"Ruspisti" o "Buonisti"? L'Italietta siamo noi!

La domanda che i “ruspisti” rivolgono ai “buonisti” in fatto di migranti rischia di diventare il tormentone di questa estate: “Se ti senti tanto buono, perché non ospiti i profughi a casa tua?”. E i “buonisti” - laici o cattolici, del Pd o di sinistra che siano - toccati nel vivo, o rimangono zitti e si girano dall’altra parte facendo spallucce, oppure rispondono:
“E perché dovrei? Vivo in uno Stato dove pago le tasse anche per aiutare chi ha bisogno. E’ lo Stato che deve occuparsene.”! È tipico di una certa Italietta che butta cicche e cartacce sul marciapiede perché tanto paga le tasse anche per tenere pulite le strade, ma è soprattutto l'Italietta di chi le tasse non sa neppure che cosa siano, ma sporca allo stesso modo, fa ugualmente il buonista con le tasse degli altri, trasecola se qualcuno accosta i clandestini a monnezza e sorci tweettando "Elezioni per Roma il prima possibile! Prima che la città venga sommersa dai topi, dalla spazzatura e dai clandestini", ma poi non vuole in nessun modo rom e profughi nel suo quartiere, figuriamoci in casa propria, e che alla fine pensa di lavarsi la coscienza con un Sms a Telethon. Siamo l’Italietta che manifesta contro la Tav ma va all'Expo in pendolino, che non vuole le discariche e le centrali nucleari sotto casa ma produce montagne di monnezza e brucia milioni di kilowatt, che non vuole le antenne dei ripetitori sul tetto di casa ma che sta incollata per ore al telefonino, che vuole i matrimoni gay, ma collassa quando apprende che la fidanzatina del suo unico figlio ‘maschio’ si chiama Roberto!

Nessun commento:

Posta un commento

Freeskipeer è uno spazio libero. L'immediatezza della pubblicazione dei commenti non permette filtri preventivi. Per questa ragione chi commenta è il solo responsabile del contenuto delle proprie affermazioni. freeskipeer si dissocia da eventuali messaggi lesivi di diritti di terzi.

Freeskipeer Italia si dissocia categoricamente da:
- messaggi con linguaggio offensivo
- messaggi che contengono turpiloquio
- messaggi con contenuto razzista o sessista
- messaggi il cui contenuto costituisce una violazione delle leggi italiane (istigazione a delinquere o alla violenza, diffamazione, ecc.)