Stipendi d’oro? Politica e Sindacato sono d’accordo nel mantenerli.

Cristo si è fermato ad Eboli. La "spending review" a Montecitorio. Chi tocca gli stipendi dei dipendenti di Camera, Senato, Quirinale, insomma, di quella che viene comunemente chiamata "la casta", rischia di fare una brutta fine, ancora peggiore di quella di chi pensa di poter toccare i fili dell’alta tensione senza restarci stecchito! Vicino al fuoco ci si scalda! E’ quello che avviene per i cosiddetti "stipendi d'oro" di alcuni dipendenti pubblici più "privilegiati" di altri, anche se poi per entrambi il datore di lavoro è sempre il medesimo: lo Stato italiano!
Più si è vicini al potere più si gode di luce riflessa, ovvero dei vantaggi, dei privilegi e soprattutto degli stipendi riservati agli inquilini di Quirinale, Montecitorio, Palazzo Madama, Corte dei Conti, Csm e via discorrendo.
Così pure avviene nei ministeri, nelle regioni e nei comuni: più si è vicini alla “stanza dei bottoni” più si “guadagna”. Più si è vicini al “capo” e più lievita lo stipendio, seppure a parità di anzianità, qualifica e titolo di studio con gli altri “colleghi” dei piani inferiori! Basta spostarsi di appena qualche stanza o svoltare un corridoio per trovare retribuzioni nettamente inferiori a quelle percepite da chi siede vicino al “fuoco”!
Insomma, nelle pubbliche amministrazioni, vale in termini di emolumenti e indennità accessorie il secondo principio della termodinamica che tiene conto del carattere di irreversibilità del passaggio di calore da un corpo caldo ad un corpo freddo. 
Ma in un momento di crisi nera come questo, con una disoccupazione senza precedenti e stipendi e pensioni da fame, in cui tutti gli italiani sono stati chiamati a tirare la cinghia per salvare il Paese dalla bancarotta, l’alzata di scudi dei Super-impiegati di Montecitorio che godono di retribuzioni a dir poco “faraoniche” rispetto a quelle non solo del resto degli Statali, ma di qualsiasi altro lavoratore da qui fino a Marte e il fatto che la politica e il sindacato siano sia d’accordo con loro a mantenere certi assurdi privilegi è inaccettabile!
Assurdo? Sì, ma è andata proprio così. Dalla politica e dai sindacati è arrivato il niet alla moralizzazione di certi emolumenti! Vada per la politica, considerato il fatto che a votarli ci vanno solo gli “amici degli amici”, ma il sindacato? Il sindacato - prima che diventasse il trampolino di lancio dei suoi leader nella pappatoria della politica - era ‘garante’ dei diritti di tutti i lavoratori. Poi nel corso delle varie tangentopoli, parentopoli, ruberie e porcate varie, è assurto a paladino dei lavoratori più privilegiati e garantiti. Nonostante le centinaia di migliaia di lavoratori a 1.200 euro al mese che hanno stracciato la tessera sindacale nella P.A., lo tsunami del cambiamento non è ancora arrivato nelle segreterie confederali, laddove ancora oggi vige la discriminante che una tessera vale di più a Montecitorio che al Ministero della Pubblica Istruzione, che un loro iscritto vale cento al Senato e uno in fabbrica. Ma proprio da quei lavoratori italiani che le stesse organizzazioni sindacali considerano di "serie B" per il solo fatto di prestare servizio lontano dal “fuoco dove ci si scalda", arriverà presto quel “declassamento” che ridurrà la “Triplice” alla sola rappresentanza di se stessa e della “casta”!
______________________________________________________________________________
SCOPPIA IL CASO DEGLI STIPENDI D'ORO ANCHE DEI SINDACALISTI. Un ex funzionario del sindacato ha denunciato i mega compensi di alcuni dirigenti dell'organizzazione guidata da Annamaria Furlan e per questo verrà espulso. Nel dossier - rivelato da Repubblica - e firmato da Fausto Scandola un atto d'accusa corredato di nomi e cifre: retribuzioni che sfiorano i 300mila euro l'anno e superano quindi anche il tetto fissato per i dirigenti pubblici (240mila euro).

14 commenti:

  1. Che dire? Non ci resta che aspettare le elezioni per mandarli a zappare!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Felix, aspettare le elezioni è un madornale errore. Il 2018 (come vuole il demente Renzi) è troppo lontano, moriremo prima. Guardati intorno: Debito pubblico da "fallimento" come anticipato dal FMI, corruzione e ruberie intollerabili (Draghi e Merkel) banche che aspettano il momento giusto per rubare sui c/c dei cittadini, Inps che non pagherà più le pensioni causa l'enorme debito e, tanto altro.
      Cordiali saluti Alfio Lago - Padova.

      Elimina
  2. L'unica speranza che ci resta è a 5stelle!!!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Alle prossime elezioni politiche , dopo la dimostrazione dell'opera de nostri parlamentari in Parlamento, se gli Italiani non confermeranno il trend dei sondaggi e manderanno al potere il M5S, bisognerà farsene una ragione di preoccupazione!

      Elimina
  3. Se milioni di lavoratori campano con mille euro, perchè loro devono prendere tutti quei soldi? che ci fanno? se li fumano?

    RispondiElimina
  4. Ma perchè i sacrifici dobbiamo farli solo noi e loro no!?

    RispondiElimina
  5. BastaCasta07 agosto, 2015

    Senza vergogna, rapinano i contribuenti a volto scoperto!

    RispondiElimina
  6. Forse li pagano tanto perchè sudano tanto, si prevedono inondazioni!!!

    RispondiElimina
  7. camera e senato: obbligatorie 10 camicie, le proverbiali sette le hanno già sudate tutte

    RispondiElimina
  8. a montecitorio fanno le pratiche con i ricami

    RispondiElimina
  9. Allertata la Protezione Civile. A Montecitorio si temono inondazioni per il troppo sudare dei suoi dipendenti!

    RispondiElimina
  10. Appunto, non resta che attendere. La rivoluzione non è nel nostro dna e le camere può scioglierle solo Mattarella

    RispondiElimina
  11. Scoppia il caso dei megastipendi alla Cisl. Un ex funzionario del sindacato ha denunciato i mega compensi di alcuni dirigenti dell'organizzazione guidata da Annamaria Furlan e per questo verrà espulso.

    Nel dossier - rivelato da Repubblica - e firmato da Fausto Scandola un atto d'accusa corredato di nomi e cifre: retribuzioni che sfiorano i 300mila euro l'anno e superano quindi anche il tetto fissato per i dirigenti pubblici (240mila euro).

    RispondiElimina
  12. Il sistema è talmente marcio che genera tanti ladri e pochi santi!

    RispondiElimina

freeskipeer è uno spazio libero. L'immediatezza della pubblicazione dei commenti non permette filtri preventivi. Per questa ragione chi commenta è il solo responsabile del contenuto delle proprie affermazioni. freeskipeer si dissocia da eventuali messaggi lesivi di diritti di terzi.

freeskipeer si dissocia categoricamente da:
- messaggi con linguaggio offensivo
- messaggi che contengono turpiloquio
- messaggi con contenuto razzista o sessista
- messaggi il cui contenuto costituisce una violazione delle leggi italiane (istigazione a delinquere o alla violenza, diffamazione, ecc.)