatezza della pubblicazione dei commenti non permette filtri preventivi. Per questa ragione chi commenta è il solo responsabile del contenuto delle proprie affermazioni. freeskipeer si dissocia da eventuali messaggi lesivi di diritti di terzi.

Freeskipeer Italia si dissocia categoricamente da:
- messaggi con linguaggio offensivo
- messaggi che contengono turpiloquio
- messaggi con contenuto razzista o sessista
- messaggi il cui contenuto costituisce una violazione delle leggi italiane (istigazione a delinquere o alla violenza, diffamazione, ecc.)