Silvio Berlusconi: l'otto marzo, mi rialzo!

Quando si dice le coincidenze della vita.... l'otto marzo la festa della donna e la liberazione di Silvio Berlusconi! Il giudice di Sorveglianza di Milano Beatrice Crosti ha concesso la liberazione anticipata, di 45 giorni, a Silvio Berlusconi nell'ambito dell'affidamento in prova ai servizi sociali di un anno che sta scontando per la condanna definitiva per il caso Mediaset. Da quanto è stato riferito è stata accolta l'istanza del leader di FI.
Il fine pena per Silvio Berlusconi, secondo i calcoli, dovrebbe essere l'8 marzo. Il leader di Forza Italia infatti avrebbe dovuto concludere l'affidamento in prova ai servizi sociali, con tanto di attività di volontariato nel centro di anziani alle porte di Milano, il prossimo 23 aprile. E detraendo da questa data i 45 giorni di liberazione anticipata concessa, finirà il suo iter il prossimo 8 marzo. L'estinzione della pena però non cancellerà gli effetti della legge Severino e quindi il leader di Forza Italia rimarrà incandidabile per sei anni e cioè fino al novembre 2019. E' quanto spiegano in ambienti giudiziari precisando altresì che il leader di Forza Italia - il quale si è rivolto alla Corte Europea dei Diritti dell'Uomo lamentando una presunta illegittimità della sentenza Mediaset - può sempre giocare la carta della "riabilitazione", prevista dalla stessa legge Severino, che, se concessa, può consentirgli di anticipare di circa un anno il suo rientro in politica.

5 commenti:

  1. Evviva Silvio, salvatore della Patria!

    RispondiElimina
  2. Meno male che Silvio c'è!

    RispondiElimina
  3. E adesso ricomincia la nostra storia.

    RispondiElimina
  4. Io ricomincio da Silvio!!! Forza Italia

    RispondiElimina

Freeskipeer è uno spazio libero. L'immediatezza della pubblicazione dei commenti non permette filtri preventivi. Per questa ragione chi commenta è il solo responsabile del contenuto delle proprie affermazioni. freeskipeer si dissocia da eventuali messaggi lesivi di diritti di terzi.

Freeskipeer Italia si dissocia categoricamente da:
- messaggi con linguaggio offensivo
- messaggi che contengono turpiloquio
- messaggi con contenuto razzista o sessista
- messaggi il cui contenuto costituisce una violazione delle leggi italiane (istigazione a delinquere o alla violenza, diffamazione, ecc.)