Una deroga al regolamento 5Stelle per Di Battista sindaco di Roma!

di Silvia da Roma. Mi chiamo Silvia e sono una cittadina romana che da anni segue il MoVimento5Stelle. Con le dimissioni di Marino la Roma a 5Stelle ha bisogno di una candidatura forte. So che Di Battista e la Taverna hanno preso un impegno diverso e molto importante con gli elettori di tutta Italia, so della "regola" che impedisce a chi è stato eletto per una carica di candidarsi a un'altra prima del
termine del mandato, ma questa può essere la svolta decisiva. Come decisivo è stato togliere il divieto ai parlamentari di Grillo di partecipare ai talk show! La gente, soprattutto alle amministrative, non vota solo le idee o i partiti, ma soprattutto le persone che ci mettono la faccia. Candidare una persona poco riconoscibile seppur onesta, preparata e qualificata sarebbe un errore politico dal mio punto di vista. Salvare Roma sarebbe un segnale forte a livello nazionale per far capire la vera natura e le capacità del MoVimento. Questa può essere per davvero la volta buona. Adesso o mai più! Visto che Alessandro e Paola si sentono giustamente vincolati dall'impegno che hanno preso con gli elettori vorrei si proponesse un sondaggio in cui gli stessi elettori del MoVimento5Stelle possano votare una loro eventuale candidatura a sindaco di Roma, liberandoli dal loro mandato parlamentare per assumerne uno altrettanto importante, impegnativo e gravoso come quello di sindaco della Capitale d'Italia.

2 commenti:

  1. NO allora saremmo come gli altri che non rispettano le regole!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. ...si comincia sempre così, e poi si finisce come andreotti, craxi, de mita, renzi

      Elimina

Freeskipeer è uno spazio libero. L'immediatezza della pubblicazione dei commenti non permette filtri preventivi. Per questa ragione chi commenta è il solo responsabile del contenuto delle proprie affermazioni. freeskipeer si dissocia da eventuali messaggi lesivi di diritti di terzi.

Freeskipeer Italia si dissocia categoricamente da:
- messaggi con linguaggio offensivo
- messaggi che contengono turpiloquio
- messaggi con contenuto razzista o sessista
- messaggi il cui contenuto costituisce una violazione delle leggi italiane (istigazione a delinquere o alla violenza, diffamazione, ecc.)