Reddito di cittadinanza. La Caporetto del Movimento5Stelle?

Il Reddito di Cittadinanza rischia di diventare la Caporetto del M5S, altro che "...una misura per salvare l'Italia che rimette al centro onestà e anche dignità: chi ne usufruisce, infatti, dovrà intraprendere percorsi formativi ed essere accompagnato dallo Stato nella ricerca di un lavoro."! Sì, accompagnato alla ricerca di un lavoro che non c’è e per giunta da uno Stato che non è in grado di garantirlo in termini dignitosi neppure agli occupati?
 Questo sistema di aiuto pubblico può andar bene per altre nazioni, certamente più civili della nostra italietta dove ‘fatta la legge, trovato l’inganno’, dove i finti invalidi sono più delle persone sane, dove le pensioni sociali corrisposte a chi non ha mai versato neppure un euro di contributi sono un’emorragia inarrestabile per le casse dell’Inps, dove l’evasione e il lavoro nero la fanno sempre più sporca. Va bene aiutare le categorie più deboli, ma non è certo quella del Reddito di Cittadinanza la strada giusta, almeno per il nostro Paese che, invece, dovrebbe investire quei soldi, che il M5S vuole destinare al Reddito di Cittadinanza, per abolire la riforma Fornero e porre in essere le condizioni per un necessario ricambio generazionale nel mondo del lavoro, fuori i vecchi dentro i giovani, per contrastare la corruzione e l'evasione, per ridurre il costo del lavoro e la pressione fiscale a chi il lavoro può crearlo per davvero in fabbrica e in azienda e che invece chiude bottega o delocalizza le proprie attività produttive, per mettere più soldi nella busta paga dei lavoratori dipendenti. Solo così l'Italia riparte. Paradossalmente, se entrasse in vigore una legge per il “Reddito di Cittadinanza”, quanto sarebbe vantaggioso restare a lavorare fino a 70 anni con uno stipendio da fame, prossimo allo stesso Reddito di Cittadinanza, e con una pensione che se la batte con quella sociale?

13 commenti:

  1. Che articolo pressapochista ... sarebbe meglio che uno prima di scrivere certe bestialità si informasse... sempre se sa leggere!

    RispondiElimina
  2. Informaci e illuminaci ci tu, allora, che sai leggere e scrivere!

    RispondiElimina
  3. Quando si dice pane al pane e vino al vino il rischio è quello di essere tacciati di populismo e pressappochismo!

    RispondiElimina
  4. Oggi un lavoro e una casa di proprietà sono una colpa grave, campa bene chi non ha niente e lo fa alle spalle dei soliti fessi.

    RispondiElimina
  5. ottimo articolo! il movimento 5s e' ultrastatalista e tassaiolo non differente dagli altri

    RispondiElimina
  6. Una brutta cantonata, ma m5s resta il meglio che passa il convento!

    RispondiElimina
  7. Non condivido il reddito di cittadinanza, ma resto sempre un 5Stelle.

    RispondiElimina
  8. Non si può pagare chi non lavora come chi si alza tutte le mattine alle 5 per rientrare a casa a tarda sera!

    RispondiElimina
  9. Il lavoro si crea defiscalizzandolo, non mantenendo i poltroni!

    RispondiElimina
  10. Sono favorevolissimo agli ammortizzatori sociali come la cassa, ma il r.c. è come bestemmiare in chiesa!

    RispondiElimina
  11. Non si può svalutare il lavoro in questo modo, ma bisogna dare stipendi dignitosi e creare nuove opportunità per i più giovani, difendendo diritti conquistati dopo anni di lotte e rivendicazioni.

    RispondiElimina
  12. Abolire la riforma Fornero e porre in essere le condizioni per un necessario ricambio generazionale nel mondo del lavoro, fuori i vecchi dentro i giovani, altro che reddito di cittadinanza!!!

    RispondiElimina
  13. Reddito di cittadinanza? Fatta la legge Trovato l'inganno. Siamo italiani!

    RispondiElimina

Freeskipeer è uno spazio libero. L'immediatezza della pubblicazione dei commenti non permette filtri preventivi. Per questa ragione chi commenta è il solo responsabile del contenuto delle proprie affermazioni. freeskipeer si dissocia da eventuali messaggi lesivi di diritti di terzi.

Freeskipeer Italia si dissocia categoricamente da:
- messaggi con linguaggio offensivo
- messaggi che contengono turpiloquio
- messaggi con contenuto razzista o sessista
- messaggi il cui contenuto costituisce una violazione delle leggi italiane (istigazione a delinquere o alla violenza, diffamazione, ecc.)