Le strisce blu della Capitale tornano a costare 1 euro l’ora.

Strisce blu, a Roma resta tutto com’era prima dei rincari del 50%: un'ora di sosta costa ai romani 1 euro. Torna così in vigore, almeno fino a settembre e in attesa di capire quali saranno le contro misure del Campidoglio, la tariffa di 1 euro all'ora per la sosta a pagamento nella Capitale. Il Comune ha infatti rinunciato dinanzi al Consiglio di Stato alla richiesta di sospensiva della sentenza del Tar del Lazio che, accogliendo il ricorso del Codacons, aveva bocciato gli aumenti delle
tariffe. Tutto rimandato quindi al prossimo 15 settembre, quando i giudici decideranno nel merito se confermare o meno la bocciatura decisa dal Tar. Pertanto - fa sapere l'associazione dei consumatori - il Comune di Roma dovrà non solo adeguare gli strumenti di pagamento per consentire agli automobilisti la sosta di un'ora al costo di 1 euro, ma anche reintrodurre le agevolazioni cancellate con la delibera bocciata dal Tar, ossia l'abbonamento giornaliero da 4 euro e quello mensile da 70 euro. Comunque sia Roma resta maglia nera per il traffico, ovvero la città più congestionata d’Italia! Nella Capitale, infatti, per spostarsi in auto da un punto all’altro della città, s’impiega il 38% in più rispetto alla media europea, con punte del 71% registrato in media durante la mattina. I dati elaborati da Tom Tom Traffic Index, non sorprendono più di tanto la giunta capitolina che a breve affronterà il 'Piano generale del traffico urbano' per invertire questo stato di cose. Un provvedimento che nelle intenzioni dell’assessorato capitolino alla mobilità è destinato a “rivoluzionare” le abitudini dei romani. Agli automobilisti non resta che incrociare le dita!

Nessun commento:

Posta un commento

Freeskipeer è uno spazio libero. L'immediatezza della pubblicazione dei commenti non permette filtri preventivi. Per questa ragione chi commenta è il solo responsabile del contenuto delle proprie affermazioni. freeskipeer si dissocia da eventuali messaggi lesivi di diritti di terzi.

Freeskipeer Italia si dissocia categoricamente da:
- messaggi con linguaggio offensivo
- messaggi che contengono turpiloquio
- messaggi con contenuto razzista o sessista
- messaggi il cui contenuto costituisce una violazione delle leggi italiane (istigazione a delinquere o alla violenza, diffamazione, ecc.)