Un futuro senza pensione.

In Italia, dove qualcuno si ostina ancora a dire che siamo usciti dal tunnel della crisi, assistiamo impotenti ad una costante svalutazione del mondo del lavoro. Stipendi troppo bassi per reggere al caro vita, lavoro nero che la fa da padrone e sistema previdenziale che rischia di implodere se non si riuscirà, quanto prima, a separare l’assistenza, da far gravare sulla fiscalità generale, dalla previdenza. Se non si fa qualcosa adesso per mitigare gli effetti disastrosi del "contributivo secco", tra qualche decennio coloro che lasceranno il lavoro per sopraggiunti limiti di età (67 anni + speranza di vita), riceveranno una pensione pari ad un terzo del loro ultimo stipendio. Poco meno di una pensione sociale! Con il sistema del calcolo contributivo e l'aliquota tra il 10 ed il 14 per cento, si avranno, infatti, trattamenti previdenziali davvero troppo bassi per campare dignitosamente. Occorre intervenire bene ed in fretta, altro che chiacchiere!

2 commenti:

  1. È inevitabile. Nel paese a contributivo puro qualcuno fa l'Università molti sono analfabeti. Qualcuno può andare in ospedale a curarsi molti no etc etc. Il totem tanto versi tanto ricevi è una truffa vestita da angioletto bianco che ti capitalizza la pensione al PIL del paese più corrotto al mondo! Nel contesto italico il lavoratore pagherà 2 volte le truffe perche il parametro PIL usato gli addebiterà nel calcolo pensione il municipio di Sanremo e poi una seconda volta lo pagherà nella IRPEF! Il tutto secondo la maxi semplificazione che piace a tutti: tanto paghi tanto prendi. Se fai un prudente piano privato con il tuo 33% hai il 2'4% nel 2014 e non zero Virgola poco. Dimenticato un piano privato non manda Marino a messa in USA!

    RispondiElimina
  2. Sulle pensioni ci stanno truffando, negandoci diritti acquisiti dopo anni di dure lotte sindacali: vergogna!

    RispondiElimina

freeskipeer è uno spazio libero. L'immediatezza della pubblicazione dei commenti non permette filtri preventivi. Per questa ragione chi commenta è il solo responsabile del contenuto delle proprie affermazioni. freeskipeer si dissocia da eventuali messaggi lesivi di diritti di terzi.

freeskipeer si dissocia categoricamente da:
- messaggi con linguaggio offensivo
- messaggi che contengono turpiloquio
- messaggi con contenuto razzista o sessista
- messaggi il cui contenuto costituisce una violazione delle leggi italiane (istigazione a delinquere o alla violenza, diffamazione, ecc.)