Ci stanno tagliando la salute!

C’è il debito pubblico che è salito al suo massimo storico. C’è la Troika che alita col suo fetido fiato sul collo dell’Italia. E allora il governo cosa fa? Non taglia le prebende ai “soliti noti”, non elimina gli sprechi della macchina statale, non bonifica le grandi inutili opere e gli enti superflui, non riduce le spese della “casta” improduttiva e parassitaria, non va a recuperare i denari che mancano al pareggio di bilancio da chi evade ed elude il fisco, non “moralizza” gli stipendi e le pensioni di centinaia di migliaia di manager sia pubblici che privati, ma invece taglia la salute degli italiani.
 Sotto lo slogan ormai consunto che “una siringa a Milano costa 10 e a Palermo 1.000”, stanno tagliando posti letto, accertamenti diagnostici, medicine e cure mediche. E lo stanno facendo in piena estate, come i topi d’appartamento che ti svaligiano casa quando stai fuori, al mare. I dati ufficiali stigmatizzano una dura realtà: 10 milioni di italiani non possono curarsi come dovrebbero perché non se lo possono più permettere. Ma loro continuano imperterriti a tassare, a tagliare e a lucrare sulla pelle dei "soliti fessi". E' vero che si può e si deve risparmiare su tutto, ma non sulla salute degli italiani!

4 commenti:

  1. Ci stanno togliendo tutto, pure la salute: ladri!

    RispondiElimina
  2. Loro si prendono tutto. A noi tolgono quel che ci resta.

    RispondiElimina
  3. PoveraItalia30 luglio, 2015

    Alle prossime elezioni M5S, senza se e senza ma!

    RispondiElimina
  4. Ci stanno ammazzando giorno dopo giorno e hanno l'abilità di non farsene accorgere!

    RispondiElimina

freeskipeer è uno spazio libero. L'immediatezza della pubblicazione dei commenti non permette filtri preventivi. Per questa ragione chi commenta è il solo responsabile del contenuto delle proprie affermazioni. freeskipeer si dissocia da eventuali messaggi lesivi di diritti di terzi.

freeskipeer si dissocia categoricamente da:
- messaggi con linguaggio offensivo
- messaggi che contengono turpiloquio
- messaggi con contenuto razzista o sessista
- messaggi il cui contenuto costituisce una violazione delle leggi italiane (istigazione a delinquere o alla violenza, diffamazione, ecc.)