Addizionali Regionali Irpef: aumenti considerevoli per Lazio, Liguria e Piemonte.

Di abbassare le tasse non se ne parla proprio alla stessa stregua di adeguare pensioni e salari al costo della vita e per porre in qualche modo rimedio al disastroso passaggio dalla Lira all’Euro. Per cui ci si deve accontentare del fatto che almeno tutto resti fermo così com’è, senza nessuna ‘svolta buona’! Per l’anno in corso gran parte delle Regioni - Abruzzo, Basilicata, Campania, Friuli Venezia Giulia, Marche, Puglia, Sardegna, Sicilia, Toscana, Umbria, Valle d’Aosta, Veneto e provincia Autonoma di Bolzano - ha deciso di non ritoccare le addizionali Irpef.
In soli due casi, Calabria e Molise, le aliquote sono addirittura diminuite, mentre per Emilia Romagna, Lombardia e Provincia Autonoma di Trento, il ritocco all’insù stato molto limitato. Insomma, le uniche regioni in cui gli aumenti sono stati consistenti sono il Lazio, la Liguria ed il Piemonte e il peso di questa forma di imposizione riguarda soprattutto i redditi sopra i 35.000 euro. I conti li ha fatti l’Ufficio studi della Cgia di Mestre, secondo il quale “va segnalato che la quasi totalità delle regioni ha deciso di non aumentare l’aliquota fino al livello massimo“. Considerato che il governo Renzi con “la legge di Stabilità ha tagliato 3,5 miliardi di euro di trasferimenti alle regioni a statuto ordinario, non aver agito sulla leva fiscale dimostra che la stragrande maggioranza dei Presidenti di regione ha operato con un grande senso si responsabilità nei confronti dei propri residenti“.

Nessun commento:

Posta un commento

Freeskipeer è uno spazio libero. L'immediatezza della pubblicazione dei commenti non permette filtri preventivi. Per questa ragione chi commenta è il solo responsabile del contenuto delle proprie affermazioni. freeskipeer si dissocia da eventuali messaggi lesivi di diritti di terzi.

Freeskipeer Italia si dissocia categoricamente da:
- messaggi con linguaggio offensivo
- messaggi che contengono turpiloquio
- messaggi con contenuto razzista o sessista
- messaggi il cui contenuto costituisce una violazione delle leggi italiane (istigazione a delinquere o alla violenza, diffamazione, ecc.)