Una classe dirigente inadeguata.

I dati economici che cadono come macigni sulle macerie di un’Italia dilaniata dagli scandali e dalle ruberie, spolpata viva dalla corruzione e dall’evasione fiscale, sono di una gravità inaudita e senza precedenti. Eppure in un contesto economico favorevole come non accadeva da decenni - con l’euro più debole nei confronti del dollaro, il petrolio a prezzi da saldo, il quantitative easing che ha immesso liquidità in abbondanza, i tassi d’interesse prossimi allo zero e un gettito fiscale che seppure provenendo sempre e soltanto dai “soliti fessi” continua a portare milioni e milioni di euro nelle casse dello Stato - l'Italia non solo non riesce a decollare, rimanendo zavorrata sul fondo del baratro, ma non ce la fa neppure a salire sul gradino più basso della ripresa.
Ma perché siamo caduti così in basso? Perché siamo relegati a fanalino di coda dei paesi industrializzati? Qui, stavolta, l’euro, la finanza, la globalizzazione dei mercati e tutti gli alibi portati avanti per giustificare lo “sfascia Italia” non c’entrano proprio un bel niente. Il fatto tristemente grave è soltanto uno: il Paese è rimasto per troppo tempo nelle mani di una classe dirigente inadeguata.

Nessun commento:

Posta un commento

freeskipeer è uno spazio libero. L'immediatezza della pubblicazione dei commenti non permette filtri preventivi. Per questa ragione chi commenta è il solo responsabile del contenuto delle proprie affermazioni. freeskipeer si dissocia da eventuali messaggi lesivi di diritti di terzi.

freeskipeer si dissocia categoricamente da:
- messaggi con linguaggio offensivo
- messaggi che contengono turpiloquio
- messaggi con contenuto razzista o sessista
- messaggi il cui contenuto costituisce una violazione delle leggi italiane (istigazione a delinquere o alla violenza, diffamazione, ecc.)