Salvini - Meloni: prove tecniche di 'Fronte Nazionale'!

Eppur si muove! Dopo mesi di silenzio ed immobilismo e un anno di sole chiacchiere e zero fatti del governo Renzi, la destra italiana si smarca da Berlusconi e cerca di riorganizzare le proprie fila dandosi appuntamento a Roma il prossimo 28 febbraio a Piazza del Popolo alle ore 15.00 per una grande manifestazione di piazza contro le politiche del governo di sinistra. Nasce così, almeno per il momento, il “Fronte anti Renzi” di Lega e Fratelli d'Italia. Anche se sarebbe auspicabile un "Fronte Nazionale" per l'Italia, piuttosto che un fronte contro chicchessia.
Ma nell'attesa che i tempi maturino per la nascita di una grande destra, l'altro Matteo con tanto di maglietta “Renzi a casa!” insieme a Giorgia Meloni lancia un appello alle altre forze politiche: "Si unisca a noi chi vuole mandare a casa il Governo". L'alleanza hanno detto i due leader è "contro le politiche che sta portando avanti il governo amico dei poteri forti e agli ordini della Merkel". Il 7 marzo - hanno fatto sapere - ci sarà un'altra manifestazione a Venezia e tra aprile e maggio un "grande evento" al quale invitare anche Marine Le Pen. Poche idee, ma chiare: NO ad inciuci con la sinistra, no ai poteri forti, no all’immigrazione senza regole a discapito degli italiani, no alle politiche di austerity imposte dalla Troika; SI alla tutela dei diritti di tutti, sì alla salvaguardia dei nostri interessi nello stare in Europa, sì alla crescita e allo sviluppo senza chiudersi in una prospettiva fine a se stessa, sì a ragionare in senso occidentale e non orientale, in senso pluralista e non monocratico, sì all'aliquota fiscale unica. Un programma ambizioso, ma di destra. Difficile da realizzare, certo, ma non impossibile. È chiaro che Salvini e Meloni hanno ragione nelle premesse, ma queste devono essere metabolizzate e collegate ad un’idea non esclusiva e ottusa di rivendicazione della propria identità nazionale: salvaguardare i nostri interessi nazionali, riscoprire i diritti storici, guadagnati nel tempo da generazioni, che hanno i cittadini italiani rispetto ai gentili ospiti che riempiono le nostre coste, non significa per nulla prendere a calci nel sedere i meno fortunati. Vuol dire piuttosto creare quelle condizioni di identità comunitaria e di priorità nazionali che rendono possibile la solidarietà, la libertà individuale, la civile convivenza e la crescita economica del Paese.

19 commenti:

  1. Mantenere un profugo? Fino a 35 euro al giorno!!!

    RispondiElimina
  2. Le due facce della solidarietà: 35 euro al giorno per mantenere un profugo. E le italiane fanno la spesa nelle pattumiere!!!

    RispondiElimina
  3. Ai profughi 1000 euro al mese. Agli italiani solo la spazzatura!

    RispondiElimina
  4. Alle prossime elezioni che avranno sotto mano, voteranno in massa per qualunque partito, purchè non sia il PD! è una certezza, visto che gli errori e il PD vanno a braccetto!! oltre tutto, hanno anche delegittimato un governo nel 2011 eletto correttamente, e fatto decadere con sistemi parecchio discutibili e oltre i limiti del lecito!

    RispondiElimina
  5. Altro fantastico business italiota: 35 euro di cui 25 finiscono nel giro del magna magna........gli italiani si meritano questo ed altro

    RispondiElimina
  6. Ma di cosa ci lamentiamo? Il Marinaio Renzi il Furbo ci ha fatto arricchire,regalando,solo ad alcuni di noi, 80 €uro al mese,che,sicuramente,per lui,e solo per lui,valgono di più dei 1.000 €uro al mese dati ai profughi!

    RispondiElimina
  7. C'è gente, italiana, che deve tirare il mese con 500 euro, fra cibo e qualche tassa da pagare. Ce ne sono alcuni vicino casa mia che hanno problemi molto seri e cerco di aiutarli, come posso. Non credo serva altro da dire a certi politici che campano di ideologia, ovvero che sono gente di .....

    RispondiElimina
  8. Salvini, Meloni... speriamo bene!!!!

