La buona scuola? Una questione di fiducia!

Riformare l'Italia senza il voto degli italiani è incostituzionale! Riformare la sanità ignorando il parere di medici e pazienti, riformare la pubblica amministrazione senza ascoltare cittadini e lavoratori pubblici e riformare la scuola snobbando le istanze di insegnanti, studenti e genitori è come pretendere di accomodare una sedia sfasciata con lo sputo, tappandosi le orecchie ai consigli del falegname.
Il rischio è quello che appena ti siedi si sbraca tutto! La mancanza di ascolto di questo governo non eletto dai cittadini e il fatto che le sue proposte vengano approvate a colpi di voti di fiducia, stanno mettendo in serio allarme un’intera nazione! A questo punto non votare la fiducia alla presunta “Buona Scuola” del ‘premier senza voto’ è un dovere morale da parte di chi siede in parlamento. I punti di grave criticità del Ddl 1934 sono l’aziendalizzazione della scuola pubblica con a capo indiscusso il preside-padre-padrone, la meritocrazia, l’organico funzionale, le donazioni. La scuola non è un’azienda privata che produce utili, ma un’istituzione pubblica che educa, forma e istruisci le future generazioni. Una scuola libera, democratica, moderna, performante e accessibile a tutti non può e non deve soggiacere al ricatto del voto di fiducia perché se non passa così com’è - e così com’è non piace a nessuno - saltano le assunzione di 100mila precari!

Nessun commento:

Posta un commento

freeskipeer è uno spazio libero. L'immediatezza della pubblicazione dei commenti non permette filtri preventivi. Per questa ragione chi commenta è il solo responsabile del contenuto delle proprie affermazioni. freeskipeer si dissocia da eventuali messaggi lesivi di diritti di terzi.

freeskipeer si dissocia categoricamente da:
- messaggi con linguaggio offensivo
- messaggi che contengono turpiloquio
- messaggi con contenuto razzista o sessista
- messaggi il cui contenuto costituisce una violazione delle leggi italiane (istigazione a delinquere o alla violenza, diffamazione, ecc.)