Stipendi e Pensioni da morti di fame per noi. Compensi d'oro per loro!

In Italia - e stiamo parlando di un Paese Ue mica del Burundi - abbiamo ancora le retribuzioni più basse, le tasse più elevate e i servizi più scadenti del Vecchio continente! Alchè l'ottimismo sbandierato a destra e manca dal "premier senza voto" sembra per davvero fuori luogo e di cattivo gusto! Almeno per tutta quella 'gente per bene' che campa onestamente con stipendi e pensioni
da "MILLE EURO AL MESE" e che nonostante ciò paga fino all'ultimo centesimo di tasse per poi ritrovarsi a fine mese col problema di mettere insieme il pranzo con la cena e con servizi pubblici che dire "inadeguati", per quanto ci costano, è dire per davvero troppo poco! Comunque noi siamo i "gufi ribelli" e non facciamo testo. Ma pure l'Istat è un grande gufo? Secondo l'Istituto nazionale di statistica, quasi un pensionato su due, 6 milioni e mezzo di persone, percepisce un assegno sotto i mille euro al mese, mentre sono 240mila gli "intoccabili" a poter intascare una pensione "dorata", sopra i 5mila euro. Sono i dati Istat del 2014 sulle pensioni italiane. Il 40,3% dei pensionati - rileva l'Istituto diffondendo i dati del 2014 - percepisce un reddito da pensione inferiore a 1.000 euro al mese. Si tratta di oltre 6 milioni e mezzo di persone, più di quattro su dieci. I pensionati che in Italia possono contare su oltre 5.000 euro al mese sono quasi 240.000, appena l'1,4% del totale. Altri 767.000 pensionati (il 4,7% dei 16,25 milioni di pensionati) può contare su redditi da pensione tra 3.000 e 5.000 euro al mese. Tra il 2011 e il 2014 i pensionati in Italia sono diminuiti di oltre 400.000 unità, tra 16.668.000 del 2011 a 16.259.000 del 2014. Il dato con tutta probabilità risente della stretta sui pensionamenti decisa con la riforma Fornero della previdenza. Quasi la metà delle pensionate non arriva a mille euro mensili. Nel 2014 il reddito da pensione si ferma prima per il 49,2% delle donne. Le donne con meno di mille euro al mese sono oltre 4,2 milioni. Tra queste possono contare su meno di 500 euro 1.169.000 persone. E non andrà meglio ai 35enni di oggi che a dire dell'Inps - altro gufaccio!? - percepiranno, a fine attività lavorativa, una pensione pari a circa il 25% inferiore a quella dei loro genitori pur lavorando fino a 75 anni e versando fino all'ultimo centesimo di contributi. C'è poco da essere ottimisti. Ma lui, il "premier senza voto", twitta che siamo tornati a crescere. Più povertà, più disoccupazione giovanile, più spesa pubblica, più tasse, più insicurezza, più ingiustizie, più malaffare, più corruzione, più evasione fiscale! Questa è l'unica crescita che si registra oggi in Italia! E questa crescita ci fa paura! 

6 commenti:

  1. saremo pure dei gufi ribelli, ma loro sono degli avvoltoi mai sazi: lupi famelici!

    RispondiElimina
  2. va bene essere ottimisti, ma visionari no!

    RispondiElimina
  3. Ci vuole poco ad essere ottimisti con uno stipendio da presidente del consiglio!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Che si riduca lo stipendio a quello di un impiegato e poi vediamo se continua a vedere il bicchiere mezzo pieno!?!?

      Elimina
  4. neppure i pagliacci potrebbero ridere tanto sulle macerie di un paese a pezzi come il nostro, eppure c'è chi se la gode

    RispondiElimina
  5. nessuno lo ha mai eletto per governare ne tantomeno per cambiare la costituzione e abrogare il diritto del lavoro

    RispondiElimina

freeskipeer è uno spazio libero. L'immediatezza della pubblicazione dei commenti non permette filtri preventivi. Per questa ragione chi commenta è il solo responsabile del contenuto delle proprie affermazioni. freeskipeer si dissocia da eventuali messaggi lesivi di diritti di terzi.

freeskipeer si dissocia categoricamente da:
- messaggi con linguaggio offensivo
- messaggi che contengono turpiloquio
- messaggi con contenuto razzista o sessista
- messaggi il cui contenuto costituisce una violazione delle leggi italiane (istigazione a delinquere o alla violenza, diffamazione, ecc.)