G7. Una passerella inutile.

di Primo Mastrantoni, Segretario Aduc. Il G7, ovvero il Gruppo dei 7, cioè la riunione dei Paesi occidentali più il Giappone, si è concluso con un nulla di fatto. Il tema principale riguardava l'ambiente e l'unica decisione presa è stata quella di contenere l'innalzamento termico entro i due gradi
con la decarbonizzazione entro fine secolo e la riduzione dei gas entro il 2050. Tempi lunghi che non interesseranno più gli attuali attori del vertice. L'altro argomento è stata la crisi ucraina e, non a caso, pochi giorni prima del vertice, sono ripresi gli scontri tra ucraini e filorussi, quindi l'occasione per minacciare ulteriori sanzioni. Anche la crisi greca è stata argomento di discussione. Si è ribadito che la Grecia deve restituire i debiti, magari con ulteriori dilatazioni, ma deve dare qualcosa in cambio che, a nostro parere, non è proprio disponibile a dare. Esempio? Far pagare le tasse agli armatori greci (seconda flotta mercantile al mondo) che hanno un'Iva agevolata e che non pagano tasse sui profitti generati all'estero e alla Chiesa Ortodossa (guarda un pò). Insomma, un G7 da passerella. Potevamo risparmiarcelo.