Matteo Renzi non è uno statista.

Il “premier senza voto” è tutto, tranne che uno statista. Che non ci sia mai piaciuto - per come è diventato presidente del consiglio e per il suo operato - non è certo un mistero, anche se nessuno può negare che sia un tipo scaltro, furbo e con un’intelligenza brillante. Doti mal riposte e altrettanto malamente impiegate. Infatti, se queste sue indiscutibili qualità fossero state indirizzate al raggiungimento del bene comune, messe al servizio della collettività e non sciupate in quelle “riformette” che invece di migliorare la vita degli italiani l’hanno peggiorata, allora sì che sarebbe stato tutto il contrario di quello che è oggi. Si è circondato di figuranti per non essere offuscato. “Signorsì” che brillano di luce riflessa, la sua. In quasi due anni di legislatura è riuscito ad occupare tutte le poltrone del potere, pretendendo dai suoi obbedienza assoluta e fedeltà incondizionata. È scaltro, furbo, intelligente e pure accentratore. Decide persino chi deve andare a Ballarò, anche se poi si lamenta del fatto che le repliche di Rambo fanno più ascolti dei talk show del martedì sera!
 Di solito sceglie signore attraenti, molto belle e altrettanto sexy, dalla parlantina facile per recitare a memoria il suo copione. Le "giovani marmotte" venute fuori da non si sa bene dove, non sgarrano mai e diffondono ovunque “il verbo” ripetendo all’infinito il mantra del "caposcout": con noi al governo l’Italia ha cambiato verso, la ripresa è in atto, il Paese è ripartito. Lui è scaltro, è furbo, è intelligente, ma la maggioranza degli italiani (circa il 70 per cento sommando chi dichiara di non votarlo e chi si astiene) non è fessa e non si lascia abbindolare dalle chiacchiere della pattuglia renziana, perché i fatti dicono ancora a chiare lettere di migliaia di migranti che sbarcano sulle nostre coste, di un debito pubblico che gira a tempi da record di pari passo con la corruzione, l’evasione fiscale, la disoccupazione, la carenza dei servizi essenziali, le ingiustizie sociali e l'eccessiva fiscalità che ha cancellato a colpi di tasse il ceto medio a fronte di stipendi e pensioni al disotto della media europea e ad oggi del tutto inadeguati al costo della vita.

4 commenti:

  1. Purtroppo si sa fin troppo bene da dove vengono, loro sono il centro del vecchio potere catto-comunista che si nutre di nomine poltrone e controllo della cassaforte che non mira a migliorare le cose ma soltanto a perpetuare il proprio comando. Altro che cambiare il mondo: questi vogliono soltanto dominarlo. E, purtroppo, ci stanno riuscendo benissimo.

    RispondiElimina
  2. Non vengono dal nulla. Sono uomini e donne di potere. Potere vero. Basta vedere come hanno gestito la partita delle riforme al Senato, usando prima i verdiniani e poi la minoranza Pd, con la vecchia tecnica del doppio forno, annullando il potere di veto di entrambi e riducendoli in pratica a zerbini più o meno inutili. Un’operazione sopraffina, lo ripeto, che si nutre delle più consumate logiche di potere, un’azione da veri professionisti della politica, come essi sono.

    RispondiElimina
  3. Altro che rottamazione, questi si muovono con la stessa abilità, con la stessa perfidia e con la stessa padronanza delle logiche di retrobottega che avevano Fanfani e De Mita. Quello è il mondo da cui vengono.

    RispondiElimina
  4. L’aria da scout (Renzi) e da madonnina tacco 12 (Boschi) l’hanno assunta solo per conquistare le leve del comando, nascondendo la loro vera natura, assai più cinica e strutturata di quello che hanno fatto apparire. Non vengono dal nulla. Sono uomini e donne di potere. Potere vero.

    RispondiElimina

freeskipeer è uno spazio libero. L'immediatezza della pubblicazione dei commenti non permette filtri preventivi. Per questa ragione chi commenta è il solo responsabile del contenuto delle proprie affermazioni. freeskipeer si dissocia da eventuali messaggi lesivi di diritti di terzi.

freeskipeer si dissocia categoricamente da:
- messaggi con linguaggio offensivo
- messaggi che contengono turpiloquio
- messaggi con contenuto razzista o sessista
- messaggi il cui contenuto costituisce una violazione delle leggi italiane (istigazione a delinquere o alla violenza, diffamazione, ecc.)