Renzi è politicamente morto.

"Quelli che la sanno lunga dicono che Matteo Renzi sia cattivissimo, cinico e vendicativo. A me più che altro sembra morto, politicamente, s'intende. Bisogna soltanto comunicargli la data del funerale. Che peccato, un premier tanto giovane e vigoroso, pieno di idee sbagliate e di energie sprecate, se ne sta andando già nel numero dei più inutili e dispersivi governanti, cioè capaci di presentarsi bene, di illudere le folle con promesse mirabolanti, ma, alla prova dei fatti, inabili a concludere alcunché".
 Così scrive Vittorio Feltri sul Giornale. Renzi, non diversamente dai predecessori Mario Monti ed Enrico Letta, non è riuscito a far ripartire il Paese, spiega Feltri, e a dimostrarlo ci sono i dati macroeconomici. Insomma anziché la quarta il premier ha "innestato la retromarcia". E' "riuscito a progredire soltanto nel degrado: Roma docet (...) In barba al Jobs act, la disoccupazione, lungi dall'essere calata, si è impennata (inclusa quella giovanile, aggravata dal fatto che i ragazzi hanno voglia di incassare lo stipendio e non di lavorare). Il Pil è stabilmente basso. Il debito pubblico è a livelli di record mondiale. Se i padroni dello spread (i banchieri spericolati e complici dei finanzieri vicini alle cancellerie) decidessero di sbarazzarsi dell'enfant prodige fiorentino, darebbero un po' di gas alle loro speculazioni e addio bambinone. Già visto". E poi ci sono le spaccature del Pd, i discorsi fotocopia in ogni Paese in sui si reca. "La peggior figura che possa rimediare un premier è quella di rendersi ridicolo", conclude Feltri: "Auguriamo a don Matteo una dolce morte (politica, sottolineiamo ancora). Libera nos a malo".

Nessun commento:

Posta un commento

Freeskipeer è uno spazio libero. L'immediatezza della pubblicazione dei commenti non permette filtri preventivi. Per questa ragione chi commenta è il solo responsabile del contenuto delle proprie affermazioni. freeskipeer si dissocia da eventuali messaggi lesivi di diritti di terzi.

Freeskipeer Italia si dissocia categoricamente da:
- messaggi con linguaggio offensivo
- messaggi che contengono turpiloquio
- messaggi con contenuto razzista o sessista
- messaggi il cui contenuto costituisce una violazione delle leggi italiane (istigazione a delinquere o alla violenza, diffamazione, ecc.)