Elenchi telefonici: uno spreco inutile di... Pagine Bianche!

di Valerio P. Nel mio condominio ci sono cento famiglie e qualche settimana fa sono arrivati, puntuali come una bolletta e giusti, giusti, cento elenchi telefonici, le cosiddette “Pagine Bianche”. Ma come si può pensare che nell’era di internet dove tali elenchi sono consultabili on line, qualcuno ritiri ancora l’inutile librone? Oltretutto le famigerate “Pagine Bianche”, con l’avvento dei tanti gestori telefonici che si sono spartita la clientela a suon di milioni di euro, non contengono l’elenco completo di tutti quanti gli utenti possessori di telefono, ma solo di quelli Telecom.
Va da sé, quindi, che la catasta di elenchi telefonici ammassata dietro al portone dello stabile, dopo più un mese, è finita dritta, dritta nel cassonetto della spazzatura. Ma chi paga per questo inutile spreco? I “soliti fessi”. E chi ci guadagna? Domanda retorica.

Nessun commento:

Posta un commento

Freeskipeer è uno spazio libero. L'immediatezza della pubblicazione dei commenti non permette filtri preventivi. Per questa ragione chi commenta è il solo responsabile del contenuto delle proprie affermazioni. freeskipeer si dissocia da eventuali messaggi lesivi di diritti di terzi.

Freeskipeer Italia si dissocia categoricamente da:
- messaggi con linguaggio offensivo
- messaggi che contengono turpiloquio
- messaggi con contenuto razzista o sessista
- messaggi il cui contenuto costituisce una violazione delle leggi italiane (istigazione a delinquere o alla violenza, diffamazione, ecc.)