La UE condanna l'Italia per il mancato riconoscimento delle coppie gay e se ne frega di salari e pensioni da fame!

Siamo in Europa solo per pagare un debito senza fine e per fare da diga al flusso migratorio che si sta rovesciando peggio di uno tsunami sul Vecchio continente? Siamo in Europa solo per abbassare la qualità e la quantità dei nostri prodotti, produrre latte e vino annacquato e mandare al macero tonnellate di pomodori pur di restare dentro certi parametri? Insomma, siamo in Europa soltanto per prendere il peggio del peggio, oppure per aspirare a qualcosa di meglio?
La Corte europea dei diritti umani ha stabilito che l'Italia deve introdurre il riconoscimento legale per le coppie dello stesso sesso. I giudici di Strasburgo hanno condannato il Belpaese per la violazione del diritto al rispetto della vita privata e familiare di tre coppie omosessuali, che da anni vivono insieme in una relazione stabile e ha stabilito che lo Stato dovrà versare ad ognuno di loro 5 mila euro per danni morali. La Corte di Strasburgo ritiene che l'Italia debba introdurre il riconoscimento legale per le coppie dello stesso sesso perché considera che "la protezione legale disponibile attualmente a coppie dello stesso sesso non solo non garantisce i bisogni fondamentali per una coppia che sia in una relazione stabile, ma non dà neanche sufficienti certezze". Benissimo! Ma perché la Ue non interviene con altrettanta veemenza nei confronti di salari e pensioni, al di sotto della media europea, che non sono più in grado di assicurare i bisogni fondamentali di un essere umano e di dare certezze? Perché a Strasburgo fanno finta di niente quando, invece, sanno benissimo che non è più possibile campare dignitosamente con mille euro al mese?

9 commenti:

  1. Sono due cose completamente diverse, la discriminazione nei confronti delle coppie gay esisteva anche quando l'Italia non faceva parte dell'UE.
    Per quanto riguarda il riconoscimento delle coppie gay si tratta di diritti che le coppie etero godono da millenni, per la povertà del paese la colpa va suddivisa in parti uguali tra governo ed elettori, perchè se la situazione in Italia è tragica è colpa di ha votato questi indegni rappresentanti, del lassismo che ha sempre fatto parte di una certa mentalità.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Quello che si evidenzia nell'articolo è che alla Ue stanno più a cuore i gay che le condizioni economiche degli italiani. Perché la Ue non impone all'Italia SALARI EUROPEI?

      Elimina
    2. Perchè i salari non li decide l'UE ma i datori di lavoro, mentre i dittti dell'uomo sono diritti inalienabili che superano ogni forma di singolo governo, altrimenti se così non fosse dovremmo prendere la Carta Universale dei Diritti dell'Uomo e buttarla nel cesso (insieme ai tuoi diritti che ti vengono garantiti a differenza dei miei che non vengono riconosciuti, però devo comunque pagare le tasse). Come ho scritto sopra il malgoverno che regna in Italia è colpa dei suoi elettori.
      Ti lascio questo proverbio: *I primi sbagli sono di quelli che li commettono, i secondi di quelli che glielo permettono.* *Proverbio inglese*

      Elimina
    3. Ma non è un diritto dell'uomo anche quello di vivere dignitosamente?

      Elimina
    4. La vita dignitosa si basa innanzitutto sulla parità dei diritti e dei doveri.
      In Italia c'è un governo che non funziona, ecco perchè la vita economica non è dignitosa ma questo non ha niente a che vedere con la decisione di Strasburgo.
      Il governo italiano può decidere sui salari ma non può certo continuare a negare i diritti garantiti dalla Costituzione.
      Sai, non è negando i diritti agli omosessuali che migliora il tuo tenore di vita economica.

      Elimina
  2. Anche i diritti civili li decide il governo nazionale e allora perchè l'europa interviene per costringere l'italia a far sposare froci e lesbiche?

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Scusa tanto ma frocia sarai tu, comincia a portare rispetto se vuoi rispetto.
      Bella mia, i diritti civili sono garantiti da istituzioni super partes come le Nazioni Unite e il Tribunale dei Diritti Umani.
      Ti consiglio di tornare a scuola e magari leggere la Costituzione Italiana, specie l'articolo 3.

      Elimina
  3. La verità è una sola: i froci hanno in mano le leve del potere e stanno ottenendo tutto quello che chiedono!!!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Magari fosse vero, almeno le persone come te che scrivono queste ingiurie non avrebbero diritto di opinione.
      Rassegnati, è ora che questo paese omofobo, ipocrita e cattolico pieno di gente altrettanto omofoba, ipocrita e cattolica come te si sbarazzi dei falsi principi su cui si basa.
      È ora di mettere in atto l'articolo 3 della Costituzione Italiana.
      La conosci la Costituzione, l'hai mai letta? Non credo, altrimenti certe cose non le scriveresti.

      Elimina

freeskipeer è uno spazio libero. L'immediatezza della pubblicazione dei commenti non permette filtri preventivi. Per questa ragione chi commenta è il solo responsabile del contenuto delle proprie affermazioni. freeskipeer si dissocia da eventuali messaggi lesivi di diritti di terzi.

freeskipeer si dissocia categoricamente da:
- messaggi con linguaggio offensivo
- messaggi che contengono turpiloquio
- messaggi con contenuto razzista o sessista
- messaggi il cui contenuto costituisce una violazione delle leggi italiane (istigazione a delinquere o alla violenza, diffamazione, ecc.)