La politica passa la mano a prefetti, magistrati, imprenditori.

di Maurizio Guandalini. Ricordate la Lega di Bossi? Prefetti a casa. Prefetture chiuse. Un idea che aveva catturato per la sua semplicità: cosa servono le prefetture? Sbaraccare era una soluzione convincente perché c'era la sensazione di eliminare una struttura burocratica, polverosa, che frenava, e soffocava, il funzionamento dell’arrugginita macchina statale.
Sembra passato un secolo. Ora i prefetti sono tornati centrali. Da Gabrielli a Tronca. Addirittura riveriti. La loro missione salvifica è santificata. Sono assurti a modello morale e di efficienza. Il loro intervento è pronto e arriva quando la politica è incapace e si arrende. E pensare che i prefetti sono un coacervo di privilegi, nell'esercizio delle loro funzioni, pesante. Sono dei mastini dal potere intoccabile che ingessa e conserva ogni “cosa” che toccano (per conto dello Stato, certo). Gabrielli, Tronca, ma ci sono anche magistrati lì lì, tra il tecnico e il politico: Cantone, De Magistris sindaco di Napoli, Sabella ex assessore a Roma, Emiliano presidente della regione Puglia. Eppoi tutta la schiera dei manager pronti alla prossima infornata, in primis Sala, commissario Expo che in una lampante dichiarazione ha detto: Destra e Sinistra? Me ne frego. Ma che serve la politica se è tutta in mano a queste figure? Pensavamo che il Governo Monti (con ammiragli, prefetti e professori) rappresentasse il fallimento massimo della figura del non-politico e, con Renzi arrivasse, finalmente, il primato della politica. Invece, per paradosso, anche l’antipolitica del movimento 5 Stelle ha favorito, e favorisce, la ricerca di persone fuori dai partiti facendo passare per buono il modello dell’uomo dalle mani pulite che coincide con il ritratto, più in voga in questo momento cioè colui che va bene a tutti, senza casacca, meglio se ‘servitore’ dello Stato perché garanzia di pulizia e legalità. L’antesignano principe di questa formula fu proprio Berlusconi-imprenditore che dopo Tangentopoli entrò nell’agone contro il ‘teatrino della politica’. E poi fu la volta del magistrato Di Pietro che fece il Ministro e fondò un partito. La supplenza della politica fu pagata in questo modo. Il punto è che queste figure sopra elencate sono tutte brave, belle, immacolate nel momento che fanno il loro mestiere che spesso fa i conti con delle regole, certo, ma sempre nel recinto di poteri speciali e delimitati: il magistrato, il prefetto, l’imprenditore. Una volta al potere, a governare ministeri, regioni, comuni l’incanto si esaurisce. Allora non è proprio così vera la vulgata che per riparare il buco di una strada non conta essere di centro, di sinistra o di destra!

1 commento:

  1. TI RISULTA CHE i 5 STELLE ABBIANO IL POTERE DI DECIDERE QUALCOSA? PURTROPPO NO per il momento l'unica cosa che hanno deciso è un gesto ammirevole che è quello di ridursi ,chiamiamolo cosi,LO STIPENDIO

    RispondiElimina

Freeskipeer è uno spazio libero. L'immediatezza della pubblicazione dei commenti non permette filtri preventivi. Per questa ragione chi commenta è il solo responsabile del contenuto delle proprie affermazioni. freeskipeer si dissocia da eventuali messaggi lesivi di diritti di terzi.

Freeskipeer Italia si dissocia categoricamente da:
- messaggi con linguaggio offensivo
- messaggi che contengono turpiloquio
- messaggi con contenuto razzista o sessista
- messaggi il cui contenuto costituisce una violazione delle leggi italiane (istigazione a delinquere o alla violenza, diffamazione, ecc.)