Non occorre un referendum costituzionale per rottamare chi ha rottamato la democrazia senza prendere neppure un voto!

Grandissimo, insuperabile, parolaio. Il number-one della tele-vendita. Come twitta lui, non twitta nessuno! Egocentrico, strafottente, autocratico, ambizioso, a tal punto, da essere stato capace di: diventare il capo del governo italiano senza passare per il consenso popolare; svalutare il mondo del lavoro senza concertazione con le parti sociali, dacchè considera ogni forma di consultazione democratica una inutile perdita di tempo; spacciare per riforme strutturali una
passata di vernice, persino di pessima qualità, sul ferro vecchio e arrugginito di un’Italia sfasciata che, invece, ha bisogno di un nuovo motore per rimettersi in moto; trasformare il referendum costituzionale dell’autunno 2016 in un sondaggio su se stesso: "Se perdo il referendum costituzionale - scandisce - considererò fallita la mia esperienza politica."!? Parole, chiacchiere, cabaret, fumo. Gli italiani ricordano bene lo “Stai sereno" a Enrico Letta e “Io premier senza votare? Chi ce lo fa fare?”. Tutte controindicazioni alla salute del nostro sistema democratico, che certo non lo sfratteranno oggi stesso da Palazzo Chigi, ma che non lo aiuteranno a salire sul podio di Mister Simpatia. Ma in politica l’essere simpatico conta fino ad un certo punto. Alla resa dei conti quel che pesa sono i fatti. E il "premier senza voto" è la dimostrazione vivente di chi sa vendere tanto fumo, ma che poi quando c’è da portare a tavola l’arrosto lascia tutti a bocca asciutta. Tutti tranne lui e il giglio magico. Tutti tranne lui, i suoi amici e gli amici degli amici! 
È da metà degli anni '90 che il reddito per abitante in Italia perde terreno rispetto alle altre economie europee. Il ceto medio è stato massacrato e rischia l’estinzione. I poveri sono sempre più poveri e aumentano di anno in anno. E questo perché, come sostengono illustri economisti internazionale e non i soliti gufacci nostrani, la "produttività totale dei fattori" (l'organizzazione e le regole del lavoro, le competenze, gli investimenti e la tecnologia, la burocrazia, l'apertura del mercato, le infrastrutture o le forniture energetiche) è in calo (0,3% l'anno) dalla fine del secolo scorso, caso praticamente unico, visto che cresce quasi ovunque nel resto d'Europa e negli Stati Uniti. La "produttività totale dei fattori", più del debito o della crescita, è il termometro del sistema. E in Italia, scende da 15 anni. Basta spremere i “soliti fessi”. Se non si adeguano salari e pensioni alla media europea, dell’Italia non resteranno neppure le macerie! Pertanto, considerata la gravità del momento, non occorre aspettare il referendum del 2016 per rottamare chi ha rottamato la democrazia! Così come dopo la caduta del governo Berlusconi non è stato concesso agli italiani il diritto/dovere di andare a nuove elezioni, ma si è pensato "male" di affidare il governo del Paese a ben tre presidenti del consiglio "nominati" e mai eletti che hanno ridotto l'Italia ad un cumulo di rovine, che adesso si ripristini la democrazia e che la parola torni al popolo sovrano! 

10 commenti:

  1. Il Presidente della Repubblica, considerata la gravità del momento e l'incapacità dell'attuale esecutivo, farebbe bene a sciogliere le camere!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ma se ce lo ha messo il Bomba al Quirinale come si fa a pretendere una pugnalata del genere!? Va bene che non c'è più religione, non dico tanto, ma almeno un pò di riconoscenza...

      Elimina
    2. Ma vi sembra onesto rinunciare da parte loro ad altri due anni di stipendi d'oro per far cadere questo governo che bene o male li fa magnà tutti?

      Elimina
  2. Nuove elezioni per ripristinare la democrazia in un Paese che ha bisogno di certezze e non di chiacchiere!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. E chi dovrebbe essere a prendere il posto di Renzi, l'altro Matteo? Sarebbe come cadere dalla padella alla brace: povera Italia. W papa francky!

      Elimina
  3. Chi si aspetta il colpo di scena del Quirinale nel discorso di fine anno, dorma pure sonni tranquilli su reti... unificate!

    RispondiElimina
  4. Questo venditore di fumo, tutto chiacchiere e distintivo non mi piace, ma che posso fare se non aspettare di votare per farglielo sapere?

    RispondiElimina
  5. E' ridicolo nei modi, negli usi e nei costumi: è ridicolo in tutto, è semplicemente il peggio che poteva capitarci!

    RispondiElimina
  6. Un Giullare a corte quando invece ci sarebbe bisogno di un Cavaliere...

    RispondiElimina
  7. Chiama gufi coloro che vedono la reale situazione del Paese, questo per accaparrarsi quelli con gli occhi chiusi e le orecchie tappate: svegliatevi le favole son finite!

    RispondiElimina

Freeskipeer è uno spazio libero. L'immediatezza della pubblicazione dei commenti non permette filtri preventivi. Per questa ragione chi commenta è il solo responsabile del contenuto delle proprie affermazioni. freeskipeer si dissocia da eventuali messaggi lesivi di diritti di terzi.

Freeskipeer Italia si dissocia categoricamente da:
- messaggi con linguaggio offensivo
- messaggi che contengono turpiloquio
- messaggi con contenuto razzista o sessista
- messaggi il cui contenuto costituisce una violazione delle leggi italiane (istigazione a delinquere o alla violenza, diffamazione, ecc.)