Si allarga la forbice tra “soliti fessi” e “soliti noti”.

Come racconta balle Renzi non c'è nessun altro al mondo, e non v’è dubbio che sul palcoscenico mediatico è lui il migliore in assoluto. Il 'capo scout' annuncia e le 'giovani marmotte', disseminate come la gramigna nei vari salotti televisivi, arrancano sugli specchi per diffondere “il verbo”. Però quando agli annunci non seguano mai fatti concreti, allora capita di prendere qualche voto in meno!
Nel paradosso dell’Italia repubblicana, libera, democratica e renziana, non è cambiato proprio un bel niente rispetto a quella di andreottiana e berlusconiana memoria: debito pubblico, tasse, corruzione, evasione e disoccupazione, stanno sempre lì, anzi con qualche punto percentuale in più. In Italia sono soltanto questi i parametri che continuano rovinosamente a crescere e il Paese non ce la fa proprio più a sostenere un regime che non è più nè politico, nè tantomeno libero e democratico, ma soprattutto “fiscale”! Renzi non è un premier liberamente eletto dal suo popolo. Renzi è una tassa! Gioca con l'aumento delle tasse a carico dei “soliti fessi” come si fa col gioco delle tre carte dove a vincere è sempre e solo chi comanda il gioco e il suo "compare"! Cosa ha fatto finora Matteo Renzi per quanto riguarda la spesa pubblica, gli sprechi, l’evasione fiscale, la corruzione, le ruberie e i privilegi della casta che continua a godere di stipendi e pensioni da nababbo? Solo chiacchiere e tanto fumo. Quel poco d'arrosto che c'è ancora rimasto finisce sempre sulla tavola dei “soliti noti” e il “fumo”, che non è neppure di quelli… buoni, negli occhi dei “soliti fessi”!

1 commento:

  1. il Mondo Dei Perché
    Tutti gli Apparati dello Stato Prestando Giuramento promettono Fedeltà allo Stato Italiano e alla sua Costituzione.
    Nei fatti Tutto fanno meno che il loro dovere
    Come mai se il Popolo manifesta il mal contento verso chi Governa perchè stanno facendo solo i loro interessi e quelli
    delle Lobby Mafiose che rappresentano.
    (Allora mi sono posto questa domanda) Perché la Polizia si schiera in difesa dei lestofanti (che Governano? )
    Venendo meno al Giuramento di difendere (il popolo che è lo Stato e la sua Costituzione?) chi Governa è al servizio del Popolo pertanto quando il Popolo manifesta il suo malcontento dovrebbe essere supportato dalle forze de L’Ordine
    l’unica scusa potrebbe essere l’ignoranza Ma la legge dice che L’ignoranza non è ammessa.
    Se fossi un Poliziotto al servizio dello Stato, mi porrei questa domanda
    Sono al servizio del Popolo ho dei farabutti ?
    Perché devo intervenire quando il Popolo manifesta Pacificamente Contro Il mal governo?
    Il mio compito è di fare si che non avvengano infiltrazioni
    Chi è che infiltra agitatori violenti ?
    Perché i violenti sono vestiti in modo riconoscibile?
    a questo punto chiederei ai miei superiori a chi ho prestato giuramento Alla Repubblica Italiana Ho alla repubblica dei farabutti.


    Siamo un Popolo che nella stragrande maggioranza
    non accetta l'estrazione sociale a qui appartiene
    ma non fa niente per combattere i soprusi che subisce.

    Tantè che (i più) si accontentano di poco per essere vincenti.
    L'esempio su ciò che dico? ne prendo uno a caso che va bene per tutti lo Sport io sono nato a Firenze i nati perdenti non scelgono la Fiorentina scelgono le squadre dei ricchi perchè
    di riffa ho di raffa come si dice a Firenze sono le vincenti.
    Cosi fanno anche in politica gira e rigira scelgono chi li sa buggerare. VITTORIO.A

    RispondiElimina

freeskipeer è uno spazio libero. L'immediatezza della pubblicazione dei commenti non permette filtri preventivi. Per questa ragione chi commenta è il solo responsabile del contenuto delle proprie affermazioni. freeskipeer si dissocia da eventuali messaggi lesivi di diritti di terzi.

freeskipeer si dissocia categoricamente da:
- messaggi con linguaggio offensivo
- messaggi che contengono turpiloquio
- messaggi con contenuto razzista o sessista
- messaggi il cui contenuto costituisce una violazione delle leggi italiane (istigazione a delinquere o alla violenza, diffamazione, ecc.)