    RispondiElimina
  9. Metteteli su un aereo e mandateli o al loro paese o in arabia dove possono integrarsi facilmente. C'è da scapparsene dall'Italia, se potessi lo farei

    RispondiElimina
  10. Abbiamo una banda di egoisti incoscienti e noi siamo un popolo di pecoroni. se c'è una possibilità di salvarci lo può fare solo la lega. forza lega forza salvini

    RispondiElimina
  11. Peggio per gli italiani che si fanno trattare come spazzatura , da un manipolo di ingordi cialtroni.

    RispondiElimina
  12. dovremmo linciare i politici che hanno preso certe decisioni a scapito di Italiani che lavorano e sudano per talvolte meno di 1000 €/mese La sinistra ha rovinato il Paese. Tutte le sinistre hanno mandato in fallimento i paesi dove hanno cercato di governare. Abbiamo una banda di incapaci al governo. Dobbiamo fare piazza pulita e ripartire solo con la Lega, unico partito che aiuta i propri connazionali. Renzi, sgancia tu i soldi per pagare gli immigrati invadenti

    RispondiElimina
  13. Siamo un Paese senz'anima e senza morale. Siamo nelle mani del Malaffare, della Burocrazia Parassita e della Magistratura Politicizzata. Per forza quando vengono in Italia i tifosi europei si comportano come abbiamo visto ieri: sanno che possono dare sfogo ai più bassi istinti repressi e fare tutto quello che a casa loro non è concesso. Gli italiani indigenti, che hanno più dignità del più rispettabile parlamentare a Roma o a Bruxelles, non vanno in piazza a manifestare. Soffrono ma non reagiscono, per ora.

    RispondiElimina
  14. In un momento in cui la caduta di questo governo è presupposto fondamentale per poter trovare un futuro in questo gigantesco immondiziaio multietnico in cui il PD sta deliberatamente trasformando il paese. Chiaritevi bene le idee al vostro interno e decidete cosa volete fare da grandi.

    RispondiElimina
  15. la volontà del governo non è verso il popolo che paga salate tasse , è solo nel proprio interesse e quello degli amici , devono occupare più poltrone possibile per non cadere prima della fine legislatura , non hanno voglia e tempo da perdere per i poveri pensionati , tanto è vero che le pensioni perdono potere continuamente come i stipendi , loro riescono anche ad aumentarci le addizionali su comuni , province e regioni , spreco di soldi per mantenere solo i politici trombati che erano al governo o che lo sono.poveri noi in mano a chi non ha mai lavorato un solo minuto per dare il PIL alla nazione.

    RispondiElimina
  16. nutile baccagliare ,questa è la stabilità che il governo sta dando al paese! la mazzetta degli 80€ distribuita furbescamente non a quelli che ne avrebbero avuto realmente bisogno, ma a quelli che avrebbero votato il pd secondo un ragionamento esemplare per cinismo e vigliaccheria,ha conseguito effetti devastanti :se la massa di beneficiati ha stimato di aver trovato un interlocutore disposto ad ascoltare le loro esigenze, dovrebbe riflettere per il bene proprio e dei propri figli quanta rovina sta causando questa posizione di intransigenza e di arroganza messa in campo da un governo, peraltro illegittimo costituzionalmente, contro le opposizioni e contro chi cerca di spezzare una lancia a favore del paese.

    RispondiElimina
  17. Ma è vero che lo Stato dà agli immigrati 35 euro al giorno?” per ben tre volte, in due giorni, mia moglie mi ha rivolto la seguente domanda: “Ma è vero che lo stato dà agli immigrati 35 euro al giorno?”. Quesito comprensibile, visto che, se la notizia fosse vera, i conseguenti 1050 euro mensili sarebbero cifra ben superiore alla sua pensione, CHE NON PERCEPISCE. Mia moglie è carico mio, ha lavorato per 15 anni, perché ha badato prima ai figli, per lo stato italiano da quattro soldi, i figli degli italiani, non valgono una cicca. Mia moglie percepisce 55 euro al giorno, magari AL MESE.

    RispondiElimina
  18. Impossibile usare il nome fronte nazionale.....quello c'è già ed è ben attivo...

    RispondiElimina

freeskipeer è uno spazio libero. L'immediatezza della pubblicazione dei commenti non permette filtri preventivi. Per questa ragione chi commenta è il solo responsabile del contenuto delle proprie affermazioni. freeskipeer si dissocia da eventuali messaggi lesivi di diritti di terzi.

freeskipeer si dissocia categoricamente da:
- messaggi con linguaggio offensivo
- messaggi che contengono turpiloquio
- messaggi con contenuto razzista o sessista
- messaggi il cui contenuto costituisce una violazione delle leggi italiane (istigazione a delinquere o alla violenza, diffamazione, ecc.)