Laurearsi con lode a 28 anni non serve, meglio in fretta con voti bassi!

Dopo gli choosy della Fornero, arriva pure la laurea mordi e fuggi dall'Italia e/o resta e muori disoccupato, di Poletti, ad ulteriore testimonianza di come chi governa il Paese sia lontano anni luce dalla realtà.
Durante l'evento Job&Orienta, dedicato alla formazione e al mondo del lavoro, è intervento anche il ministro del lavoro, Giuliano Poletti che ha parlato di come gli studenti in Italia passino troppo tempo in università e di quanto cerchino di raggiungere voti alti invece di pensare al tempo con il quale poi riescono a laurearsi: "Prendere 110 e lode a 28 anni non serve a un fico, è meglio prendere 97 a 21. Così un giovane dimostra che in tre anni ha bruciato tutto e voleva arrivare". Arrivare? Sì, ma arrivare dove se i posti di lavoro sono occupati dagli ultrasessantenni? Laurearsi in fretta per raggiungere prima lo status di disoccupato a vita oppure per fare le valigie alla volta di un Paese più serio di quello governato dagli attuali politici che stanno, loro sì, "bruciando tutto", persino la libertà di laurearsi a pieni voti!

5 commenti:

  1. il fatto è che una laurea non serve né a 21 né a 28 anni se non hai santi in paradiso

    RispondiElimina
  2. Non date retta a Poletti serve prendere i "voti" per avere l'attico di Bertone.

    RispondiElimina
  3. Ho 24 anni, mi manca solo la tesi, ma pur di non darla vinta a Poletti la presento tra 4 anni.

    RispondiElimina
  4. Ha ragione Poletti, laurearsi con lode a 28anni non serve, specie se puoi diventare ministro con solo il diploma e senza alcun merito

    RispondiElimina
  5. meglio prendere la tessera del Pd che uno straccio di laurea, la carriera ci guadagna!

    RispondiElimina

freeskipeer è uno spazio libero. L'immediatezza della pubblicazione dei commenti non permette filtri preventivi. Per questa ragione chi commenta è il solo responsabile del contenuto delle proprie affermazioni. freeskipeer si dissocia da eventuali messaggi lesivi di diritti di terzi.

freeskipeer si dissocia categoricamente da:
- messaggi con linguaggio offensivo
- messaggi che contengono turpiloquio
- messaggi con contenuto razzista o sessista
- messaggi il cui contenuto costituisce una violazione delle leggi italiane (istigazione a delinquere o alla violenza, diffamazione, ecc.)