La Camera dei deputati salva gli stipendi d'oro dei suoi dipendenti!

Ma chi l'ha detto che in Italia la legge è uguale per tutti? Non è vero! Come non è vero che lo stipendio è uguale per tutti gli impiegati dello Stato! Proprio nel giorno in cui il "premier senza voto" festeggia il voto finale al Senato - ma non l’aveva abolito!?!? - della riformicchia della pubblica amministrazione, salta per mano della commissione giurisdizionale dello stesso palazzo, composta da cinque
parlamentari Pd, la stretta sugli assegni dei dipendenti di Montecitorio che a fine carriera avranno uno stipendio annuo pari a 240 mila euro al contrario dei loro pari grado di tutto il comparto Stato che a parità di requisiti restano fermi a 1.200 euro al mese! Come sempre accade nello Stato vicino al fuoco ci si scalda e pensare di ridurre benefici, privilegi e stipendi d’oro alla "casta" è pura follia. Così i famigerati risparmi annunciati per il quadriennio 2015-2018 scenderanno dai 60 ai 13 milioni di euro, tanto a pagare ci sono sempre loro, i "soliti fessi"!

9 commenti:

  1. un solo commento: VERGOGNATEVI.

    RispondiElimina
  2. In questo modo si fomenta l'odio sociale. Che bisogno c'era di togliere il tetto agli stipendi dei commessi,visto che lo stipendio più basso gira intorno ai 6mila euro mensili?Non guadagnano abbastanza? Non hanno abbastanza benefici collaterali? Non credo servano lauree per fare un lavoro del genere,quindi perché questi stipendi spropositati?

    RispondiElimina
  3. Se mai ce ne fosse stato bisogno, questa è l'ennesima riprova che siamo ancora una volta di fronte a tanta demagogia. E ancora cercano voti e cercano di prenderci in giro? Che ne è delle auto blu? Tutte vendute? Ma fateci il piacere ...

    RispondiElimina
  4. E la gente continua a morire di fame, si suicidano perché la loro ditta è fallita. Quali privilegi hanno questi signori portacarte e niente altro.

    RispondiElimina
  5. Mi sembra giusto, altrimenti come fanno a tirare avanti... Poverini....

    RispondiElimina
  6. Prima si poteva parlare di incompetenza, personalmente ormai penso alla disonestà, alla malafede,Vorrei solo che il popolo italiano,il mio popolo che nella storia ha dato mille prove di essere un grande popolo capisse definitivamente dove si annida una mala politica.È semplicemente una vergogna ciò che succede in questo paese.Intere classi lavoratrici attaccate,con stipendi ridimensionati, norme severe su licenziabilita, carriere e altro,tagli ovunque anche a cose basilari.E poi continuano privilegi insopportabili...

    RispondiElimina
  7. Tutto questo crea solo tanto livore, scoramento e malessere sociale. Tutti gli italiani onesti, all'unisono, dovrebbero pronunciare davanti al parlamento una sola parola....." Vergogna"!

    RispondiElimina
  8. Ci hanno decurtato le pensioni aumentato le tasse dirette ed indirette, ci stanno togliendo le cure ma la casta politici e non politici si fossero tagliati di un centesimo i loro privilegi. Schifosi!!!

    RispondiElimina
  9. eugenio rm06 agosto, 2015

    Prima o poi in cabina elettorale dovremmo pur tornarci no? l'importante è prendere nota di tutte queste piccole e grandi incongruenze e votare di conseguenza.

    RispondiElimina

freeskipeer è uno spazio libero. L'immediatezza della pubblicazione dei commenti non permette filtri preventivi. Per questa ragione chi commenta è il solo responsabile del contenuto delle proprie affermazioni. freeskipeer si dissocia da eventuali messaggi lesivi di diritti di terzi.

freeskipeer si dissocia categoricamente da:
- messaggi con linguaggio offensivo
- messaggi che contengono turpiloquio
- messaggi con contenuto razzista o sessista
- messaggi il cui contenuto costituisce una violazione delle leggi italiane (istigazione a delinquere o alla violenza, diffamazione, ecc.)