Inps: Pensione anticipata e Salario minimo garantito.

Alla guida dell’Inps ce lo ha messo Matteo Renzi e per questo il timore che siano solo chiacchiere le promesse di Tito Boeri, non sono del tutto infondate, comunque il neo presidente dell’Istituto di previdenza prova a cambiare rotta con due proposte.
1. Forme di flessibilità sull'età di uscita anticipata dal lavoro, con pensioni proporzionalmente più leggere.
2. Salario minimo garantito per contrastare le situazioni di povertà dei lavoratori più deboli e meno rappresentati che si trovano a rischio di povertà relativa, emarginazione e sfruttamento.
Due idee da accompagnare al taglio delle direzioni centrali, che a suo parere “sono troppe, una cinquantina”, al cambio di governance dell' Istituto, con un cda di tre membri e un Civ (consiglio di indirizzo e vigilanza) più “snello e senza funzioni di cogestione”, e a un'operazione trasparenza, con un 'pin' di accesso al proprio conto sul sito dell'Inps in modo che tutti possano conoscere la propria situazione. E il buco quasi 7 miliardi di euro ereditato dall’Inpdap? Il neopresidente assicura che non c'è da preoccuparsi perché “lo squilibrio verrà gradualmente riassorbito. Il tema vero è quello delle spese assistenziali che devono per forza di cose ricadere sulla fiscalità generale e sulle quali va fatta una riflessione, per affrontare l'aumento della povertà che, in questi anni di crisi, ha colpito di più le fasce d'età prima del pensionamento”. Insomma, “bisognerebbe spendere meglio le risorse pubbliche prevedendo per esempio un reddito minimo per contrastare le situazioni di povertà, finanziato dalla fiscalità generale. Poi, dal lato della previdenza, è chiaro che, usando il calcolo contributivo, si potrebbero introdurre forme di flessibilità. Ma prima - precisa - bisogna convincere la Commissione europea perchè purtroppo i conti pubblici vengono considerati nella loro dimensione annuale anzichè sul medio-lungo periodo”. E infine l’Inps s’impegna ad inviare la lettera col conto contributivo e la stima della pensione solo a quei lavoratori che ancora non hanno una connessione Internet. "Per gli altri ci sarà un pin col quale accedere attraverso il sito Inps al proprio conto e simulare la pensione futura, secondo diversi scenari di carriera e di crescita dell’economia". Entro la fine del 2015 l'Inps conta di dare a tutti i lavoratori dipendenti privati la possibilità di sapere con esattezza quanto prenderanno di pensione. Per quelli pubblici ci vuole più tempo perché è più difficile ricostruire i versamenti. Nel 2016 dovrebbe essere possibile anche per i parasubordinati.
In definitiva l’Inps ha delle buone intenzioni, ma come sempre accade con i buoni propositi il problema sono sempre i soldi che mancano per realizzarli e i vincoli di bilancio cui l’Europa c’incatena mani e piedi!

2 commenti:

  1. tutte le varie ipotesi di flessibilita' avranno un costo.....
    ma perche mantenere 800 politici su belle poltrone in pelle .non ha un costo?

    RispondiElimina
  2. Non faranno niente ..... parole

    RispondiElimina

Freeskipeer è uno spazio libero. L'immediatezza della pubblicazione dei commenti non permette filtri preventivi. Per questa ragione chi commenta è il solo responsabile del contenuto delle proprie affermazioni. freeskipeer si dissocia da eventuali messaggi lesivi di diritti di terzi.

Freeskipeer Italia si dissocia categoricamente da:
- messaggi con linguaggio offensivo
- messaggi che contengono turpiloquio
- messaggi con contenuto razzista o sessista
- messaggi il cui contenuto costituisce una violazione delle leggi italiane (istigazione a delinquere o alla violenza, diffamazione, ecc.)