L'altro Matteo.

"Se serve mi candido a sindaco di Milano. Sono al servizio dei cittadini, decidono loro cosa devo fare." Ecco perché il leader del Carroccio, per sua stessa ammissione, non potrà mai assurgere a leader del centro destra. Silvio Berlusconi nel ’94 scese in campo per guidare l’Italia non un comune. Matteo Renzi sindaco lo è stato in termini propedeutici a ciò che è oggi grazie alla Troika. A Salvini va però attribuito il grande merito di aver scosso le coscienze del centro destra con la manifestazione di Piazza del Popolo a Roma. La prima grande protesta di piazza del dopo Berlusconi!
Ma l’altro Matteo non sarà mai il leader del centrodestra italiano, per sua stessa ammissione: “Se serve mi candido a sindaco di Milano” . Ma ora, adesso, quel che "serve" al Paese è un centro destra forte da contrapporre al PdR, al Partito di Renzi. E l’altro Matteo, quello della Lega, non sembra essere il leader giusto per contrastare il renzismo. Lui si porta addosso il peccato originale di quei verdi vichinghi padani che con tanto di ampolle e corna in testa urlavano "Roma Ladrona", ma che poi quando sono andati al governo del Paese hanno fatto peggio della politica romana. Salvini che come bandiera sventola il populismo e il nazionalismo, lui che cavalca il dissenso e la rabbia della gente, lui che per veicolare le proprie idee si affida ad una felpa d’inverno e ad una maglietta in primavera, ebbene lui, l’altro Matteo, non sarà mai il leader del centrodestra, ma solo un "capo a metà", quello di Ponte di Legno e dintorni, tanto per intenderci. Ma Salvini è senz'altro colui che ha avuto il coraggio di rinvigorire una destra esangue, appiattita sulle posizione del PdR e paralizzata dalle vicende personali di Berlusconi. Matteo Salvini ha il grande merito di aver suonato la carica, di aver svegliato la destra italiana e questo nessuno glielo potrà mai negare! Però non è certo lui il grande leader del centrodestra, anche se insieme alla Meloni rappresenta oggi la pietra miliare su cui costruire una valida e solida alternativa al centrosinistra. Questo passa il convento. Insomma, Salvini è al momento il "chi si accontenta gode" di quella destra che, comunque, resta ancora in attesa del vero capo carismatico capace di riprendersi i voti regalati a Matteo Renzi.

Nessun commento:

Posta un commento

freeskipeer è uno spazio libero. L'immediatezza della pubblicazione dei commenti non permette filtri preventivi. Per questa ragione chi commenta è il solo responsabile del contenuto delle proprie affermazioni. freeskipeer si dissocia da eventuali messaggi lesivi di diritti di terzi.

freeskipeer si dissocia categoricamente da:
- messaggi con linguaggio offensivo
- messaggi che contengono turpiloquio
- messaggi con contenuto razzista o sessista
- messaggi il cui contenuto costituisce una violazione delle leggi italiane (istigazione a delinquere o alla violenza, diffamazione, ecc.)