Salvini: Ue peggio di Mussolini, usa lo spread al posto dell'olio di ricino!

Sentir parlare ancora di "fascismo" e di "comunismo" è come sentire un cd col grammofono! Fascismo e comunismo vengono sbattuti in faccia agli italiani come si fa con i bambini capricciosi parlandogli dell'orco cattivo per farli stare buoni! Ma è roba che non piglia più nessuno. Oggi i temi son ben altri: lavoro, casa, sicurezza!
E chi accusa Matteo Salvini di voler resuscitare il venetennio e non quello berlusconiano, ma addirittura quello mussoliniano, è sicuramente lui un nostalgico, piuttosto che un Salvini che guarda avanti e non si gira certo in dietro: "Ma davvero i cittadini pensano che possano tornare i comunisti e i fascisti? Il saluto romano? Non ho paura di chi saluta in un modo o in un altro, ma piuttosto di chi manifesta a volto coperto! E poi a Bruxelles c’è ben di peggio di Mussolini, non hanno camicia nera o olio di ricino ma hanno spread e finanza, fanno peggio del fascismo!". Così il leader della Lega Nord Matteo Salvini liquida le polemiche della sinistra che lo accusano di andare a braccetto con CasaPound e con partiti neo fascisti. Per contrastare il centrosinistra di Renzi, Salvini bada al sodo: sul tavolo i problemi reali della gente, le future alleanze con Forza Italia, la partita per il Comune di Milano e poi le primarie per stabilire una volta per tutte chi comanda nel centrodestra e sferrare l'attacco decisivo alla roccaforte del Nazzareno, altro che menate varie e saluto romano!

Nessun commento:

Posta un commento

freeskipeer è uno spazio libero. L'immediatezza della pubblicazione dei commenti non permette filtri preventivi. Per questa ragione chi commenta è il solo responsabile del contenuto delle proprie affermazioni. freeskipeer si dissocia da eventuali messaggi lesivi di diritti di terzi.

freeskipeer si dissocia categoricamente da:
- messaggi con linguaggio offensivo
- messaggi che contengono turpiloquio
- messaggi con contenuto razzista o sessista
- messaggi il cui contenuto costituisce una violazione delle leggi italiane (istigazione a delinquere o alla violenza, diffamazione, ecc.)